uomini

Uomini

di Eduardo Savarese (Magistrato in Napoli e scrittore)

La riscoperta delle virtù: il coraggio

In questi giorni di arresto forzato (per chi può e, allo stato, io posso e devo) nella propria casa, gli spazi e i tempi di silenzio in compagnia di se stessi sono molti, addirittura troppi. Intorno, si leva un grandissimo rumore: le comunicazioni sui social elevate all’ennesima potenza, il bombardamento informatico (spesso inappropriato, lacunoso, confusionario), la moltiplicazione di iniziative comunicative a tutti i costi (chi non si vedeva e sentiva da mesi, da anni, sente l’urgenza indomabile di avviare chiassose e innumerevoli videochat).

In questo frastuono, che rende spesso difficile la concentrazione, la focalizzazione, la lucida visione di quanto sta accadendo, e in questo dolore per le tante vite perdute (nella solitudine, se non nell’abbandono), ho pensato alle “virtutes”, alle virtù.
Termine e concetto forse caduti in desuetudine: delle virtù morali e teologali sono tappezzati i soffitti delle dimore storiche di tutta Europa, e, quando eravamo turisti, le osservavamo con il distacco un po’ curioso e forse cinico di chi guarda un fossile. Ma, come i fossili, le virtù hanno molto da dire. Proprio oggi, più che mai.

Mi sono soprattutto soffermato a pensare alla virtù del coraggio. Che ha a che fare col cuore, nel senso vasto dell’intera personalità, dell’intera vita di donne e uomini.

Siamo uomini coraggiosi? Ma cosa significa, in questo frangente, essere coraggiosi?

La prima notazione, intorno al coraggio, è che di fronte alla morte ci stiamo scoprendo totalmente privi di coraggio. E non intendo svilire il senso naturale e sano che ci porta a difendere la nostra vita, e quella di chi amiamo, e anche quella di una collettività più vasta, se non dell’umanità nel suo insieme. La vita va difesa, i governi devono difenderla: il diritto alla vita è il centro delle dichiarazioni dei diritti e delle costituzioni che hanno a cuore la persona umana.

Mi riferisco invece alla dimostrazione perfetta, che si sta consumando in queste drammatiche settimane, che gli uomini del XXI secolo, certamente quelli occidentali e italiani, hanno disperso totalmente una vera, profonda cultura della morte. Essi sono schiacciati, terrorizzati, angosciati oltre ogni misura, vivono la morte come una sventura mostruosa cui sono inchiodati da un momento all’altro, come topi avvelenati da un padrone di casa spietato.

Questa paura mette a nudo ogni nostra fragilità, ogni nostra malattia fisica e spirituale, individuale e collettiva, e la paura si presta a costituire il terreno più fertile per l’esercizio di dispositivi di potere che, in nome della sicurezza (cosa c’è di più sicuro che preservare la vita?), contengono la vita, le libertà, l’espressione relazionale di ciò che siamo. E, si badi, non mi riferisco solo al potere politico, ma alle strategie di potere che noi attuiamo su noi stessi, nelle nostre case e famiglie, nelle nostre relazioni.

Occorre recuperare la virtù del coraggio di guardare bene, in queste settimane di silenzio, solitudine e inamovibilità, dentro noi stessi, le nostre relazioni, il nostro rapporto col potere pubblico e privato, ivi compreso quello con Dio (per chi ci crede); il coraggio di osservare la morte, di onorare i morti; il coraggio di chiedersi sempre “perché sta accadendo?”, “perché in questo modo?”. La paura mette a tacere tutto questo e ci immette in una gabbia in cui stiamo lì a ringhiare soltanto una frase, ossessivamente abbaiata: “devo vivere, devo vivere, devo vivere”. Forse, sopravvivere…

Alla virtù del coraggio deve accoppiarsi, quanto meno, quella della prudenza: uomini prudenti nel coraggio, o coraggiosi nella prudenza. Entrambe queste virtù sono un viatico per affrontare il presente, stare con i piedi nella realtà, caricarsi veramente del compito di curare noi stessi e gli altri.

I giuristi, poi, potranno meditare a lungo su quanto coraggio ci sia rimasto di dire le cose col proprio nome, di segnalare le ingiustizie, di riparare i danni, di ascoltare le dinamiche dei conflitti, di sorvegliare il potere, in tutte le sue manifestazioni, tanto più subdole quanto più invocate dallo spirito generale di paura.

Sì, restiamo a casa, rispettiamo ogni prescrizione, ma manteniamo lo sguardo alto verso l’orizzonte. E per non abbassare lo sguardo, ci vuole, sempre, coraggio.

Image credit: Gerd Altmann da Pixabay

https://www.edizionieo.it/author/406/eduardo-savarese
https://www.minimumfax.com/autore/eduardo-savarese-2675

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono