Image-1

Nemo, 20 Gennaio 2035, Little Italy

di Lorenzo Trigiani (Creativo, futurista)

Ho 63 anni, mi occupo di negligenza artificiale.
Negli ultimi 5 anni sono stato ricondizionato due volte.
La prima all’apparato cardiovascolare, la seconda a quello motorio.
Mi chiamo Nemo, ho due figli di 5 e 3 anni che vanno alle medie.
Vivo con Carola, mia moglie, che ha un anno più di me e con Isotta, la mia nuova geisha virtuale.

Carola insegna canto e recitazione al Conservatorio. Ama il teatro e la cucina molecolare.
Abitiamo a Little Italy, un villaggio non distante dal deserto di Roma.

I miei figli, nel tempo libero, praticano jumping e arti marziali con il loro maestro e precettore, Nintendo Wii 18.

Sono un ingegnere bio-informatico, mi occupo di protesi neurali.
Il mio compito è quello di alleggerire la scheda madre, devitalizzare la capacità di apprendimento, inibire i sensori artificiali, per ridurre il rischio di crash e di malattie somatiche.

Una delle patologie più diffuse negli ultimi anni nell’area sud occidentale della comunità è l’ansia da diporto.
Una forma acuta di depressione che colpisce gli uomini dai 40 anni in su, che si sono sottoposti a trattamenti di implementazione intellettiva, per acquisire nuovi skills.

Riduciamo la loro capacità mnemonica del 50%, per ripristinare i valori alchemici dei loro sentimenti.
La cura dura sei mesi, articolati in tre step temporali.

Ai loro occhi sono una sorta di stregone, di sciamano, di dottor Stranamore.
Ho pochi amici, tutti lontani da qui, imprenditori nel campo delle assicurazioni dei Droni e dell’import di meloni da Marte.
Andiamo spesso in vacanza assieme con le famiglie, a sciare sulle dune.

Il giovedì sera io e Carola frequentiamo una scuola di danza e ci abbandoniamo alle melodie del tango.
C’è qualcosa di ancestrale in quei movimenti, così plastici e rituali, che tornati a casa, spesso scoppiamo in lacrime senza motivo.

Sono del segno dei Pesci, ascendente Scorpione.
Isotta ci ride sopra, mi prende in giro, mi dice sempre che lei non crede agli astri, ma ai chips.

Ph. tratta da “iStock by Getty Images”

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.