Nemo, 20 Gennaio 2035, Little Italy

Nemo, 20 Gennaio 2035, Little Italy

di Lorenzo Trigiani (Creativo, futurista)

Ho 63 anni, mi occupo di negligenza artificiale.
Negli ultimi 5 anni sono stato ricondizionato due volte.
La prima all’apparato cardiovascolare, la seconda a quello motorio.
Mi chiamo Nemo, ho due figli di 5 e 3 anni che vanno alle medie.
Vivo con Carola, mia moglie, che ha un anno più di me e con Isotta, la mia nuova geisha virtuale.

Carola insegna canto e recitazione al Conservatorio. Ama il teatro e la cucina molecolare.
Abitiamo a Little Italy, un villaggio non distante dal deserto di Roma.

I miei figli, nel tempo libero, praticano jumping e arti marziali con il loro maestro e precettore, Nintendo Wii 18.

Sono un ingegnere bio-informatico, mi occupo di protesi neurali.
Il mio compito è quello di alleggerire la scheda madre, devitalizzare la capacità di apprendimento, inibire i sensori artificiali, per ridurre il rischio di crash e di malattie somatiche.

Una delle patologie più diffuse negli ultimi anni nell’area sud occidentale della comunità è l’ansia da diporto.
Una forma acuta di depressione che colpisce gli uomini dai 40 anni in su, che si sono sottoposti a trattamenti di implementazione intellettiva, per acquisire nuovi skills.

Riduciamo la loro capacità mnemonica del 50%, per ripristinare i valori alchemici dei loro sentimenti.
La cura dura sei mesi, articolati in tre step temporali.

Ai loro occhi sono una sorta di stregone, di sciamano, di dottor Stranamore.
Ho pochi amici, tutti lontani da qui, imprenditori nel campo delle assicurazioni dei Droni e dell’import di meloni da Marte.
Andiamo spesso in vacanza assieme con le famiglie, a sciare sulle dune.

Il giovedì sera io e Carola frequentiamo una scuola di danza e ci abbandoniamo alle melodie del tango.
C’è qualcosa di ancestrale in quei movimenti, così plastici e rituali, che tornati a casa, spesso scoppiamo in lacrime senza motivo.

Sono del segno dei Pesci, ascendente Scorpione.
Isotta ci ride sopra, mi prende in giro, mi dice sempre che lei non crede agli astri, ma ai chips.

Ph. tratta da “iStock by Getty Images”

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora