Abitare piattaforme

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo

Da più parti sentiamo invocare la necessità di intensificare gli interventi di formazione e di sensibilizzazione, soprattutto per le persone minori di età, per acquisire uno sguardo critico su social media.
Sono questi, infatti, insieme ai tanti effetti positivi che ben conosciamo, a veicolare gli stereotipi sessisti e a diffondere il linguaggio dell’odio con una portata disseminativa superiore ai tradizionali mass-media.

La comunicazione di messaggi violenti con immagini aggressive e misogine e con stereotipi sessisti e razzisti è divenuta istantanea e intuitiva. E finisce con influenzare il clima delle relazioni umane con la presunta naturalità di quote di violenza nelle relazioni tra uomo e donna in particolare e in quelle tra persone in generale.

L’evoluzione di Internet in un sistema integrato di servizi che orientano gli individui rende necessario individuare regole efficaci per la protezione dei diritti fondamentali dai rischi della manipolazione dell’informazione on line e della diffusione del linguaggio dell’odio e della violenza.
E ciò pur nel rispetto dell’equilibrio tra libertà di espressione e libertà di informazione. Tra privacy e protezione dei dati personali. Tra onore e reputazione. Tra uguaglianza e non discriminazione. Tra libertà d’impresa e proprietà intellettuale.

La natura stessa dei social media impone di adottare politiche di collaborazione internazionale affinché gli interventi di contrasto alla circolazione di messaggi inneggianti all’odio e alla violenza siano condivisi a livello globale.
Il contrasto di questi fenomeni o è oltre il diritto nazionale o non è in alcun modo efficace.

È necessario, quindi, educare alla legalità e perseguire in maniera diretta gli illeciti on line, al fine di rafforzare un’etica personale della responsabilità.

È opportuno implementare i sistemi di segnalazione e di intervento sui contenuti illeciti che circolano sui social media, consentendo la eliminazione tempestiva del pregiudizio, pur garantendo un contraddittorio minimo.

In questo è essenziale il ruolo dell’Avvocatura, come presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete.

Oltre alle politiche di prevenzione e di contrasto del linguaggio dell’odio, si impone la necessità di arginare i fenomeni distorsivi che impattano sulla struttura delle relazioni personali, anche sul piano individuale, chiamando alla responsabilità ciascuno di noi.

La tecnologia, infatti, se da una parte costruisce certamente una risorsa, garantendo a tutti i livelli l’accesso a una quantità infinita di informazioni, dall’altra rappresenta un innegabile rischio di isolamento.

Viviamo in una situazione continua di confronto / scontro con chiunque.
Il non luogo o il luogo dei luoghi della comunità virtuale rende ciascuno protagonista di uno scambio continuo di opinioni, più spesso di offese e di aggressioni.

La velocità con cui avviene la “relazione” rende inevitabilmente superficiali i ragionamenti. Non c’è né potrebbe esserci, un’articolazione complessa del pensiero che i bit non tollerano.
L’importante è esserci, tutti convinti di avere in quel momento occupato la scena senza che sia rilevante ciò che si dice.

Contrastare tutto questo è possibile.
Prendendosi il tempo che occorre per ragionare, per confrontarsi, per conoscere, per non cadere nella trappola della incomprensione e della iper-reattività che innescano un perverso meccanismo a catena.

Photo:https://stock.adobe.com/

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…