Abitare piattaforme

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo

Da più parti sentiamo invocare la necessità di intensificare gli interventi di formazione e di sensibilizzazione, soprattutto per le persone minori di età, per acquisire uno sguardo critico su social media.
Sono questi, infatti, insieme ai tanti effetti positivi che ben conosciamo, a veicolare gli stereotipi sessisti e a diffondere il linguaggio dell’odio con una portata disseminativa superiore ai tradizionali mass-media.

La comunicazione di messaggi violenti con immagini aggressive e misogine e con stereotipi sessisti e razzisti è divenuta istantanea e intuitiva. E finisce con influenzare il clima delle relazioni umane con la presunta naturalità di quote di violenza nelle relazioni tra uomo e donna in particolare e in quelle tra persone in generale.

L’evoluzione di Internet in un sistema integrato di servizi che orientano gli individui rende necessario individuare regole efficaci per la protezione dei diritti fondamentali dai rischi della manipolazione dell’informazione on line e della diffusione del linguaggio dell’odio e della violenza.
E ciò pur nel rispetto dell’equilibrio tra libertà di espressione e libertà di informazione. Tra privacy e protezione dei dati personali. Tra onore e reputazione. Tra uguaglianza e non discriminazione. Tra libertà d’impresa e proprietà intellettuale.

La natura stessa dei social media impone di adottare politiche di collaborazione internazionale affinché gli interventi di contrasto alla circolazione di messaggi inneggianti all’odio e alla violenza siano condivisi a livello globale.
Il contrasto di questi fenomeni o è oltre il diritto nazionale o non è in alcun modo efficace.

È necessario, quindi, educare alla legalità e perseguire in maniera diretta gli illeciti on line, al fine di rafforzare un’etica personale della responsabilità.

È opportuno implementare i sistemi di segnalazione e di intervento sui contenuti illeciti che circolano sui social media, consentendo la eliminazione tempestiva del pregiudizio, pur garantendo un contraddittorio minimo.

In questo è essenziale il ruolo dell’Avvocatura, come presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete.

Oltre alle politiche di prevenzione e di contrasto del linguaggio dell’odio, si impone la necessità di arginare i fenomeni distorsivi che impattano sulla struttura delle relazioni personali, anche sul piano individuale, chiamando alla responsabilità ciascuno di noi.

La tecnologia, infatti, se da una parte costruisce certamente una risorsa, garantendo a tutti i livelli l’accesso a una quantità infinita di informazioni, dall’altra rappresenta un innegabile rischio di isolamento.

Viviamo in una situazione continua di confronto / scontro con chiunque.
Il non luogo o il luogo dei luoghi della comunità virtuale rende ciascuno protagonista di uno scambio continuo di opinioni, più spesso di offese e di aggressioni.

La velocità con cui avviene la “relazione” rende inevitabilmente superficiali i ragionamenti. Non c’è né potrebbe esserci, un’articolazione complessa del pensiero che i bit non tollerano.
L’importante è esserci, tutti convinti di avere in quel momento occupato la scena senza che sia rilevante ciò che si dice.

Contrastare tutto questo è possibile.
Prendendosi il tempo che occorre per ragionare, per confrontarsi, per conoscere, per non cadere nella trappola della incomprensione e della iper-reattività che innescano un perverso meccanismo a catena.

Photo:https://stock.adobe.com/

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora