people-1149873_960_720

Il meglio di un uomo

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale –
Gruppo Uomini in gioco di Bari)

Certo che ne è passata di acqua sotto i ponti dalla famosa campagna della Denim del 1985 – quella de “l’uomo che non deve chiedere mai”, ricordate? – al recente spot della Gilletteil meglio che un uomo può essere”.
In 33 anni un’autentica rivoluzione, forse anche troppo a giudicare dalle reazioni scomposte che si sono succedute.

Più che uno spot commerciale sembra una Pubblicità Progresso, in linea con le tendenze più avanzate del marketing pubblicitario.
Ma cosa si vede in questo spot?

Niente rasoi e neppure creme da barba, se non nell’immagine iniziale come elemento marginale.
Segue una serie di scene di mascolinità tossica: un branco di maschi alfa dietro un barbecue, un capo che paternalisticamente toglie la parola ad una dipendente, un tipo che pizzica il culo alla cameriera, bulletti in tenera età che si menano, un altro maschio che sta per lanciarsi per importunare una ragazza appena passata.

A queste sequenze ne seguono altre che contengono messaggi virtuosi: dividere i bulletti che si menano, abbracciare il ragazzo che piange, bloccare il giovane che voleva importunare la ragazza, mostrare un padre che mette di fronte allo specchio la figliola facendole dire “io sono forte, io sono forte”.

Lo spot Gillette è stato diffuso negli Stati Uniti, dove in pochi giorni ha totalizzato oltre sei milioni di visualizzazioni.

E’ evidente il richiamo al movimento femminista del “Me Too”, sorto oltre un anno fa a seguito delle denunce per violenze sessuali subite da attrici, vittime del noto produttore cinematografico Harvey Weinstein.

Le reazioni sono state forti e immediate da parte della maggioranza degli uomini americani, la quale non ha gradito questa invasione del campo maschile: quello della barba è un rituale esclusivamente maschile!

L’accusa più ricorrente è stata quella di proporre uno spot femminista, che non solo criminalizza gli uomini ma ne favorisce anche una sorta di demascolinizzazione e devirilizzazione.
All’azienda sono arrivate finanche accuse di essere al servizio del “nazi-femminismo” e di mirare a trasformare gli uomini in gay, trans e femminucce.

Ma c’è stata anche una fetta non trascurabile della platea femminile che ha mosso analoghe accuse, lamentando uno strisciante scivolamento verso una femminilizzazione del maschio.

Alle critiche l’azienda risponde che il loro obiettivo è stato quello di promuovere “versioni positive, inclusive e salutari di ciò che significa essere un uomo oggi”. E aggiunge: “Abbiamo guardato realisticamente a ciò che sta accadendo oggi e miriamo a ispirare il cambiamento”.

Il meglio di un uomo, allora, non è un buon rasoio o una buona crema da barba, ma è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni, che devono sempre passare attraverso il riconoscimento e il rispetto dell’altra.

Analizzando più a fondo le reazioni degli uomini, ci si accorge che lo spot mette in luce che il vero sesso debole è quello maschile, e ciò contraddice uno stereotipo ancora fortemente radicato nella nostra cultura.

Tuttavia vi sono state anche numerosissime reazioni favorevoli, in maggioranza da parte delle donne naturalmente, ma anche da parte di tanti uomini i quali, sempre più numerosi, non amano sentirsi complici di comportamenti violenti e discriminatori verso le donne.

Possiamo dire, insomma, che quella della Gillette è stata una scelta davvero coraggiosa.
La lotta di liberazione che le donne hanno intrapreso circa cinquant’anni fa non si è mai fermata, sebbene ci siano stati periodi anche lunghi in cui è stata “silenziata”.

Da alcuni anni è ripresa con grande vigore, ma il successo è legato alla presa di coscienza e al desiderio di cambiamento degli uomini.
I quali non possono continuare a vedere nella lotta delle donne una insidia per il loro potere ma, al contrario, una preziosa occasione di liberazione anche per sé.

Perché non ci sarà mai liberazione dell’uomo senza liberazione della donna!

Ph.:https://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…