Benvenuto fisco forfettario

Benvenuto fisco forfetario

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)

L’art. 1 comma 9 della legge di bilancio 2019 (L. n. 145/2018), innovando alle disposizioni della legge finanziaria n. 190/14, ha modificato parzialmente il regime fiscale forfetario delle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni.
Ci occuperemo, pertanto, della disciplina fiscale del reddito degli avvocati che possiedono i requisiti previsti dal comma 9 in esame (ovviamente lo stesso regime si applica a tutti i soggetti rientranti nelle categorie sopra indicate e, dunque, a tutti i liberi professionisti e piccoli imprenditori).
Il nuovo regime di determinazione forfetaria del reddito (d’ora in avanti regime forfetario) prevede rilevanti semplificazioni ai fini Iva e contabili nonché la determinazione forfetaria del reddito.

  1. I SOGGETTI
    Dal punto di vista soggettivo, esso si applica agli avvocati che nell’anno precedente hanno percepito compensi non superiori ad euro 65mila (potranno usufruire nel 2019 del nuovo regime gli avvocati che nel 2018 non abbiano riscosso compensi superiori a quel limite).
    Per poter accedere al regime forfetario, nella ricorrenza del presupposto costituito dal limite massimo del compenso annuale, gli avvocati non devono rivolgere alcuna istanza, in quanto per tali soggetti il regime forfetario è il regime naturale. Questo regime non prevede una scadenza legata al numero degli anni di attività o al raggiungimento di una determinata età anagrafica. Né vi è un limite temporale di applicazione del regime medesimo.
  2. CAUSE DI ESCLUSIONE
    Sono esclusi dal nuove regime forfetario gli avvocati che, oltre ad esercitare la libera professione, pur in possesso del requisito del tetto del compenso, partecipino a società di persone disciplinate fiscalmente dall’art. 5 del DPR 917/86, cioè del Testo Unico in materia di imposte dirette.
    Con riserva di poter tornare sull’argomento, non v’è chi non veda la contraddittorietà – dal sapore punitivo – tra questa disposizione speciale e la previsione normativa che consente la libera partecipazione del singolo avvocato ad associazioni professionali. La norma fiscale è, quindi, chiaramente disincentivante rispetto ai nuovi scenari di implementazione dell’esercizio della professione che lo stesso legislatore ha voluto.
  3. MODALITA’ DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO
    I contribuenti che non hanno percepito nell’anno d’imposta precedente compensi superiori a 65 mila euro determinano il reddito applicando ai compensi il coefficiente di redditività previsto dal codice Ateco, pari al 78%. In pratica, a fronte di compensi di 65 mila euro, questi contribuenti applicheranno l’imposta del 15% sull’importo di € 50.700 (78% di 65.000).
    Importa sottolineare che, ai fini della sussistenza del requisito (compensi fino a 65 mila euro) non rilevano gli ulteriori componenti positivi previsti dall’art. 9 bis del d.l. n. 50/2017, cioè gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) che misurano il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente, anche al fine di consentire a quest’ultimo, sulla base dei dati dichiarati entro i termini ordinariamente previsti, l’accesso al regime premiale, previsto da questa disposizione ma non applicabile ai forfetari.
    Ove nel corso dell’esercizio venga meno il requisito della misura massima dei compensi, il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo.
    Parimenti il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui, per effetto dell’accertamento operato dall’Agenzia fiscale ma divenuto definitivo, viene meno la condizione della percezione dei compensi entro il limite dei 65 mila euro.
    In tal caso, vale a dire in caso di infedele indicazione, da parte dei contribuenti, dei dati attestanti i requisiti e le condizioni che determinano la cessazione del regime previsto, le misure delle sanzioni minime e massime stabilite dal decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471, sono aumentate del 10 per cento se il maggiore reddito accertato supera del 10 per cento quello dichiarato.
    Resta salva la possibilità di optare per il regime ordinario di tassazione. A questo fine, l’opzione, valida per almeno un triennio, e’ comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata. Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata
  4. SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI I FINI IVA
    Sul fronte contabile e degli adempimenti anche in materia di Iva, permangono i precedenti benefici previsti dalla legge n. 190/2014.
    Gli avvocati che applicano il regime forfetario non addebitano l’Iva in fattura ai clienti né detraggono l’Iva sugli acquisti. In sintesi, essi:
    non liquidano e non versano l’imposta
    non presentano la dichiarazione e la comunicazione annuale Iva
    non comunicano all’Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti ai fini Iva (sono esonerati dallo spesometro)
    non hanno l’obbligo di registrare i compensi
    devono numerare e conservare le fatture di acquisto e certificare i corrispettivi
    5. SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE
    Ai fini dell’imposizione diretta, i contribuenti forfetari sono esonerati dagli obblighi di registrazione delle scritture contabili, fermo l’obbligo di tenere e conservare i registri in base a disposizioni extrafiscali. I compensi non sono soggetti a ritenuta alla fonte, poiché autoliquidano l’imposta.

Ph. : https://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.