43d990ce975178b0447bfba34fb7ac83

Dai diritti all’uomo, il difficile ritorno

di Nicola Cirillo (Avvocato in Caserta e docente a contratto della Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli)

I diritti umani. I diritti dell’uomo. I diritti dell’umanità.

Endiadi terminologiche dalla forte valenza assiologica che ponendo in combinato disposto la parola “diritto” con quella di “uomo” evoca una riconducibilità della prima alla seconda ed il contrario.
La sequenza terminologica non è casuale: si differenzia, ontologicamente, dalle altre endiadi di tipo normativo-giurisprudenziale quale ad esempio diritto di proprietà, diritto di credito, diritto industriale nelle quali la finalizzazione della tutela è circoscritta ovvero ben determinata.
Quando si parla di diritti umani, invece, si fa riferimento ad una miriade di diritti mutevoli nel tempo e nello spazio.

Tralascio la definizione di “diritti umani” nonché il catalogo e la loro classificazione che in questa sede non avrebbero – evidentemente – compiuta trattazione, pur meritandola. La presente riflessione intende piuttosto prospettare, per quanto possibile, un diverso angolo di osservazione che riporti l’essere umano quale soggetto di diritto, al centro del dibattito sia nazionale che sovra-nazionale.

L’ottica teleologica nella tutela dei diritti umani è quella di salvaguardare diritti e libertà.

Al contrario, la centralizzazione dell’essere umano rispetto alla tutela dei diritti e delle libertà che lo vedono interessato rappresenta non solo una inversione terminologica (che in retorica potrebbe definirsi un’anastrofe) – anche evitabile e, forse, per alcuni versi priva di valore finalistico – quanto piuttosto una esigenza concreta da perseguire su di un piano empirico-pratico (secondo il pragmatismo metodologico di Dewey).

Nella cosiddetta “età dei diritti” (Norberto Bobbio) la spersonalizzazione dell’uomo e l’affermazione del diritto (in astratto) ha portato ad un’analisi sempre più a-dimensionale dei “diritti umani” considerati nella loro accezione macrocosmica inserita in sistema che, per dirla con Ludwig von Bertalanffy, può definirsi “complesso” (cfr. la cd. la teoria dei sistemi, maturata in contesto diverso rispetto a quello del diritto).

Se questo è vero pur tuttavia è da chiedersi come può tutelarsi un diritto che, per definizione è “universale”, su base nazionale?

Affermava Eleanor Roosevelt che i diritti umani (universali) iniziano in piccoli posti vicino casa, così vicini e così piccoli che essi non possono essere visti su nessuna mappa del mondo. Ma essi sono il mondo di ogni singola persona; il quartiere dove si vive, la scuola frequentata, la fabbrica, fattoria o ufficio dove si lavora. Questi sono i posti in cui ogni uomo, donna o bambino cercano uguale giustizia, uguali opportunità, eguale dignità senza discriminazioni. Se questi diritti non hanno significato lì, hanno poco significato da altre parti”.

Partire da un sistema statuale circoscrive il perimetro dell’analisi e la rende adattabile a seconda del contesto.
Di qui l’opportunità di diversificare questo ultimo, il contesto, dal testo.
La ragione è chiara.
Se si parte dal concetto di persona quale soggetto di diritto, in ogni contesto in cui questi si trovi, il diritto che gli può (rectius, deve) essere riconosciuto varia a seconda dell’ordinamento giuridico che lo regola con una norma che si concretizza in un testo.

Il testo, in questa accezione, si sostanzia nella norma (scritta o non scritta, che sia) che tutela quel diritto in ogni dove (anche virtuale), in ogni circostanza (anche areale!!!).
Per intenderci, in contesti socio-politico/economici diversi vengono formati testi normativi diversi.
Da ciò deriva che la tutela del diritto cambia da ordinamento ad ordinamento, da Stato a Stato.

La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nasce in un contesto, per l’appunto, universale e da un testo universale, e dovrebbe essere universalmente riconosciuta.

Non in quanto universale la dichiarazione, quanto per la sua univoca direzione verso il soggetto di diritto che ne è oggetto di tutela: la persona.
Dunque, la Dichiarazione universale nasce in un contesto che possiamo definire “sistema complesso” formato a sua volta da tanti “sistemi semplici” (quelli statuali). Questi ultimi a loro vola sono formati da tanti altri sottosistemi. Tra questi vi è il diritto.

Se, dunque, il diritto può essere considerato, come in effetti sembra, un sottosistema della società cd. “moderna” funzionalmente differenziato dagli altri sottosistemi (Niklas Luhmann), esso è il prodotto della selezione di alcune delle possibili determinanti relative all’ambiente di riferimento (sistema semplice/sistema statuale). Ove la rilevanza dei fenomeni nel loro reciproco rapportarsi fa sì che i sottosistemi che lo compongono non siano qualcosa di isolato, autonomo, indipendente, statico, ma in costante evoluzione (o involuzione, come recentemente sta accadendo) dinamica.

Le nuove istanze di tutela (anche di natura emergenziale e/o di tipo propagandistico; reali ovvero solo apparenti) che via via si presentano nell’ambiente danno origine a variazioni dinamiche che incidono sul sottosistema “diritto”.
A prescindere dalle “generazioni dei diritti”, l’unico soggetto che li può vantare ed invocare è la persona che è, dunque, il destinatario di quelle variazioni dinamiche che rendono poco certo il sottosistema “diritto”.

La persona è il fine della tutela, ma anche il punto da cui partire.

Nell’attuale momento storico si registra, ed è di palmare evidenza soprattutto in politica, una sorta di atteggiamento iconoclasta volto a distruggere l’immagine stessa dei diritti della persona intesa, quest’ ultima, quale soggetto di diritto.

Oggi giorno si previlegiano altri punti di partenza (la sicurezza pubblica, l’ordine pubblico, la domanda di giustizia, il sentimento di paura eccetera eccetera) e si scarifica quell’unico punto da cui (virtuosamente e correttamente si dovrebbe) partire.
Provocatoriamente, dunque, questa riflessione (sintetica e, per certi versi, approssimativa) nel privilegiare il punto di vista funzionalista, intende sostenere che ove si sposti l’oggetto della tutela dal diritto alla persona non solo non verrebbe alterata di un minimo la intensità della tutela medesima ma potrebbe, ed il condizionale è d’obbligo, renderla più effettiva (nell’accezione di effettività, seppur risalente, di Georg Jellinek).

Abusando del pensiero (sperando di non far torto alla Sua memoria), di uno dei maggiori giuristi italiani del secolo appena trascorso “i diritti non sono mai acquisiti una volta per tutte. Sono sempre insidiati, a rischio.” (Stefano Rodotà).
Aggiungeremmo, non lo sono solo i diritti (a rischio) quanto piuttosto gli uomini (che di quei diritti dovrebbero beneficiare)!!!

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno