Francesco Carrara tra Illuminismo e Post-modernità

Francesco Carrara tra Illuminismo e Post-modernità

Di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)

La crescente attenzione che circonda Francesco Carrara trova radici non soltanto nella levatura morale della persona ovvero nella rilevanza storica della sua opera, ma soprattutto nella incredibile attualità del suo pensiero, nonostante la distanza temporale e le trasformazioni sociali e culturali che ci separano dalla sua epoca.

Carrara nasce nel 1805, in piena dominazione e codificazione napoleonica, e la sua vita si snoda attraverso la restaurazione delle monarchie europee abbattute dalla tempesta francese, e dei relativi sistemi di potere, attraverso i moti rivoluzionari italiani ed il progressivo ma diseguale recepimento da parte dei vari Stati italiani delle istanze illuministiche, attraverso le guerre d’indipendenza e la faticosa riunificazione italiana, con il riassestamento dei rapporti fra il nascente Stato unitario e gli altri Stati europei, sino ad essere, quale senatore del Regno, fra gli artefici dell’abolizione della pena di morte nel Codice penale dell’Italia unita, pena contro la quale si era sempre strenuamente battuto, e che, eliminata dal Codice toscano del 1853 dopo alterne vicende, aveva temuto alla luce dei forti contrasti politici esistenti di vedere reintrodotta attraverso l’unificazione normativa nazionale (essendo contemplata dal Codice penale del Regno d’Italia pubblicato da Rattazzi nel 1859).

Si affaccia nel mondo giuridico, e soprattutto nell’agone forense,(dove si impegnerà per molti anni senza alcuna produzione scientifica, iniziando questa solo con gli anni della maturità epperò beneficiandosi dell’esperienza frattanto accumulata), in un’epoca in cui, come egli stesso sottolinea nella famosa commemorazione di Giuseppe Puccioni, la Scienza penale, «che non vanta una vetustà che la faccia risalire a remotissimi tempi», è ancora priva di una acclarata dignità scientifica, essendo stata per lungo tempo «confusa da prima insieme con ogni altra dottrina giuridica nel generale concetto della filosofia» e che comunque «quando da questa si staccò lo studio del diritto rimase per altra lunga stagione compenetrata nel medesimo»; per cui «non è dunque meraviglia se nel primo risorgimento delle scienze in Europa, quando così alacremente si aprirono quei grandi centri d’insegnamento destinati ad educare i giovani alla dottrina giuridica, onde poscia nacque questo nobilissimo ceto dei giuristi che tanto influsso venne poi esercitando sul progresso civile, sugli ordini politici, e sui costumi dei popoli; non è meraviglia io dico che nelle università per lunga stagione mancasse una Cattedra apposita destinata ad erudire la gioventù nella teoria del delitto e della pena».

PH.: Augusto Passaglia, Ritratto del giurista Francesco Carrara, tratto da Catalogo Fondazione Zeri

Leggi l’articolo completo in formato PDF

https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/02/Pica-Comunicazione-Carrara-2004.pdf

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora