Fine vita tra etica e diritto

Fine vita tra etica e diritto

La vita è dono.
Per la religione cristiana, ogni uomo è unico e irripetibile e la sua vita ha un valore immenso: nessuno ha potere sulla vita degli altri e ognuno gode, per la sua vita, di diritti che devono essere garantiti.
Tutta la riflessione che si dipana nei libri della Bibbia testimonia la certezza assoluta dei Cristiani che la rivelazione biblica è un immenso inno alla vita.

La Chiesa insegna che l’uomo, immagine vivente di Dio, vale per se stesso, non per quello che sa, che produce o che possiede.
Semmai è la sua dignità di persona che conferisce valore ai beni che gli servono per esprimersi e realizzarsi, in un essere irripetibile, chiamato a vivere con gli altri e per gli altri: merita dunque rispetto e attenzione in ogni stagione della sua esistenza.

Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano e viene subito alla mente la definizione che si rinviene nell’art. 1 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo: “Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti”.

Ma quale è il rapporto tra dignità e autodeterminazione, cioè sino a quale punto la dignità rappresenta un valore assoluto e indisponibile da parte del soggetto titolare stesso, il quale, dunque, non potrebbe rinunciarvi neanche attraverso una libera scelta?

In altri termini, la dignità può rappresentare un limite giuridico all’autodeterminazione, oppure la dignità consiste nell’autodeterminazione?

La prima impostazione tenderebbe ad una soggettivazione della dignità: la dignità come concetto individuale sino al limite di consacrare un vero e pro-prio “diritto a morire”.

La seconda, postula invece una oggettivazione del concetto di dignità, sino a pervenire all’assunto che il “dovere di vivere” risponda all’esigenza etica e doverosa di assicurare di “vivere se e per gli altri” secondo una interpretazione orientata, costituzionale e comunitaria, che pone limiti alla autodeterminazione.

A ben vedere il consenso, quale regola intermedia, rispetto alle due impostazioni, diviene elemento dirimente.
Il consenso, non in quanto tale, cioè come mera autonomia del soggetto, ma il consenso autodeterminato e informato, che nel combinarsi con altre specializzazioni, diviene elemento che coniuga la due impostazioni.

In questa trama complessiva il “consenso” diviene la regola della persona rispetto alle scelte esistenziali che la riguardano.
Tanto è vero che il “consenso” a livello europeo diviene al centro di diverse raccomandazioni, risoluzioni e direttive; il consenso che la Convenzione europea sui diritti dell’uomo e della biomedicina del 1996, pone a riferimento di ogni scelta terapeutica, stabilendo che alcun intervento medico sul paziente non è legittimo se la persona interessata non ha prestato un consenso libero, informato e sempre revocabile.

In questo contesto si innesta la legge del 2017, quella cioè che non legittima il diritto a morire, ma il diritto a rifiutare le cure, anche quelle vitali.

Non è la dignità dell’essere umano, che supera la dignità di morire come si vuole, pure meritevole di attenzione, ma il legittimo esplicarsi di una volontà lucidamente consapevole e soprattutto informata, di rifiutare le cure.

E’ in questo crocevia tra diritto alla salute e diritto all’autodeterminazione che si dipana la contesa tra disponibilità o indisponibilità della vita, che pure è un bene prezioso.

La nuova legge ruota attorno a principi costituzionali e comunitari; quel nucleo di norme che, tra l’altro, nel garantire i diritti inviolabili dell’uomo (e tra questi la libertà personale, come bene inviolabile dell’individuo), affermano il principio che si rinviene nell’art. 32 della Costituzione: la Repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dell’individuo, disponendo che nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge e la legge non può, in nessun caso, violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Ecco che la “dignità” assurge ad elemento fondante il rispetto dell’uomo, rispetto che transita attraverso un consenso libero e consapevole, che è la sintesi di due diritti fondamentali della persona: quello alla salute e quello alla auto-determinazione.

In questo senso, traspare dal testo di legge – e in termini generali – il ruolo centrale, cruciale, del consenso informato, riconoscendo al malato la massima ampiezza all’autodeterminazione terapeutica, estesa sino alla libertà di lasciarsi morire, attuata attraverso il consenso consapevole di non farsi curare.

Non viene dunque sancito il diritto a morire, secondo un concetto autonomo di “dignità” nel morire, quanto la formalizzazione di un diritto a rifiutare le cure, anche quelle vitali, in ossequio al principio, che l’ordinamento riconosce e rispetta, secondo cui si può essere sottoposti a una determinata terapia, se non mediante un consenso libero e che sia soprattutto informato, ribadendo il principio che l’accanimento terapeutico viola la dignità dell’uomo.

Una conquista di civiltà, che valorizza il consenso e l’autodeterminazione, a fronte del quale ciascuno di noi risponderà secondo i propri valori e il proprio sentire.

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora