Il valore prezioso della differenza

Il valore prezioso della differenza

Di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)

Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
Chi vedo quando chiudo gli occhi
Come vengo sospinta quando vengo sospinta
Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa
Quando ho fame quando parto
Quando cammino e quando mi perdo
E nessuno sa
Che per me andare è ritornare
E ritornare è indietreggiare,
Che la mia debolezza è una maschera
E la mia forza è una maschera
E quel che seguirà è una tempesta.
Credono di sapere
E io glielo lascio credere
E io…avvengo
(tratto da “Sono una Donna” di Joumana Haddad, scrittrice e giornalista libanese)

Trent’anni fa Elena Marinucci scriveva che la storia dei diritti delle donne è la storia di una civiltà, aggiungendo che ripercorrerla consente di recuperare le ragioni di una indignazione che non potrà spegnersi fino a quando non sarà rimossa l’ultima discriminazione.
Mai come in questo caso non possiamo rilassarci su un “C’era una volta” perché il pericolo è sempre attuale ed è presente e purtroppo mai passato, come testimoniano la cronaca e il dibattito quotidiano.
L’ evoluzione della condizione giuridica delle donne è stata importante e imponente e se vi è una sfera del diritto dove la dialettica fra previsione normativa e vigenza concreta assuma il più profondo rilievo sicuramente è quello che riguarda i diritti delle donne.
I diritti si creano si tutelano si riconoscono si difendono.
Non basta enunciare principi ma bisogna custodirli proteggerli e garantirne l’effettività.
Il principale interprete di questa cura è sicuramente l’Avvocatura, sempre più sostantivo femminile, fedele nel declinare la funzione sociale di riaffermare i diritti fondamentali a cui non può considerarsi distratta la tutela delle pari opportunità.
Nel sempre piu frequente caso di latitanza del legislatore o del Parlamento, agli avvocati tocca il ruolo di autentico presidio nella tutela dei diritti.
Quando viene posto un tema di rilevanza sociale, quale è quello del diritto antidiscriminatorio occorre dare una risposta.
Una risposta che faccia emergere il valore delle differenze piuttosto che delle diversità e alle differenze di ” genere” ancora la maggiore cura.
Le donne salvarono tre volte la patria: la garantirono dalla vendetta di Coriolano, dall’avidità di Brenno, dalle armi vittoriose di Annibale.
Ma se per tre volte esse meritarono un decreto pubblico di riconoscenza del Senato, sempre, nel dramma singolo dell’ Uomo, furono sul ciglio del baratro per l’ultima spinta.
Così scriveva Gaetano Filangieri ieri e, oggi, è ancora tristemente vero.
Il baratro è l’indifferenza rispetto alla guerra civile del femminicidio, il baratro è la povertà di ingegno sul valore delle differenze, il baratro sono le recenti proposte normative che arretrano il genere femminile al ruolo di ancelle operose e mute, il baratro è una (in)cultura sessista e un linguaggio inadeguato e inappropriato.
Il baratro è rappresentato dagli stereotipi da cui non riusciamo a liberarci.
Dovremmo imparare dalle eroine delle “anime” al femminile giapponesi…
Da Heidi a Lady Oscar..
Le eroine dei shjo giapponesi credono in se stesse, contano solo sulle loro forze e non si arrendono mai …sicuramente più efficaci e corrette di molti libri di testo che ancora si utilizzano nelle nostre scuole.
Non si può pensare di aver archiviato il sessismo sul lavoro o nelle istituzioni se fece scalpore l’inaugurazione della prima sala dedicata alle Donne nelle istituzioni.
Laura Boldrini all’epoca sottolineò che la mostra non era solo una rassegna storica ma rappresentava uno stimolo alle ragazze perché capissero che tutte le possibilita, nessunacesclusa, sono nelle loro mani.
Tre specchi, nella sala, rinviavano simbolicamente al futuro a nuove cariche per le donne e un invito alle giovani perchè possano credere in loro stesse.
Ancora pregiudizi alla base delle differenze ma ognuno ha la sua storia.
Il sano distacco da modelli sistemici o empatici, predefiniti è forse il metodo piu efficace per sottolineare l’unicità del genere, per scoprire l’attrazione nella diversità, per portarla anche dalla nostra parte e nei percorsi di crescita delle nostre figlie.
Il bello delle donne è che hanno paura, ma alla fine hanno il coraggio di fare tutto“.

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…