etica Hacker e diritto alla conoscenza

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)

La miglior giustificazione che i governi possono trovare per fermare le informazioni è che queste mettano in pericolo delle vite. In realtà questo è avvenuto proprio a causa dei silenzi e delle bugie rivelate da WikiLeaks.” Jemima Khan, scrittrice e attivista inglese

Abstract: L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.
Esiste un diritto alla conoscenza ed all’accesso a tutte le informazioni, anche a quelle tradizionalmente ritenute vitali per la sicurezza nazionale? Esiste un’etica “hacker” che legittimi il compimento di attività finalizzate a fornire una completa informazione ai cittadini?
L’era digitale porta con sé un paradosso: mentre per il potere pubblico è più facile attingere alle informazioni relative ai cittadini, per la collettività rimangono inaccessibili molte informazioni relative alle modalità di esercizio dei pubblici poteri.

Tutti gli Uomini, per natura, desiderano sapere”.
Inizia così il Libro Primo della “Metafisica” di Aristotele.
Il celebre filosofo, con questo incipit, ci ricorda che tra i bisogni fondamentali dell’Uomo vi è il desiderio della conoscenza.

Due millenni dopo, questo bisogno è stato codificato nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: : “Ogni individuo ha il diritto … di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere”. (Art. 19 della Dichiarazione).

Ma cosa significa oggi percorrere i nostri spazi sociali, declinati anche nella nuova dimensione immateriale derivante dalla digitalizzazione, muniti del diritto di “cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee”?

Nel 1984, all’alba dell’era dell’informazione, Steven Levy ha scritto un libro intitolato “Hackers, gli eroi della rivoluzione informatica”, in cui, tra i fondamenti dell’“etica Hacker” riporta il principio in base al quale tutta l’informazione dev’essere libera.
In altri termini, volendo semplificare, il diritto di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee è insito nella cultura e nell’etica della società dell’informazione, in quanto idee e informazioni sono necessarie per migliorare, correggere e creare nuovi sistemi e, per questo, devono essere libere ed accessibili a tutti.

Ci sono due storie che vale la pena raccontare.

In un numero precedente abbiamo narrato la vicenda di un giovanissimo genio dell’informatica, Aaron Swartz, e della sua battaglia per rendere libero l’accesso alla conoscenza nella società digitale.
Swartz subì un procedimento penale per aver sottratto abusivamente da una banca dati privata più di cinque milioni di articoli scientifici consultabili solo a pagamento.
Non riuscì a reggere il peso dei capi di imputazione, che prevedevano una pena di oltre trent’anni di reclusione e milioni di dollari di risarcimento e si tolse la vita a soli 26 anni.

In questi giorni, l’arresto di Julian Assange riporta alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza sotto un profilo diverso, ovvero il diritto di cercare, ricevere e diffondere informazioni riservate e classificate per motivi di sicurezza nazionale.

Tra le accuse ad Assange, diffuse in questi giorni, vi è quella di aver contribuito ad hackerare una banca dati riservata del Governo degli Stati Uniti.
Questo configura un reato, il medesimo reato di cui era accusato Swartz, ovvero la violazione della legge sulla sicurezza informatica degli Stati Uniti, il Computer Fraud and Abuse Act (CFAA).

La società digitale, come vediamo, porta con sé un paradosso: mentre diventa sempre più facile per il potere pubblico avere informazioni che riguardano i cittadini (sempre più trasparenti e tracciati), è ancora molto complicato per i cittadini acquisire informazioni che riguardano il corretto esercizio del potere pubblico e, quando qualcuno riesce a penetrare nei sistemi informatici per ottenere informazioni che riguardano istituzioni o personaggi pubblici, viene accusato di reati molto gravi, come è avvenuto nei casi WikiLeaks, Panama Papers, Lista Falciani e così via.

La battaglia per avere libero accesso alle informazioni dovrebbe prendere atto di una nuova consapevolezza diffusa: nelle banche dati si stanno depositando informazioni rispetto alle quali i cittadini hanno un naturale desiderio di conoscenza e un Diritto a “cercare, ricevere e diffondere informazioni” al fine, per esempio, di controllare il modo in cui i poteri pubblici vengono esercitati oppure al fine di partecipare alla vita politica, sociale e culturale della propria comunità.

Anche in passato l’accesso alle informazioni non era così scontato, ma il dato differenziale su cui bisogna soffermarsi è che in passato esisteva una distinzione netta tra produttori e consumatori di conoscenza che oggi è sempre più labile, in quanto nella dimensione immateriale ogni utente si fa esso stesso produttore.

Il tema dell’accesso all’informazione, declinato nella sfera pubblico-politica, diventa complesso e coinvolge etica e diritti dei cittadini, in un conflitto tra gli “Arcana Imperii”, ossia quell’area dei poteri pubblici che è tradizionalmente oggetto di riservatezza, e la nostra idea di Democrazia, che vuole dire anche Governo trasparente.

La Giustizia farà il suo corso e ci dirà se Assange ha violato la Legge.

Ma su di una cosa penso che si possa essere d’accordo: le informazioni riservate, gli “Arcana Imperii”, in una società democratica, dovrebbero essere limitate a quanto strettamente necessario per la sicurezza nazionale, perché, come diceva Aaron Swartz, “L’informazione è potere. Ma come con ogni tipo di potere, ci sono quelli che se ne vogliono impadronire”.

Photocredit: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2d/Julian_assange_stencil.jpg

Dello stesso autore:https://www.oralegalenews.it/magazine/03-gennaio/il-diritto-a-prendere-parte-alla-vita-culturale-nella-societa-digitale-la-lezione-di-aaron-swartz/2780/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
Solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…