etica pubblica e avvocatura

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo

“Un tempo, il ruolo degli avvocati era limitato alla tutela dell’interesse individuale: nella professione forense si vedeva esclusivamente il rapporto di natura privata tra il cliente e il difensore.
Funzione, senza dubbio, grave e sacra, ma oggi c’è qualcosa che va aldilà.
In tutti i paesi, il ruolo degli avvocati va sempre più assumendo un contenuto di natura sociale: il difensore, pur conservando un’inviolabile prerogativa di indipendenza, acquista sempre più nella Società una posizione che non è soltanto di natura privata, ma anche di diritto pubblico, e altresì, io sostengo, una posizione di rango costituzionale.”

(Piero Calamandrei, discorso pronunciato alla seduta plenaria del XVI Congresso della Union internationale des Avocats, Parigi, luglio 1956)

Gli avvocati svolgono un importante ruolo sociale

La funzione della difesa non attiene al mero ambito professionale ma si eleva al superiore piano delle garanzie costituzionali.
Il diritto di difesa garantito dall’art. 24 Cost. è un fondamentale diritto civile e appartiene al Titolo I della Costituzione denominato “Rapporti civili”, di natura sociale e per l’appunto, costituzionale.

La previsione costituzionale del diritto di difesa dei diritti di tutti riverbera inevitabilmente sulla funzione giurisdizionale e sulla esigenza di assicurare in maniera effettiva dignità, decoro e libertà all’avvocato.

Il diritto di difesa viene riconosciuto e assicurato ad ogni cittadino e viene esercitato attraverso un avvocato libero, autonomo e indipendente; un avvocato deontologicamente forte in grado di assicurare, nell’esercizio di quel diritto di difesa, garanzie di professionalità e di serietà, di indipendenza e di assenza di conflitti di interesse.

La Costituzione, nel prevedere il patrocinio legale per i non abbienti (Art. 24, terzo comma) individua nel patrocinio a spese dello stato e nella difesa d’ufficio gli istituti necessari a tutelare i non abbienti: con ciò ribadendo la necessità della difesa tecnica.
La previsione del patrocinio a spese dello stato, peraltro, testimonia la necessità del patrocinio e implica la retribuzione del patrocinio, che, in virtù della previsione costituzionale è posta a carico dello Stato.
La necessità della difesa tecnica e dell’Avvocato nel processo si evince anche dall’art. 111 Cost., riguardante il giusto processo, ove sono previsti i requisiti perché il processo possa considerarsi giusto.

Un ulteriore indizio del ruolo costituzionale attribuito agli avvocati risiede nella previsione, nella Costituzione, di attingere da tale categoria le persone che devono occupare organi costituzionali o di rilievo costituzionale (Consiglio Superiore della Magistratura, Consiglieri di Cassazione, giudici costituzionali) proprio in virtù delle caratteristiche, da sempre attribuite agli Avvocati, di libertà, autonomia ed indipendenza.

L’Avvocatura non è solo una categoria professionale

Era il 1956 quando Piero Calamandrei pronunciava il suo discorso citato in apertura.
È corretto affermare, quindi, che è con la Costituzione repubblicana che il ruolo degli Avvocati passa dall’essere rapporto di natura privatistica con il cliente all’avere connotazione di natura sociale o meglio ancora, e per l’appunto, costituzionale.
In questo senso gli Avvocati sono protagonisti dell’etica pubblica.

L’Avvocatura è anche interlocutore dialettico tra parti istituzionali per evitare che la conflittualità nel dibattito pubblico e il condizionamento della giurisdizione portino nella direzione pericolosa del conflitto sociale: dove c’è avvocatura libera c’è democrazia.

La tutela dei diritti è l’unica ideologia che accomuna tutti gli avvocati e va oltre la competenza tecnica praticata dentro e fuori il processo.
Gli Avvocati devono garantire che l’accertamento della verità avvenga nel rispetto delle regole del processo, che sono le regole dello stato di diritto, e che non si tramuti nella ricerca di una verità istintiva che sedi le ansie della collettività.

Gli Avvocati difensori della cultura della giurisdizione

Il pervasivo bisogno popolare di giustizia sommaria è alimentato dal linguaggio dell’odio adoperato in maniera irresponsabile dai media: la giusta riprovazione per i comportamenti negativi viene così caricata di un surplus di risentimento e di vendetta.
Tutto questo deve essere contrastato in ogni modo da ciascuno di noi Avvocati, che non possiamo accettare nè condividere la caduta di ogni forma di rispetto reciproco.

Perchè se è vero che attraverso l’esercizio della giurisdizione si declina lo stato di diritto, ogni attacco nei confronti di un difensore per la natura del reato commesso dall’indagato, ogni manifestazione del pensiero che limiti l’accesso al giudice, ogni restrizione del diritto di difesa per i più deboli o per gli autori di alcuni reati, costituiscono attacchi alla giurisdizione.

L’Avvocatura è chiamata a difendere l’idea di giurisdizione da qualsiasi forma di pressione e di condizionamento esterno, forme di condizionamento mediatico che mettono a rischio tutti i sistemi giurisdizionali, soprattutto quando il rapporto tra potere e opinione pubblica è complicato, come in questo tempo.

Avvocatura libera e indipendente nella società democratica

L’Avvocatura ha un ruolo fondamentale e imprescindibile per la realizzazione della tutela dei diritti dei cittadini, per realizzare in concreto lo stato di diritto e la democrazia: la professione di avvocato porta benefici alla società e affidamento ai cittadini, difendendo i valori della giustizia e della legalità, prevenendo i conflitti, tutelando la giurisdizione da ogni forma di condizionamento.

Essa è chiamata a dire la verità, quale sentinella libera e indipendente, capace di affermare le virtù e di denunciare chiaramente i difetti, i vizi e i problemi della società, di rompere i silenzi degli individui e della società civile creando convinto consenso intorno ai valori di rigore morale e di onestà, di convenienza per la intera società dell’essere onesti, della opportunità del combattere la corruzione e soprattutto quando vengono messi a rischio i principi dello stato di diritto.

L’Avvocatura afferma il suo ruolo sociale attraverso gli Avvocati interpreti culturali di una idea di democrazia solidale, per una società che non lascia indietro nessuno, una società fondata sul diritto e sui diritti prima che sulla dittatura del mercato e della economia, sui valori di umanità e solidarietà.

L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Lo Stato non crea diritto, lo Stato crea leggi, e lo Stato e le leggi stanno sotto il diritto” (Erich Kaufmann)

Pic: Anna Losurdo, Roma, 2018: istallazione di Luminita Taranu per la mostra “Traiano. Costruire l’impero, creare l’Europa“: rappresenta la Columna mutatio, ovvero la mutazione che la colonna traiana ha avuto nell’arco dei secoli trascorsi.

https://www.oralegalenews.it/eventi/etica-legalita-ed-efficienza-nella-pubblica-amministrazione/3992/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
Solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…