Avvocato, disponiamo una CTU?

Avvocato, disponiamo una CTU?

di Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)

Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.
Tuttavia l’esperienza degli ultimi trent’anni nei contenziosi di questo tipo induce alcune riflessioni.

Risale a molti anni orsono l’introduzione “sperimentale” della CTU psicopedagogica nelle cause di separazione e divorzio altamente conflittuali, finalizzata alla verifica dell’idoneità genitoriale e giustificata dalla disciplina dell’affidamento “monogenitoriale”.
Oggi però l’oggetto dell’indagine è mutato, perché i genitori sono idonei “per decreto” e sin dalla prima udienza ne ricevono dal Giudice attestazione formale.
Nondimeno le CTU, anziché diminuire di numero, sono aumentate con l’obiettivo di indagare la qualità dei “legami” familiari, delle relazioni parentali e, sempre più spesso, la causa del rifiuto del minore di frequentare il genitore non convivente (leggi: il padre) nei tempi e modi voluti dagli adulti.

Questo mutamento dell’oggetto dell’indagine, e quindi dell’obiettivo che si persegue, dovrebbe suscitare un primo interrogativo circa la sua utilità.
È, infatti, incontestabile (nel senso che la contestazione viene normalmente ritenuta inammissibile) che entrambi i genitori debbano essere a priori ritenuti idonei al ruolo e alla funzione, perché ciò costituisce il fondamento metagiuridico dell’affidamento condiviso, con la conseguenza che al Giudice resta soltanto il compito di dettare le modalità applicative dell’affidamento.
Ovvero praticamente nulla, ove si consideri che il cosiddetto “standard“ dei Tribunali è sempre più stabile e prevedibile.

D’altra parte è noto per esperienza diffusa che il CTU, quando non sia riuscito a mettere d’accordo le parti, normalmente conferma i tratti essenziali del provvedimento temporaneo ed urgente assunto dal Giudicante ben prima della sua nomina.
La durata ed i costi del processo, che proprio a causa della CTU nel frattempo si sono dilatati, raramente sono compensati da un vantaggio concretamente apprezzabile dalle parti.
Per il Giudice e gli Avvocati, invece, c’è il conforto del motivato parere di uno o più esperti che, pur in parziale e marginale contrasto tra loro, si sono assunti la responsabilità di stabilire il contenuto specifico del best interest of the child (espressione che, per la verità, viene benissimo anche in italiano).

Né il quadro sin qui delineato potrebbe essere diverso, in assenza di specifiche e conclamate patologie o devianze, visto che il dato normativo (e l’applicazione che la giurisprudenza normalmente ne fa) non consentono di ipotizzare, se non in casi effettivamente e fortunatamente rari, l’affidamento esclusivo e men che mai quello “superesclusivo”.
E dunque qualche parola va spesa per cercare di definire la consulenza psicologica per l’affidamento endo-familiare in ambito processuale, partendo dal tema ineludibile del rapporto tra Scienza e Processo Civile.

Tralasciando per ragioni di spazio un escursus storico, che pure avrebbe il pregio di spiegare come siamo giunti alla cosiddetta consulenza “percipiente”, alla cui categoria certamente appartiene la consulenza psicologica, va ricordato che la decisione di farvi ricorso o meno è prerogativa del Giudice, indipendentemente dall’istanza che le parti ne facciano (Cass.6155/2009;24620/2007;12695/2007;3990/2006).

La posizione che il CTU assume nel processo civile italiano è quella di ausiliario del Giudice, come tale al di sopra delle parti ed immune da ogni preventiva valutazione di idoneità effettuata nel contraddittorio tra le parti (Cass.7452/2012), ed è soggetto come il Giudice esclusivamente alla ricusazione.
Il CTU opera in qualità di consulente, e non di testimone come negli ordinamenti di Common Law, per fornire al Giudice quelle nozioni scientifiche o tecniche che questi dichiara implicitamente di non possedere.
Ne discendono conseguenze ovvie, ma in verità non inevitabili.

Va infatti ricordato che, ad esempio in sede penale, la giurisprudenza si è a lungo interrogata sul tema dell’attendibilità scientifica dei contenuti delle perizie e, dopo un certo travaglio, è approdata ad una conclusione che grava il Giudice dell’obbligo di verifica (Cass.Pen.Sez.IV,11/3/2014 n.15495).
Si è trattato di un lungo percorso culturale, molto influenzato dalla nota sentenza Daubert della Corte Suprema statunitense nel 1993 (in sintesi questi i 5 criteri di validazione: verificabilità del metodo; falsificabilità; controllo della Comunità Scientifica; conoscenza del tasso di errore; generale accettazione) e sostenuto da autorevole dottrina.

Nel mentre con riferimento alle consulenze psichiatriche possiamo trovare anche nella giurisprudenza civile uno sforzo valutativo, in ambito psicologico non è dato rinvenire pronunce che individuino il discrimine certo tra ciò che è da ritenersi attendibile e ciò che non lo è.
Il recente caso della PAS (Parental Alienation Sindrom, di sinistra paternità ed ancor più infausta applicazione) testimonia l’incertezza del Giudice civile di fronte alla psicologia (Cass.Civ.6919/2016).
I più recenti arresti finiscono in definitiva per concludere che il compito del Giudice nel processo civile è quello di accertare i fatti, e non quello di stabilire l’attendibilità delle teorie scientifiche.

Da questo discutibile principio si è fatta discendere la conseguenza che, in caso di rifiuto ostinato del minore di recarsi dal genitore non convivente, il Giudice dovrà accertare le circostanze concrete che ne sono la causa. Peccato che, ove sia stata svolta una CTU, tali fatti non saranno stati oggetto di prova acquisita dal Giudice, bensì dal CTU e magari nemmeno da lui, e cioè dal collaboratore addetto alla somministrazione e siglatura dei test, nell’assenza quasi totale di norme che ne disciplinino l’operato.

Di qui l’estrema utilità di negoziare Protocolli di intesa per disciplinare lo svolgimento delle CTU psicologiche e la ragione per cui, alla domanda che il Giudice mi rivolga, “Avvocato facciamo una CTU?”, rispondo negativamente ogni volta che sia possibile.

PIC: di Momentmal da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Mondo di m…

di Enzo Varricchio
L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Leggi l'articolo

Luca e Alba: una famiglia

di Luca Trapanese (Presidente di A ruota libera onlus – Napoli)
Mi sono sempre chiesto se nasca prima la disabilità o la barriera architettonica? Prima la vergogna o l’emarginazione? Prima la povertà o l’egoismo?

Leggi l'articolo

Fuggire dal liberismo

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)
Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno risolto per vivere felici di non pensarci (Blaise Pascal).

Leggi l'articolo

Accoglienza o criminalizzazione

di Piero Rossi (Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale)
Non serve più commettere un reato, per rimanerne estromesso: d’ora innanzi basterà l’assenza della soluzione abitativa e la vuotezza del tempo da trascorrere.

Leggi l'articolo

Troppo poveri per essere difesi

di Anna Losurdo
La tutela dei non abbienti è un istituto di primaria importanza per valutare il grado di civiltà giuridica di ogni ordinamento.

Leggi l'articolo

Povera opinione pubblica

di Fabio Cavalera (Consigliere Ordine Giornalisti Lombardia e Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
“Il nostro dovere è studiare e capire, solo così possiamo spiegare con onestà e competenza ciò di cui siamo testimoni”.

Leggi l'articolo

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

“Io e te una sola cosa…”

Pubblicato in ||||

di Lucia Legati
Le relazioni interpersonali costituiscono un aspetto fondamentale nella nostra vita quotidiana…

Storie da maneggiare con cura

Pubblicato in ||||

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)
Il processo penale è da tempo diventato nella coscienza sociale una vera e propria discarica mentale.

L’amore che manca

Pubblicato in |||||

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari e counselor)
La società patriarcale, non solo ha discriminato e spogliato i popoli che ha giudicato meno civilizzati.

Uomini maltrattanti: finta ira e pura violenza

Pubblicato in |||||

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Il maltrattante non è violento perché arrabbiato, ma arrabbiato in quanto violento.

Cassazione e parolacce

Pubblicato in ||||

di Antonio Pascucci (Avvocato in Milano) e Sabrina Pisani (Dottoressa in Giurisprudenza in Milano)
La loro accettazione sociale è aumentata fino all’utilizzo indiscriminato che negli ultimi anni caratterizza non solo le conversazioni private ma anche quelle “pubbliche”.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.