mondo di m...

Mondo di m…

di Enzo Varricchio

“Non è l’Italia ma il mondo intero che va in malora. Gli italiani hanno solo lo svantaggio di rendersene conto”

Che il nostro mondo faccia schifo non è certo una mia opinione personale.

Guerre, genocidi, terrorismo, catastrofi ambientali, epidemie, crimine organizzato, killer seriali, corruzione, crisi economica, morale e spirituale…

Genitori che uccidono figli e figli che uccidono genitori, politici che comprano gli elettori, corrotti e corruttori, femminicidi e maniaci che violentano donne e bambini, mafie che dilagano in tutti gli Stati, terroristi che fanno stragi, centinaia di milioni di persone nel mondo che non hanno abbastanza da mangiare e metà dei bambini del pianeta che non va a scuola.

Ecco, i bambini, la loro inaccettabile sofferenza che già Dostojeivsky citava come prova contro Iddio: ogni maledetto minuto che passa cinque bimbi innocenti muoiono di fame. E molti, troppi, giacciono sui fondali del nostro amato Mediterraneo.

Voi direte: “E’ sempre stato così. Da che mondo e mondo”.

I nostalgici dei regimi rispolverano la teoria della guerra igienizzante, i darwiniani quella dell’antidoto naturale al sovrappopolamento, i filosofi discettano di nichilismo e i preti se la cavano col libero arbitrio.

Secondo voi sono buone scuse? Ma non ci avevano promesso la fine dei conflitti, libertà, democrazia e tolleranza, progresso scientifico, parità tra le persone e tra i sessi, la fine della fame e della sofferenza nel mondo?

L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Per cinquant’anni ci hanno dato tutto, in primis il superfluo, e poi ce l’hanno tolto all’improvviso.

All’utopia è seguita la distopia, argomento molto battuto ai nostri giorni nei libri e nei film sulle orme di Orwell ed Huxley che avevano previsto ogni cosa, come solo i grandi scrittori sanno vaticinare. Ormai siamo alla “Retrotopia” di Bauman, giusto per negare l’idea stessa di progresso.

Oggi un’elite di potentissimi semidei decide per miliardi di persone: cibo, moneta, energia, farmaci, genetica, comunicazione.

Grazie alla globalizzazione tecnologica e all’uso strategico della guerra, questa elite ha assunto il controllo di tutti i gangli vitali della vita umana. E ha deciso che ci voleva una grande crisi per fiaccare la nostra voglia di libertà col ritorno al bisogno materiale o piuttosto alla paura di tornarci.

Ci hanno presi per il c… e ci è piaciuto. Inglese, televisione, informatica e finanza sono stati i cavalli di Troia della colonizzazione globale. La differenza col passato è che ora questi pochi che governano il mondo sono troppo forti per poterli detronizzare.

Non possiamo più tagliare la testa a Luigi sedicesimo.

Ora siamo nella cacca e non è una preziosa “Merde d’Artiste” alla Manzoni, ma la mefitica deiezione di un gigantesco maiale internazionale che divora presente e futuro, un “Minotauro globale“, per usare una famosa definizione dell’ex ministro greco dell’economia Gianīs Varoufakīs.

http://www.yanisvaroufakis.eu/

Mondo di m… dunque? Forse abbiamo capito che è tutto voluto, studiato a tavolino, ma non abbiamo la forza di reagire, il tempo si svuota nella fretta, mille e mille cose da fare, col danaro che scarseggia, la voglia di emigrare, di mollare, partire non sapendo dove andare, che fare, niente più da dire ai nostri figli, niente e nessuno a cui credere.

Soli, soli come menhir spazzati dal vento della brughiera, ora navighiamo tra le sabbie mobili del dubbio, e ogni movimento peggiora la situazione.

Non abbiamo nemmeno un nemico da combattere. Il nemico siamo noi.

E fa paura.

PIC: Merde d’artiste, Piero Manzoni, 1961

Altri articoli dell’Autore su Ora Legale News

https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

http://www.enzovarricchio.it

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…