storie da maneggiare con cura

Storie da maneggiare con cura

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)

La storia è molto brutta: un bambino di 20 mesi ammazzato a botte dal compagno della madre incinta di lui, entrambi poco più che ventenni.
Una storia complessa, da maneggiare con cura.
Degrado sociale? Disagio psicologico? Inadeguatezza giovanile? Intima malvagità? Inclinazione criminale?
Magari un po’ di tutto questo.

Giovani genitori che non hanno superato la fase di figli irresponsabili.
Bambini atterrati in case non presidiate da famiglie allargate, dunque in balìa di genitori immaturi e poi criminali.
Servizi sociali carenti, inadeguati sistemi di prevenzione.
Quanti aspetti si potrebbero approfondire!
Da quanti lati si dovrebbero affrontare storie del genere, e senza per forza essere Dostojevski.
Poi c’è l’aspetto giudiziario; meglio, punitivo. Ineludibile e centrale, dopo un reato così grave. Ma anche la perfetta via di fuga da ogni responsabilità: sociale e politica, insomma collettiva.

Accade così che il filmato “linkato” sul Corriere digitale (che apri speranzoso di immergerti nella sintesi visiva di questa complessità) si riveli quello dell’arresto del balordo: lui di spalle accompagnato da persone con grosse scritte del Corpo di appartenenza, macchine che escono nemmeno sgommando da un portone, il logo del Corpo in alto a sinistra.
Un filmato in fondo mesto, d’altronde non sgominavano una banda, nè chiudevano un lungo caso irrisolto: solo la rappresentazione dei banali cascami della banalità del male.

Non vogliamo parlare di “nessuno tocchi Caino”, sebbene il filmato complicherà la cintura di protezione che il carcere dovrà allestire.
E neanche del divieto assoluto di ripresa degli arrestati, tuttora vigente (ma chi controlla il controllore?).
La vera questione è che il processo penale è da tempo diventato nella coscienza sociale – col formidabile propellente di tutti i media (non solo del fatto Quotidiano) e con l’irresponsabile accondiscendenza della politica (non solo di Lega e M5S) – una vera e propria discarica mentale, un tappeto sotto il quale nascondere la polvere dei problemi sociali, scaricandosi da ogni responsabilità di prevenzione.
Nelle case popolari come nelle kafkiane articolazioni amministrative ciascuno deve fare da sè: lo Stato se ne occuperà dopo, a frittata fatta, con arresti eclatanti e pene sempre più alte e “certe”.
Il “link” del Corriere  non è altro che la versione “digital” delle grida manzoniane.

https://www.pressreader.com/italy/corriere-della-sera/20190526

PIC: Wilhan José Gomes wjgomes da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Mondo di m…

di Enzo Varricchio
L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Leggi l'articolo

Luca e Alba: una famiglia

di Luca Trapanese (Presidente di A ruota libera onlus – Napoli)
Mi sono sempre chiesto se nasca prima la disabilità o la barriera architettonica? Prima la vergogna o l’emarginazione? Prima la povertà o l’egoismo?

Leggi l'articolo

Fuggire dal liberismo

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)
Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno risolto per vivere felici di non pensarci (Blaise Pascal).

Leggi l'articolo

Accoglienza o criminalizzazione

di Piero Rossi (Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale)
Non serve più commettere un reato, per rimanerne estromesso: d’ora innanzi basterà l’assenza della soluzione abitativa e la vuotezza del tempo da trascorrere.

Leggi l'articolo

Troppo poveri per essere difesi

di Anna Losurdo
La tutela dei non abbienti è un istituto di primaria importanza per valutare il grado di civiltà giuridica di ogni ordinamento.

Leggi l'articolo

Povera opinione pubblica

di Fabio Cavalera (Consigliere Ordine Giornalisti Lombardia e Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
“Il nostro dovere è studiare e capire, solo così possiamo spiegare con onestà e competenza ciò di cui siamo testimoni”.

Leggi l'articolo

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Avvocato, disponiamo una CTU?

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.

“Io e te una sola cosa…”

Pubblicato in ||||

di Lucia Legati
Le relazioni interpersonali costituiscono un aspetto fondamentale nella nostra vita quotidiana…

L’amore che manca

Pubblicato in |||||

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari e counselor)
La società patriarcale, non solo ha discriminato e spogliato i popoli che ha giudicato meno civilizzati.

Uomini maltrattanti: finta ira e pura violenza

Pubblicato in |||||

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Il maltrattante non è violento perché arrabbiato, ma arrabbiato in quanto violento.

Cassazione e parolacce

Pubblicato in ||||

di Antonio Pascucci (Avvocato in Milano) e Sabrina Pisani (Dottoressa in Giurisprudenza in Milano)
La loro accettazione sociale è aumentata fino all’utilizzo indiscriminato che negli ultimi anni caratterizza non solo le conversazioni private ma anche quelle “pubbliche”.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.