storie da maneggiare con cura

Storie da maneggiare con cura

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)

La storia è molto brutta: un bambino di 20 mesi ammazzato a botte dal compagno della madre incinta di lui, entrambi poco più che ventenni.
Una storia complessa, da maneggiare con cura.
Degrado sociale? Disagio psicologico? Inadeguatezza giovanile? Intima malvagità? Inclinazione criminale?
Magari un po’ di tutto questo.

Giovani genitori che non hanno superato la fase di figli irresponsabili.
Bambini atterrati in case non presidiate da famiglie allargate, dunque in balìa di genitori immaturi e poi criminali.
Servizi sociali carenti, inadeguati sistemi di prevenzione.
Quanti aspetti si potrebbero approfondire!
Da quanti lati si dovrebbero affrontare storie del genere, e senza per forza essere Dostojevski.
Poi c’è l’aspetto giudiziario; meglio, punitivo. Ineludibile e centrale, dopo un reato così grave. Ma anche la perfetta via di fuga da ogni responsabilità: sociale e politica, insomma collettiva.

Accade così che il filmato “linkato” sul Corriere digitale (che apri speranzoso di immergerti nella sintesi visiva di questa complessità) si riveli quello dell’arresto del balordo: lui di spalle accompagnato da persone con grosse scritte del Corpo di appartenenza, macchine che escono nemmeno sgommando da un portone, il logo del Corpo in alto a sinistra.
Un filmato in fondo mesto, d’altronde non sgominavano una banda, nè chiudevano un lungo caso irrisolto: solo la rappresentazione dei banali cascami della banalità del male.

Non vogliamo parlare di “nessuno tocchi Caino”, sebbene il filmato complicherà la cintura di protezione che il carcere dovrà allestire.
E neanche del divieto assoluto di ripresa degli arrestati, tuttora vigente (ma chi controlla il controllore?).
La vera questione è che il processo penale è da tempo diventato nella coscienza sociale – col formidabile propellente di tutti i media (non solo del fatto Quotidiano) e con l’irresponsabile accondiscendenza della politica (non solo di Lega e M5S) – una vera e propria discarica mentale, un tappeto sotto il quale nascondere la polvere dei problemi sociali, scaricandosi da ogni responsabilità di prevenzione.
Nelle case popolari come nelle kafkiane articolazioni amministrative ciascuno deve fare da sè: lo Stato se ne occuperà dopo, a frittata fatta, con arresti eclatanti e pene sempre più alte e “certe”.
Il “link” del Corriere  non è altro che la versione “digital” delle grida manzoniane.

https://www.pressreader.com/italy/corriere-della-sera/20190526

PIC: Wilhan José Gomes wjgomes da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…