L’affido: il minore e gli altri

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

Il nostro Paese è da anni a natalità decrescente; anche gli stranieri fanno meno figli.
Stando ai dati, il 45% delle donne tra i 18 e i 49 anni non ha ancora avuto figli ed un 5% dichiara che l’avere figli non rientra nel proprio progetto di vita.

Il dato di un paese dove il rapporto giovani/anziani pende drammaticamente a favore di questi ultimi preoccupa politici ed economisti. Ma pochi pensieri vengono spesi per analizzare il perché di una natalità così bassa.
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini.

Con la riforma della filiazione, entrata in vigore il 1° gennaio 2013, è stato introdotto nel nostro codice l’art. 315 bis c.c., definito un vero e proprio “statuto” dei diritti del figlio.

Quest’ultimo “ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni…. Ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti …Quando abbia compiuto gli anni dodici, e anche di età inferiore ove capace di discernimento, ha diritto di essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano.”

Naturalmente “deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie capacità, alle proprie sostanze e al proprio reddito, al mantenimento della famiglia finché convive con essa.

Da una situazione giuridica soggettiva, dove ad esercitare il potere di educazione e tutela era il padre, si è passati prima al paritario esercizio della “potestà genitoriale” in capo ad entrambi i genitori ed infine alla più articolata “responsabilità genitoriale”.

È cambiato nel tempo il concetto di educazione ed il potere riconosciuto a genitori, maestri, insegnanti, educatori. Fino a pochi decenni fa nessun genitore avrebbe osato contestare un insegnante e qualche richiamo o punizione. Oggi non è tollerato alcun tono che possa dirsi appena sopra le righe.

Eppure, permane nel nostro codice, in aperta contraddizione con quanto appena detto, il reato di “abuso di mezzi di correzione” (art.571 c.p.).
Reato che, con la sua sola esistenza, legittima l’uso di quei mezzi, senza neppure individuare la linea di demarcazione tra uso ed abuso.

Sanciti, almeno formalmente, i diritti dei figli, resta da valutare la complessa e spesso scomposta reazione che il nostro ordinamento ha di fronte ai loro desideri, alla loro vita, alla violenza agita dagli adulti e da loro subita direttamente o condivisa quando venga agita su altre persone a lui vicine.

La famiglia, infatti, non è sempre il luogo idealizzato degli affetti.

Spesso si rivela anche un luogo dove i bambini sperimentano, sin da piccoli, violenze e abusi da parte di chi dovrebbe proteggerli.
Nel 2018 sono stati 31 i bambini uccisi in famiglia e solo nei mesi di maggio e giugno 2019, 6 di loro sono stati maltrattati ed uccisi per mano dei genitori.
Dopo Federico Barakat, ucciso dal padre nel corso di un incontro “protetto”. Anche la piccola Gloria è stata uccisa a coltellate dal padre e ciò dopo che il servizio Sociale gliela ha consegnata, ristabilendo rapporti liberi con lui, nonostante fosse stata messa in protezione insieme alla madre.

I bambini vengono utilizzati contro l’altro genitore, solitamente la madre, per punirla per avere scelto di interrompere la relazione.

A fronte di queste tragedie si manifesta la difficoltà del nostro “sistema giustizia”, ancora diviso sulle competenze e sui riti. Incapace di far fronte alle esigenze di una realtà in costante mutamento.

Nella passata legislatura, l’Avvocatura molto ha lavorato affinché i procedimenti in materia di famiglia e delle persone fossero tutti affidati a sezioni specializzate del Tribunale ordinario, con un unico rito ed il rispetto del giusto processo, lasciando al Tribunale per i Minorenni la sola gestione del penale minorile.

La legislatura è finita senza che il progetto potesse divenire legge.
Eppure, questo è un passaggio ineludibile, da cui non si può prescindere per riformare il settore e poi ripensare i modelli di riferimento, la formazione di avvocati, magistrati, consulenti tecnici ed assistenti sociali. E, di conseguenza, riprogettare i rapporti di questi “ausiliari del Giudice” con la magistratura.

Dobbiamo prendere atto che non esiste un unico modello culturale né un modello di famiglia “perfetta” a cui fare riferimento.
Ne consegue che tutti gli “esperti” coinvolti dovrebbero dichiarare a quale modello, filosofia, teoria, si ispirano per fare le loro valutazioni. Così da consentire alle parti e ai loro difensori di sostenerle con convinzione o contestarle a ragion veduta, perché superate, ascientifiche, inidonee.

Il 14 giugno scorso il Consiglio dell’organizzazione mondiale della sanità ha rigettato la richiesta di inserimento della c.d. “alienazione parentale” nell’ICD-11 (elenco delle malattie), che neanche è stata inserita nel DSM-5.
Oggi, solo pochi irriducibili sostengono apertamente la validità della sindrome di alienazione genitoriale (PAS).

Due interventi della Corte di Cassazione, uno nel 2013 e il più recente con la sentenza n. 13274/2019 hanno cassato sentenze basate su criteri a-scientifici. Tuttavica c’è ancora chi fonda le proprie richieste e chi basa la propria decisione sulla scorta di una “malattia” che non esiste e che non ha basi scientifiche. E finisce per allontanare la/il bambina/o dai suoi affetti e/o sottoporla/o a percorsi di “cura” di cui non necessita.

Rimane irrisolta la rilevazione della violenza e dei suoi effetti nelle relazioni familiari da parte della giustizia ordinaria civile.

E ciò avviene nonostante le pluridecennali denunce dei centri antiviolenza e le due indagini Istat, del 2006 e del 2014, abbiano posto l’attenzione su quel 90% di violenza intrafamiliare ancora sommersa.

La negatività della violenza condivisa dai bambini é una “nozione di fatto” che, dopo tanti anni di conoscenza, dovrebbe rientrare nella “comune esperienza” anche degli operatori del diritto.
E, in ossequio ai principi stabiliti dalla Convenzione di Istanbul, dovrebeb portare il Giudice ad escludere il genitore maltrattante dal coaffido, senza necessità di intervento di CTU e Servizi Sociali.

PH: Free-Photos da Pixabay

Note a margine del Convegno tenutosi a Reggio Emilia l’11 luglio 2019

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

surfisti poeti

di Nicola Lopez (Giurista d’impresa in Roma)
I surfisti assorbono l’energia di un’onda, assecondandola per trasformarla in guizzi cinetici

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…