Art against violence

Art against violence

di Enzo Varricchio

Senza l’arte, la crudezza della realtà renderebbe il mondo insopportabile.
George Bernard Shaw

Sarà più facile sconfiggere il cancro che estirpare la violenza dall’indole umana. Essa è figlia della paura, del timore verso ciò che non si conosce o è diverso da sé. La conoscenza, la comunicazione, il dialogo culturale e interculturale, la contaminazione e l’integrazione sono l’antidoto contro questo male.
L’arte contiene tutti i componenti di questo antidoto. Il suo potere sta nell’esprimere messaggi e significati per immagini, senza l’uso delle parole. E’ un eccezionale mezzo di comunicazione, influenza le mode e l’opinione pubblica e può essere una potente arma educativa.

L’impegno contro ogni forma di violenza è diventata la cifra identificativa di molti esponenti dell’arte visiva contemporanea.

Lo stesso simbolo del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, le scarpe rosse, le Zapatos Rojos, nacque come progetto d’arte pubblica dell’artista messicana Elina Chauvet, che nel 2009 espose la sua installazione di 33 scarpe rosse a Ciudad Juárez, la città dove il tasso di femminicidio è così elevato da essere definita “la città che uccide le donne”.

Zapatos Rojos, Elina Chauvet, 2009

Nessun convegno, saggio o articolo avrebbe saputo con tanta immediatezza denunciare e urlare al mondo l’orrore che il femminicidio compie quasi quotidianamente, incitando a non arrendersi a questa piaga.
Il fotografo milanese Oliviero Toscani suscitò scandalo con il morto ammazzato in strada dalla mafia della campagna pubblicitaria per Benetton, ma quello scatto generò un moto di sdegno che pur incise sulla cultura dell’epoca.

Poster, United Colors of Benetton, Oliviero Toscani, 1992.

Banksy, lo street artist più famoso del mondo, si è più volte scagliato contro la violenza delle superpotenze nei confronti di popoli inermi, come in “Family Target” del 2003 che mostra una famiglia sotto tiro di un cecchino, o in “Napalm”, in cui una bambina vietnamita straziata dall’esplosivo viene condotta per mano da Topolino e dal pagliaccio di Mac Donald, quale memoria dell’uso di armi non convenzionali su popolazioni inermi da parte degli americani.

Family target, Banksi, Lilley Fine art, 2003

Nel 2014 a Torino, il performer Raoul Gilioli installò “Pupilla”, un sarcofago nero che, all’avvicinarsi dello spettatore si illuminava per “svelare” al suo interno una performer nuda e imprigionata. Il tema era la segregazione, la chiusura. La donna è nuda, cioè indifesa, è imprigionata dalle violenze e dalle costrizioni della società. Solo se lo spettatore vuole interagire con l’opera, l’opera svela la donna “violentata”, come se fosse abbagliata dal clamore istantaneo dei media.

Pupilla, Raoul Gilioli, Torino, 2014

L’artista cubano Erik Ravelo nel 2015 lanciò la campagna sociale contro lo stupro e le mutilazioni genitali “End violence against women“, realizzata in collaborazione con il fotografo cinese Shek Po Kwan, entrando in un’accesa polemica con facebook del quale denunciava l’uso strumentale del corpo umano.
Un gruppo di artisti della Pashmin Art Gallery di Amburgo ha varato un progetto intitolato Art against violence che si propone di organizzare eventi allo scopo di ridicolizzare e criticare le manifestazioni violente della nostra società.

Insomma, facciamo arte e non la guerra!

PH credit: Erik Ravelo “End violence against women“, 2015

Dello stesso Autore su Ora Legale News:
https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

http://www.enzovarricchio.it

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi