Art against violence

Art against violence

di Enzo Varricchio

Senza l’arte, la crudezza della realtà renderebbe il mondo insopportabile.
George Bernard Shaw

Sarà più facile sconfiggere il cancro che estirpare la violenza dall’indole umana. Essa è figlia della paura, del timore verso ciò che non si conosce o è diverso da sé. La conoscenza, la comunicazione, il dialogo culturale e interculturale, la contaminazione e l’integrazione sono l’antidoto contro questo male.
L’arte contiene tutti i componenti di questo antidoto. Il suo potere sta nell’esprimere messaggi e significati per immagini, senza l’uso delle parole. E’ un eccezionale mezzo di comunicazione, influenza le mode e l’opinione pubblica e può essere una potente arma educativa.

L’impegno contro ogni forma di violenza è diventata la cifra identificativa di molti esponenti dell’arte visiva contemporanea.

Lo stesso simbolo del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, le scarpe rosse, le Zapatos Rojos, nacque come progetto d’arte pubblica dell’artista messicana Elina Chauvet, che nel 2009 espose la sua installazione di 33 scarpe rosse a Ciudad Juárez, la città dove il tasso di femminicidio è così elevato da essere definita “la città che uccide le donne”.

Zapatos Rojos, Elina Chauvet, 2009

Nessun convegno, saggio o articolo avrebbe saputo con tanta immediatezza denunciare e urlare al mondo l’orrore che il femminicidio compie quasi quotidianamente, incitando a non arrendersi a questa piaga.
Il fotografo milanese Oliviero Toscani suscitò scandalo con il morto ammazzato in strada dalla mafia della campagna pubblicitaria per Benetton, ma quello scatto generò un moto di sdegno che pur incise sulla cultura dell’epoca.

Poster, United Colors of Benetton, Oliviero Toscani, 1992.

Banksy, lo street artist più famoso del mondo, si è più volte scagliato contro la violenza delle superpotenze nei confronti di popoli inermi, come in “Family Target” del 2003 che mostra una famiglia sotto tiro di un cecchino, o in “Napalm”, in cui una bambina vietnamita straziata dall’esplosivo viene condotta per mano da Topolino e dal pagliaccio di Mac Donald, quale memoria dell’uso di armi non convenzionali su popolazioni inermi da parte degli americani.

Family target, Banksi, Lilley Fine art, 2003

Nel 2014 a Torino, il performer Raoul Gilioli installò “Pupilla”, un sarcofago nero che, all’avvicinarsi dello spettatore si illuminava per “svelare” al suo interno una performer nuda e imprigionata. Il tema era la segregazione, la chiusura. La donna è nuda, cioè indifesa, è imprigionata dalle violenze e dalle costrizioni della società. Solo se lo spettatore vuole interagire con l’opera, l’opera svela la donna “violentata”, come se fosse abbagliata dal clamore istantaneo dei media.

Pupilla, Raoul Gilioli, Torino, 2014

L’artista cubano Erik Ravelo nel 2015 lanciò la campagna sociale contro lo stupro e le mutilazioni genitali “End violence against women“, realizzata in collaborazione con il fotografo cinese Shek Po Kwan, entrando in un’accesa polemica con facebook del quale denunciava l’uso strumentale del corpo umano.
Un gruppo di artisti della Pashmin Art Gallery di Amburgo ha varato un progetto intitolato Art against violence che si propone di organizzare eventi allo scopo di ridicolizzare e criticare le manifestazioni violente della nostra società.

Insomma, facciamo arte e non la guerra!

PH credit: Erik Ravelo “End violence against women“, 2015

Dello stesso Autore su Ora Legale News:
https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

http://www.enzovarricchio.it

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo