gioventù bruciata

Gioventù bruciata

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)

Di cosa parliamo quando parliamo di violenza?
Di ogni forma di violazione del volere altrui, dicono i dizionari. Quindi, anche lo Stato mi violenta quando mi obbliga a pagare tasse che non voglio pagare? Siamo tutti vittime di una violenza istituzionale?

Il paradosso ci aiuta a stare attenti, a definire bene ciò di cui stiamo parlando, a non dare per scontato che, usando un determinato termine, tutti intendiamo la stessa cosa. Forse ci aiuta anche a tenere a mente che una certa quota di violenza è insita nel patto di convivenza che permette la sopravvivenza di una tribù, di una comunità, di uno Stato e, nel mondo globalizzato, del pianeta Terra, nella sua attuale espressione.

Una quindicenne sta allertando l’umanità sul futuro del pianeta più di tante conferenze di eminenti scienziati e politici. Non è quella di Greta una protesta contro la violenza istituzionale di chi, da posizioni di potere, sembra sottovalutare, minimizzare, giustificare tutto ciò che sta mettendo a rischio la vita sul pianeta? E non si deve essere anche “violenti” per contrastare la violenza delle istituzioni? Non si deve provare a violare la volontà dei potenti quando è una volontà al servizio del potere e non della vita?

Forse, allora, è qui il discrimine tra forme di violenza necessaria e forme di violenza inaccettabile.

La violenza dei ragazzi di Manduria, la violenza delle guardie penitenziarie che massacrano di botte un detenuto, quel gruppo di ragazzi che picchiano l’autista, quegli altri che bruciano il loro stesso territorio attraversati dalla pulsione erostratica, sono tutte forme di violenza mortifera.

Per fare ora un triplo salto carpiato, in natura il predatore che azzanna la sua preda e la divora, agisce per la propria sopravvivenza.

Ma nel nostro universo simbolico, quale bisogno vitale mi spinge a picchiare, fino a farlo morire, un giovane tossicodipendente? a riempire di botte un autista di pullman che mi sta invitando a un comportamento civile, a vessare per anni una persona disabile e pacifica? Volutamente, credo, sto cercando di confondere le acque evitando facili manicheismi, per provare a dire che la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità. E che il tempo nel quale il lupo dormirà con l’agnello è un tempo che non si intravede in nessuno degli orizzonti simbolici della contemporaneità.

Shakespeare scrisse “Vorrei che non ci fosse età di mezzo tra i 10 e 23 anni o che l’umanità dormisse in questo intervallo, perché non vi è nulla in cotesto tempo se non ingravidare ragazze, vilipendere gli anziani, rubare e darsi legnate”.

Poiché questo non è possibile, e sembra che si faccia sempre più fatica ad arginare il fenomeno della violenza negli adolescenti, di una parte degli adolescenti, proviamo intanto a capire veramente di cosa parliamo quando parliamo di violenza e, soprattutto, a usare le nostre conoscenze per cambiare le cose.

Perché la violenza ha bisogno di essere capita e trasformata, non solo arginata e, non credo che saranno le stanze della rabbia made in Japan, l’antidoto culturale di maggiore efficacia. L’esperienza dello spaccare tutto nelle rage rooms descritte in un recente reportage per Robinson di Repubblica da Stefano Massini, è un’esperienza solitaria, intrapsichica.
La trasformazione, l’elaborazione simbolica ha bisogno della relazione con l’altro.

Da psicoterapeuta credo che, per fare un esempio recente, i componenti della baby gang di Manduria abbiano qualcosa da dirci sulla violenza, qualcosa che loro stessi non sanno ma agiscono, e che abbiano bisogno di ascolto (oltre che di una punizione), non per pietismo, buonismo o volontà di comprensione a tutti i costi. Questi ragazzi sono i maestri inconsapevoli delle storture della contemporaneità, carnefici anche di se stessi.

Servirebbe entrare nelle pieghe più intime, ma anche in quelle apparentemente insignificanti della loro quotidianità, per capire quale eccesso di zuccheri e grassi ha nutrito la loro violenza, quale carenza di vitamine culturali ha prodotto la cecità dei loro neuroni specchio, quali correzioni dobbiamo apportare alla loro (e alla nostra) dieta.

Un celebre neuroscienziato, Panksepp, cita una ricerca nella quale animali stuzzicati con piccole dosi di cibo, che li mantengono in un prolungato stato di frustrazione da fame, sono più facilmente soggetti ad attacchi di collera. Mi sembra una buona metafora per dire dello scarto tra la sfavillante realtà propinata da media e social sul magico mondo di chi ha successo, e la realtà anomica della stragrande maggioranza degli adolescenti, ai quali non è stata insegnata, in relazioni significative e durature, la bellezza della vita.

E se il testosterone c’entra come sembra dimostrare la singolare ricerca (che qui sarebbe difficile sintetizzare), di un altro neuroscienziato, Mc Andrews, occorre ricordare sempre che tra psicobiologico e comportamentale la mediazione di un sistema culturale ed educativo fa la differenza, fra un adolescente che entra in una baby gang per essere qualcuno ed un altro che, sempre per lo stesso motivo, si appassiona alla vita.
Le passioni tristi non sono ineluttabili.

Le parole sono non solo importanti, sono essenziali, dice un mio amico antropologo. Perché non si limitano a descrivere la realtà, contribuiscono a costruirla. E’ per questo che quando leggo ad esempio che una baby gang agisce per noia, perché non sa cosa fare il sabato sera, rabbrividisco per la sciatta impresa di costruire improbabili nessi causa-effetto, che hanno il grave effetto collaterale di acquietare i nostri sacrosanti turbamenti di fronte ai tanti episodi di violenza messi in atto, ad esempio da gruppi di ragazzi appartenenti a famiglie “normali” e tranquille. Nella mia ottica è molto meglio restare turbati e inquieti e continuare a pensare, piuttosto che costruire falsi nessi.

https://www.fanpage.it/attualita/a-bologna-la-prima-stanza-della-rabbia-al-mondo-per-bambini-qui-si-sfogano-giocando/

https://www.ilpost.it/2015/12/19/giovani-maschi-violenza-armi/

Ph: Wokandapix da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona