Basta immaginare

Basta immaginare

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano e futurista – Noi di Spoiler)

Da qualche tempo, anche in Italia, si sente parlare sempre più spesso di “studi di futuro” e di futures literacy definita dall’Unesco come l’abilità del XXI secolo che ci consente di “usare” il futuro come strumento di lavoro, come base per le decisioni che ci troviamo ad assumere oggi per il nostro domani.

La disciplina degli studi di futuro inizia a strutturarsi negli Stati Uniti nel secondo dopoguerra, arricchendosi sempre più di contributi e metodologie di lavoro. In Italia assume il nome di “previsione sociale” grazie alla professoressa Eleonora Barbieri Masini dell’Università Gregoriana di Roma – dal 1981 al 1992, coordinatrice della ricerca ONU e del successivo progetto di azione sociale dell’UNESCO Women’s International Network, Emergency and Solidarity – e alla fine degli anni ’60 in Italia si creano i presupposti di importanti esperienze come la nascita del “Club di Roma” e collegamenti con il contesto europeo.

Sembrano esserci tuttavia ragioni storico-sociologiche e di carattere psicologico che non ne hanno agevolato lo sviluppo e ancor oggi ne ostacolano la diffusione. Gli “studi di futuro” appaiono tuttora in una fase di iniziale affermazione, impegnati a farsi conoscere anche fuori dal mondo accademico: il porre al centro dello studio di un fenomeno qualcosa che ancora non c’è – il futuro – suscita reazioni diffidenti verso la disciplina. Forse qualcosa di simile avvenne agli albori degli studi antropologici – quando veniva messo in dubbio lo stesso oggetto di indagine (all’epoca l’uomo) – ma oggi nessuno metterebbe in discussione la natura di seria disciplina dell’antropologia.

Molteplici sono le cause della lunga incubazione in Italia degli “studi di futuro”. Una può essere individuata nella de-storializzazione imposta dalla cultura di massa: nell’epoca attuale interessano le azioni quotidiane e i consumi del momento, che si ripetono con continuità, sempre uguali, in riti collettivi che allontanano l’idea e il valore del domani. O ancora nell’accelerazione tecnica, sociale e individuale di questo momento storico che condiziona la percezione di sé e degli altri e compromette il nostro rapporto con il tempo, soprattutto quello dedicato alle decisioni da assumere per il futuro.

A ciò si aggiungono motivazioni di carattere psicologico: gli studi di Daniel Kahneman sugli errori (bias) cognitivi hanno reso evidenti i nostri condizionamenti. Spesso le previsioni ci parlano più del presente che del futuro: nel guardare avanti nel tempo tendiamo, infatti, a proiettare il passato o il presente, commettendo così l’errore della convinzione della continuità, senza tener conto che invece il futuro nasce dalla discontinuità e dal continuo cambiamento.

Negli ultimi decenni gli studi e le esperienze futuriste si sono arricchiti di metodologie e prospettive che partono da fondamenti epistemologici diversi o quali sviluppi paralleli di altri campi di studio.

Da avvocata, l’approccio che mi interessa maggiormente è quello prospettico-partecipativo, finalizzato all’applicazione agli studi di futuro della ricerca d’azione che, da strumento di indagine sociale, diviene mezzo per la creazione consapevole, da parte di un gruppo, del proprio futuro, facilitando dapprima le visioni alternative e successivamente promuovendo la partecipazione attiva a un processo di sviluppo e trasformazione. Come ci ricorda Arjun Appadurai «la maggior parte della gente comune non ha esperienza del proprio mondo sociale in quanto progettato. Questo mondo lo esperisce come dato, come esterno a sé stesso, come relativamente fisso e ampiamente indifferente alle proprie preferenze e desideri. In realtà, l’ordine quotidiano è il risultato di attori sociali che scelgono di seguire determinate regole, di adempiere a certi obblighi, di incrociare alcune aspettative e di compiere intenzionalmente molteplici attività sociali» (Il futuro come fatto culturale, 2013, p. 347).

L’impiego delle attitudini del pensiero sistemico e le risorse della creatività, dell’arte – perché come diceva Jim Dator, per creare un futuro per una società, una comunità o un’organizzazione è necessario prima saperlo immaginare – potranno favorire esperienze di innovazione sociale con l’invito a partecipare alla creazione di visioni di interesse comune per affrontare i problemi sociali e i cambiamenti complessi in atto nella società, oggi impegnata nella ricerca di nuove forme di interazione e distribuzione del potere.

Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale e si intrecciano costantemente con gli argomenti affrontati nel magazine Ora Legale e queste poche righe certo non possono rendere la ricchezza dei loro contenuti e l’ampiezza dei possibili impieghi. Ciò mi porta a lanciare una proposta alla Redazione: torniamo a parlarne nei prossimi numeri, per immaginare insieme futuri possibili?

Image credit: Wonderful World – TimWalker
www.timwalkerphotography.com

www.noidispoiler.it

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona