Account nuovo vita nuova

Account nuovo vita nuova

di Cecilia Gradassi (Avvocata in Livorno)

Ho resistito strenuamente e a lungo, poi, lo scorso anno, alla soglia dei miei 50 anni, mi sono arresa e ho lasciato che prendessero anche me…
Per curiosità, per non rimanere all’oscuro ma, soprattutto, (come usa dire) per essere al passo con i tempi e con mia figlia pre-adolescente.

L’ho fatto quasi per gioco ma, poi, ne sono stata trascinata dentro, per meglio dire, risucchiata. E adesso, pare impossibile che ne possa aver fatto a meno per tanti anni sebbene, è giusto dirlo, vi siano momenti in cui maledico il giorno in cui ho creato il mio account.

Pare incredibile ma ne sei morbosamente attratto, non riesci a distaccartene (anche nel mentre mi trovo a scrivere questo articolo mi sono interrotta più volte per esaminare le notifiche che, nel frattempo, mi sono arrivate) tanto da avere, addirittura, difficoltà a chiudere le applicazioni nonostante tu ti renda perfettamente conto del tempo che stai perdendo e, talvolta, che – grazie a quel frenetico e perpetuato esame di foto, frasi e link – sia presa da un forte senso di nausea (e non solo per ciò che trovo scritto nei post).

Non a caso, infatti, può parlarsi di vera e propria dipendenza (ad esempio, il 60% dei ragazzi dagli 11 ai 13 anni trascorre on line circa cinque ore al giorno).

Così, adesso, ho un motivo in più di preoccupazione: devo constatare, con sempre rinnovato stupore, che l’ignoranza (sotto ogni punto di vista) dilaga, invade, pervade, aggredisce.

Non sono, quindi, solamente la condivisione di post afferenti a false notizie (fake news) a darci motivo di preoccupazione per i nostri figli, per noi stessi, per la società ed il nostro vivere nella società.
Ancor di più allarmanti (se possibile) sono i commenti “gridati”, le aggressioni verbali, gli insulti, gli attacchi spesso offensivi e, talvolta ma non raramente, anche violenti che vengono condivisi.

Si tratta di comportamenti – i primi (condivisione di fakes) – riferibili al c.d. analfabetismo funzionale per giungere, poi, a quelli definiti di analfabetismo emotivo attraverso i quali si sente l’esigenza di dare libero sfogo in rete, attraverso la tastiera e protetti dallo schermo, ad emozioni “negative” di frustrazione personale e sin anche di rabbia non essendo capaci di gestirle.

Insomma, l’analfabetismo emotivo (o analfabetismo emozionale) è, secondo il filosofo Umberto Galimberti e il sociologo Daniel Goleman, l’incapacità di riconoscere e controllare le proprie emozioni.
E, quindi, l’analfabeta emotivo è una persona che non ha consapevolezza del proprio sentire, è impulsiva, è imprevedibile, è arida di cuore ed è, ancor più, incapace di riconoscere le emozioni altrui.

Di conseguenza, l’essere analfabeti emozionali rende incapaci di provare empatia e compassione.

Umberto Galimberti ci spiega che “nel nostro tempo caratterizzato da sovrabbondanza di stimoli esterni e da carenza di comunicazione, si avvertono i segnali di quella indifferenza emotiva per effetto della quale non si ha risonanza emozionale di fronte a fatti a cui si assiste o a gesti che si compiono” (I miti del nostro tempo, Feltrinelli, 2009).

Per tornare alla sopra cennata preoccupazione, il rischio per i nostri figli è di imbattersi in manifestazioni sempre più irrispettose ma anche violente quanto futili ed incontrollate tese, soprattutto, ad aggredire ed offendere coloro che la pensano diversamente.
In totale mancanza di empatia, l’altro è percepito come vero e proprio nemico.

Dall’analisi di tali comportamenti, quel che sembra mancare alla attuale generazione è una educazione emotiva che consenta di gestire le proprie emozioni e controllare i propri istinti sotto stress, di porre in essere condotte autoconsapevoli ma anche di essere comprensivi ed accoglienti all’altro ed al “diverso”, non lasciandosi pervadere dal senso di paura.

Empatia ed educazione ai sentimenti: le famiglie e la scuola avranno il loro bel da fare, vincendo a loro volta la frenesia dei nostri tempi, per resettare i nostri figli predisponendoli ad una vita anche, ma non solo, social.

Pic.: hhttps://pixabay.com

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…