D.E.I. acronimo di UMANI

D.E.I. acronimo di UMANI

di Anna Bossi (Insegnante di scuola media superiore in Milano – FronteVerso Network)

“Ciascuno chiama idee chiare quelle che hanno lo stesso grado di confusione delle sue.”
Marcel Proust

DEI, acronimo degli UMANI, nel suo dipanare relazioni di rispetto e comunicazione tra appartenenti alla medesima comunità glocale per parlarsi con il linguaggio del riconoscimento reciproco.

Il linguaggio: strumento potente nelle mani dell’uomo. Strumento da maneggiarsi con cura. Dall’uso che se ne fa possono scaturire risultati decisamente differenti, se non, addirittura, contrastanti. Se utilizzato in modo corretto può, nelle relazioni, essere garanzia di equità e può favorire il superamento delle diversità, agevolando processi di inclusione. Mentre con un uso improprio si possono creare barriere e divisioni, talvolta insormontabili e definitive.

La comunicazione, leggiamo nella definizione del vocabolario, è rappresentata dal processo e dalle modalità di trasmissione di un’informazione da un individuo a un altro, attraverso lo scambio di un messaggio elaborato secondo le regole di un determinato codice comune.

Tra questi codici l’essere umano ha sviluppato principalmente il linguaggio nella sua forma verbale e scritta. Il linguaggio è la cosa che ci rende umani. Noi siamo gli unici animali che hanno il potere della parola. Ma in quest’epoca dove la tecnologia della comunicazione dà a chiunque la possibilità di far sentire la propria voce, chi potrebbe arrivare a pensare che il messaggio comunicato non abbia nessuna garanzia di essere compreso nel suo significato originario?

Del resto anche chi riceve il messaggio spesso si chiede se c’era proprio tutto questo desiderio di ascoltare quel che è stato proclamato senza freni, senza limiti e senza pudore, ma questo è un altro discorso.

Guido Guerrieri, personaggio del romanzo di Gianrico Carofiglio, Ragionevoli Dubbi, legge da un ipotetico manuale: “Le nostre parole sono spesso prive di significato. Ciò accade perché le abbiamo consumate, estenuate, svuotate con un uso eccessivo e soprattutto inconsapevole. Le abbiamo rese bozzoli vuoti. Per raccontare, dobbiamo rigenerare le nostre parole. Dobbiamo restituire loro senso, consistenza, colore, suono, odore. E per fare questo dobbiamo farle a pezzi e poi ricostruirle.”

Questa operazione, che dovrebbe esser destinata a ridare dignità, significato e, dunque, forza alle parole, può portare a risultati aberranti se nella volontà di chi si esprime c’è l’intenzione di ingannare, di fuorviare.

Spesso l’informazione utilizza l’espediente di omettere un aspetto del messaggio, focalizzando per esempio l’attenzione sulla prospettiva positiva di una notizia, tralasciandone i risvolti negativi e quindi, di fatto alterandone il vero significato. Ecco, per esempio, che quando si parla della bozza di testo della Commissione Europea sulla “Tassonomia Verde”, l’energia nucleare assume carattere “sostenibile” dal punto di vista ambientale. Varrebbe probabilmente la pena di andare più a fondo della questione per capire che dietro ai vantaggi messi in evidenza ci sono rischi che potrebbero costare un prezzo molto alto.

L’uso di un linguaggio estremamente tecnico e comprensibile solo a pochi ascoltatori eletti può essere invece l’espediente di chi, dall’alto della sua presunta superiorità, non ha nessuna volontà di essere capito, di chi vuole escludere anziché includere. C’è pure chi, approfittando della confusione generata dall’imperante infodemia, afferma spudoratamente il falso, facendo conto sulla difficoltà di essere ragionevolmente smentito.

Ma il linguaggio deve essere considerato strumento di comunicazione, quindi di inclusione, oppure di confusione, quindi di allontanamento e separazione? Il primo passo verso la comprensione è quindi la cura dello strumento comunicativo che deve coniugare semplicità e trasparenza alla correttezza e all’integrità. Anche Gustavo Zagrebelsky, a conclusione del suo ideale decalogo dell’etica democratica, mette l’accento sulla “cura delle parole”.

Voglio concludere con le parole di Vera Gheno, una delle più importanti sociolinguiste e traduttrici in Italia: “In un mondo così sovraccarico di parole, perché è vero che è sovraccarico, siamo circondati continuamente da parole, io vi invito a fare una cosa: riprendiamoci il potere della parola giusta. Questa è una cosa che possiamo fare tutti. Perché non implica imparare cose strane. Implica il prendere in mano una competenza che abbiamo tutti, che è quella della parola, e usarla meglio.”

Image credit: Joshua Woroniecki da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante