Il caso dell'Avv. Botagoz Jardemalie

Il caso dell’Avv. Botagoz Jardemalie

di Roberto Giovene di Girasole (Avvocato in Napoli – OIAD)

Cooperazione giudiziaria penale e diritti dell’uomo. Il caso dell’Avvocata kazaka Jardemalie sottoposta ad indagini, perquisizione e sequestri in Belgio nonostante lo status di rifugiata.

Ha destato viva preoccupazione a livello europeo la notizia che il 1° ottobre 2019 la polizia Belga ha eseguito una perquisizione, senza mandato, presso il domicilio dell’Avvocata difensore dei diritti dell’Uomo e rifugiata kazaka in Belgio, Botagoz Jardemalie.
Secondo le informazioni ricevute dall’Osservatorio Internazionale degli avvocati in pericolo (OIAD) le autorità belghe hanno dato seguito ad una domanda di cooperazione giudiziaria del Kazakistan, riguardante la rifugiata politica Botagoz Jardemalie, che aveva ottenuto lo status di rifugiata nel 2013.

La perquisizione si è svolta presso il suo appartamento, mentre non era in casa, e la polizia non ha mostrato alcun mandato ai componenti della sua famiglia che si trovavano all’interno dell’abitazione e ne avevano richiesto l’esibizione.
Sono stati esaminati e sequestrati documenti coperti da segreto professionale, in relazione alla sua attività di avvocata e difensore dei diritti dell’uomo.

La perquisizione si sarebbe svolta alla presenza di due funzionari kazaki (un magistrato e un componente dei servizi anti-corruzione) nonostante che l’avvocata avesse ottenuto lo status di rifugiata in Belgio, a seguito delle persecuzioni subite dal regime kazako.
A destare perplessità e preoccupazione è l’avvenuto sequestro di numerosi strumenti informatici e documenti confidenziali dell’avvocata, iscritta anche all’albo di New York.
Potrebbero esserci gravi ripercussioni sulla sicurezza dell’avvocata e dei suoi clienti in relazione alle comunicazioni ed ai documenti coperti da segreto.

I sequestri potrebbero anche avere conseguenze per la sicurezza del fratello della Jardamalie, Iskander Yerimbetov, detenuto politico in Kazakistan dal 13 novembre 2017 che avrebbe subito tortura e trattamenti inumani, secondo notizie fornite da diverse organizzazioni di difesa dei diritti dell’uomo.
Il 20 novembre 2018, il gruppo di lavoro dell’ONU sulla detenzione arbitraria e illegale, ha concluso che la detenzione di Yerimbetov è arbitraria e illegale in violazione dell’art. 9 (diritto alla libertà e alla sicurezza personale) e 14 (diritto a un processo giusto) del Patto e ne ha chiesto l’immediata liberazione

Nel comunicato OIAD si legge che, secondo quanto riferito dal ministro della Giustizia belga, Koes Geens, al Parlamento Federale del Belgio, in questo caso la cooperazione giudiziaria ha trovato fondamento nella Convenzione ONU sulla criminalità organizzata e la corruzione, ratificata sia dal Belgio che dal Kazakistan.
Alla luce di queste disposizioni, la perquisizione sarebbe stata successivamente autorizzata dal giudice istruttore.

Secondo il ministro della Giustizia del Belgio la mutua assistenza giudiziaria è stata accordata al fine di raccogliere prove di un caso di sottrazione di diversi miliardi di dollari, al quale sarebbe legata l’attività dell’avvocata kazaka.
Alcuni membri del Parlamento hanno ricordato che il Kazakistan è conosciuto per il suo regime autoritario, l’intimidazione degli oppositori politici e l’assenza di indipendenza del potere giudiziario.
L’OIAD sottolinea che, nel contempo, lo stato belga sta processando due persone per associazione a delinquere, danneggiamento e molestie nei confronti della Jardemalie, per attività illecite volte a colpire la sua attività di avvocato, e che lo Stato belga ha già respinto due richieste di estradizione del Kazakistan nei confronti di Botagoz Jardemalie.

L’OIAD ha espresso preoccupazione per la sicurezza della Jardemalie e della sua famiglia ed ha invitato le autorità belghe a cessare qualsiasi trasmissione di documenti riservati, in particolare quelli coperti dal segreto professionale, alle autorità kazake.

Photo credit: Daniel Nebreda da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse