soft-toys-3158361_1920

Io negozio, il giudice separa

di Roberta Valente (Avvocata in Bari)

Non c’è nulla da fare.
Separazione o divorzio: la sentenza del Giudice vale di più di un accordo redatto dalle parti con i rispettivi Avvocati negoziatori.
È inutile che si dispera” mi raccontava una Cancelleria della Procura quando andavo ad informarvi sul numero dei depositi degli accordi di negoziazione assistita “i cittadini vogliono la carta scritta dal Giudice (la sentenza) poiché credono che una separazione o un divorzio firmati solo dagli Avvocati abbiano meno valore della sentenza di un Giudice”.

Ancora non mi rassegno e continuo a combattere i retaggi culturali legati a una pessima visione dell’operato degli Avvocati, pur consapevole che è diventato sempre più difficile utilizzare lo strumento della negoziazione assistita di famiglia, sia per le lacune della legge 162/2014, non ancora colmate dal legislatore, sia per l’inutile e crescente burocratizzazione degli adempimenti da eseguire presso le Procure competenti a autorizzare o vistare l’accordo.

E allora che si fa?

Si sceglie la via più semplice e si deposita, quando l’accordo c’è, il ricorso congiunto di separazione o divorzio o modifica delle condizioni di separazione o divorzio.
Contributo unificato e via: a tutto il resto provvedono il Giudice e la Cancelleria e l’Avvocato può anche assistere entrambi i coniugi, con l’intuibile risparmio di spesa per gli assistiti. Neanche si rischia di pagare la sanzione pecuniaria in caso di ritardo nel deposito all’Ufficio di Stato civile del Comune competente.

Davvero si può andare avanti così?

Ancora nessuna negoziazione per i figli di coppie non coniugate o per coniugi o genitori meno abbienti e che potrebbero usufruire del patrocinio a spese dello Stato (lacuna incomprensibile e ingiustificabile).
Inoltre, non possiamo prevedere il trasferimento di immobili se non con l’autentica di un notaio, non possiamo ascoltare congiuntamente i minori nemmeno con l’assistenza di un esperto, dobbiamo depositare una caterva di documenti in Procura e rischiare un rigetto da un Giudice che non si occupa di diritto di famiglia, e, ciliegina sulla torta, dobbiamo anche depositare l’accordo, alla fine del procedimento e con l’ansia da sanzione, presso il COA di appartenenza.

Degiurisdizionalizzazione?

Ma dove? Nei sogni di un legislatore che non sa o non sa scrivere, con o senza l’emergenza sanitaria.
Anzi l’emergenza sanitaria avrebbe dovuto agevolare il lavoro degli Avvocati e non appesantirlo come, al contrario, sta succedendo e non solo nell’ambito del diritto di famiglia.

L’ISTAT ha registrato, tra gli effetti della pandemia, un forte calo di matrimoni e unioni civili, ma anche di separazioni e divorzi.
Si sono ridotti in percentuale maggiore i procedimenti giudiziali di separazione e divorzio (per le ovvie ragioni legate al blocco delle attività nei Tribunali), ma anche le negoziazioni di famiglia, seppure in misura lievemente minore.
Ma l’informatizzazione del sistema giustizia e il processo civile telematico non c’erano già prima della pandemia?
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi, ma non c’è nulla da fare, la sentenza è scritta con la penna d’oro, l’accordo con la penna bic.
Io adoro le bic cristal.

di Roberta Valente su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/attualita/minata-la-negoziazione-assistita/13706/2021/

Image credit: Bruno /Germany da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani