la Giustizia e "tre donne intorno al cor"

La Giustizia e “tre donne intorno al cor”

di Michele Salazar (Avvocato in Reggio Calabria)

Prendendo lo spunto dalla canzone dottrinale Tre donne intorno al cor mi son venute (Rime, 47 CIV) che Dante compose nel 1302 per esprimere la sua amarezza per l’esilio e le sue riflessioni sulla giustizia divina, sulla giustizia umana e sulla legge (rappresentate dalla tre donne, belle e virtuose, che immagina di incontrare), analizzo comparativamente i personaggi femminili delle opere teatrali di Sofocle (Antigone), Shakespeare (Il mercante di Venezia) e Eduardo De Filippo (Filumena Marturano), che anche a me hanno metaforicamente rubato il cuore nella notte di San Valentino, mettendone in evidenza le assonanze e le differenze che sotto il profilo giuridico caratterizzano le loro vite.

Antigone è la paladina del diritto naturale e quindi della legge eterna degli dèi, che essa contrappone – in un pubblico processo – al diritto positivo di Creonte, che ha vietato la sepoltura di Polinice a dispetto dei principi fondamentali che governano da sempre l’ordinato svolgimento della polis e assegnano alla famiglia in via esclusiva la gestione degli affetti e della pietà per i defunti.
Per l’affermazione di tali principi Antigone sacrifica addirittura la vita, innescando una serie di eventi tragici che travolgono a Tebe tutti i personaggi della vicenda.

Porzia, al contrario di Antigone, che si oppone alla legge del sovrano, si muove invece nell’ambito dell’ordinamento giuridico della mercantile ed opulenta Repubblica di Venezia, dove vige la regola del rispetto dei contratti, anche se iniqui, come quello stipulato da Antonio con l’ebreo Shylock.
Quest’ultimo, infatti, ha il diritto di tagliare dal corpo del primo, a cui ha prestato tremila ducati, una libbra di carne in caso di mancata restituzione della somma alla scadenza.
Nel processo davanti al Doge contro l’inadempiente Antonio, Porzia, travestita da avvocato, riesce, con un’abile strategia difensiva, a sottrarre il suo cliente alle grinfie dell’usuraio, e addirittura ad invocare contro costui la legislazione della Serenissima avendo egli attentato con quel contratto mortale alla vita di un cittadino di Venezia.

Anche Filumena Martorano si misura con la legge, utilizzando a suo modo, lei che non sa né leggere né scrivere, le norme sul matrimonio in articulo mortis.
Si finge in fin di vita per farsi sposare dal convivente, che però reagisce allo stratagemma e minaccia querele e denunzie.
Fa intervenire l’avvocato Nocella per spiegare a Filumena in un simulacro di processo privato che, non essendo morta, il matrimonio non vale.
La vicenda si complica quando Filumena rivela a Domenico Suriano di avere tre figli, di cui uno è stato con lui concepito, ma non gliene rivela l’identità, risvegliando il senso della paternità nell’uomo, che alla fine la sposa con un matrimonio in piena regola, dopo l’annullamento di quello contratto con l’inganno.

Il tema trattato si inserisce nel filone di studi che può denominarsi “Diritto e letteratura”, genere assai praticato nei sistemi di common law, segnatamente negli Stati Uniti, dove grande interesse ha sempre suscitato in ogni strato sociale il processo.
Ed è appunto il processo il filo rosso che unisce le tre protagoniste dei tre drammi, nei quali, con il linguaggio del teatro, vengono rappresentati sulla scena i problemi sempre eterni della giustizia.

PH: Pexels da Pixabay

Giuffrè, Milano, 2015

https://shop.giuffre.it/catalog/product/view/id/75216/category/53/

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse