La mediazione dell'avvocato

La mediazione dell’Avvocato

di Pasqua Lacatena (Avvocata in Bari e mediatrice familiare)

Venite qui, cari bambini miei, sola dolcezza della mia famiglia distrutta, venite qui e stringetevi a me, forte forte. Siate di vostro padre, sani e salvi, purché siate anche della madre. M’incalza l’esilio, la fuga. In un attimo, tra lacrime e grida, li strapperanno dal mio seno di proscritta… Muoiano dunque per il padre, poiché per la madre sono morti. Ecco, il rancore si fa grande, l’odio si accende
(Seneca – Medea)

Medea, una tragedia assurda.
Una madre che uccide i figli per vendicarsi del padre che l’ha tradita, dopo tutto quello che lei aveva fatto per lui. Follia! Non potrebbe più succedere. È un orrore.
Ma davvero?
Un altro tempo, un’altra cultura.
Lei era una barbara.

Ma la tragedia non si ripete forse ogni qual volta che, accecati dal dolore, dall’odio, non troviamo più spazio per contenere quello di un altro essere umano, anche se quell’essere umano è stato messo al mondo proprio da noi?
Le urla, la mancanza di rispetto, la voglia di avere una giustizia che somiglia alla vendetta, non è forse il prezzo che facciamo pagare ai nostri figli?

Nella nostra esperienza di avvocati, entriamo in contatto con queste emozioni, cercando di gestirle al meglio, facendo in modo che le stesse non siano esasperate e muovendoci per non essere solo difensori di una parte, in una materia delicata come quella della famiglia. Possiamo trovare soluzioni, proporre accordi, cercare di collaborare con il collega alla ricerca di un equilibrio che soddisfi il nostro assistito che spesso, però, conserva in sé la sensazione di essere sempre la parte che ha ceduto di più.

Nei nostri studi di avvocati sentiamo il dolore, la rabbia, lo smarrimento di chi sta affrontando uno dei dolori più grandi; quei dolori che hanno bisogno di tempo per essere elaborati, contenuti.
Che risposta posso dare io che sono un avvocato?
C’è bisogno di uno spazio altro.
Di una altra giustizia.
È qui che si inserisce il mediatore familiare.

Si potrebbe definire un ausiliario dell’avvocato. Colui che si occupa di contenere le emozioni che impediscono la comunicazione, che può sciogliere quel ghiaccio che allontana e che rende i figli vittime di sentimenti non altrimenti elaborati. Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora; perchè si possa restituire agli adulti la responsabilità di poter donare al proprio figlio dei buoni genitori.

Il percorso non è semplice, richiede la volontà di non alimentare il conflitto. La volontà di scegliere di mantenere un legame d’amore con l’altro, legame d’amore che è rappresentato dal figlio e che va oltre la fine del matrimonio.
Come avvocato che posso fare?
Posso prendere il mio ruolo di legale e delegare ad uno spazio altro la gestione delle emozioni e del conflitto a chi, adeguatamente formato, ha la competenza per saper operare e restituire la responsabilità genitoriale, che non dovrebbe essere solo una parola da scrivere in un atto giudiziario.
In un tempo in cui l’umanità è soffocata dalla paura della malattia e della morte, ancora di più ci si deve interrogare sul vero significato della cura.

Image credit: congerdesign da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa