Potere digitale

Potere digitale

di Gabriele Giacomini (Filosofo e sociologo in Udine)

Superare le parole pigre per vedere il cambiamento nella società digitale

Esistono parole e concetti di gran moda che però vengono utilizzati in maniera pigra. Un caso è il concetto di resilienza. La resilienza in senso stretto è la proprietà di un materiale di ritornare allo stato iniziale dopo uno shock. Così, a seguito della crisi, ci siamo scoperti tutti resilienti. Tuttavia, un essere umano dopo uno shock non è mai resiliente, si potrebbe dire per definizione: a differenza dei corpi inanimati, gli esseri umani cambiano in stretto rapporto con gli stimoli esterni. È il loro destino. Ecco che, dopo una crisi, un individuo o una collettività può evolversi oppure può involversi, ma mai essere resiliente.

Un simile concetto è quello di disintermediazione. Quando andiamo in banca, ad esempio, la disintermediazione sembra evidente, e si misura nel numero di operatori che fino a dieci-venti anni riempivano gli sportelli e che ora non ci sono più. Sostituiti in buona parte da Internet, dall’home banking. Appunto disintermediati. Ma possiamo davvero dire, ad esempio, che l’home banking non è più un intermediario fra il cliente e l’operazione che desidera realizzare? Ovvio che lo è, solo che è un intermediario diverso da quello in carne ed ossa.

Ma usciamo dall’ambito economico per giungere al più ampio ambito della sfera pubblica (ovvero quello dei giornali, della televisione, di Internet).

Nel bel mezzo delle euforie degli anni ‘90 e dei primi anni 2000, numerosi ed autorevoli studiosi credevano che il Web avrebbe permesso ai cittadini di comunicare “orizzontalmente”, direttamente fra loro, superando le classiche intermediazioni dei giornali o delle televisioni. Vedo una notizia, la carico, la condivido. Ho una informazione e la faccio girare. Nessuno può più mettersi in mezzo. È la cosiddetta disintermediazione che torna.

Tuttavia, con il passare degli anni si è scoperto che le grandi piattaforme influenzano, condizionano. Con un sottile ma pervasivo “verticismo”. Ad esempio, quando pubblico un post su Facebook, gli algoritmi della piattaforma decidono come e in che misura questo post appare sugli schermi dei miei amici. E questa è una forma di potere fra le più importanti. Si chiama “quarto potere” e consiste nello scegliere quali informazioni pubblicare o mettere in risalto. Prerogativa dei giornali, ora – mutatis mutandis – campo di gioco per Facebook (il NewsFeed) o Twitter (i TopTrends).

Il concetto di disintermediazione può essere inteso e considerato da due differenti punti di vista. Da un lato la disintermediazione può essere intesa in senso stretto, rispetto a quanto siamo soliti conoscere e frequentare, in maniera quindi storicamente situata. In questa prospettiva si può sostenere che la rete abbia contribuito a “disintermediare” gli intermediari tradizionali: i media digitali in effetti superano in parte (e mettono in crisi) le figure di intermediari tipiche del Novecento.
Dall’altro lato, però, se intendiamo l’intermediazione in senso etimologico, in senso assoluto e non in rapporto a qualcosa di precedente, il concetto di disintermediazione non sembra più adeguato ed è certamente più consono quello di neointermediazione. I media digitali, infatti, superano l’idea di intermediario come è stata intesa finora, ma non la superano in assoluto. Ne sono invece stati introdotti di inediti, diversi rispetto ai precedenti ma non per questo trascurabili.

Nell’ambito della sfera pubblica ci sono grandi neointermediari (Google, Facebook, Linkedin eccetera), ma anche piccoli neointermediari: le aziende della comunicazione, delle pubbliche relazioni e del digitale, ad esempio, che attraverso pratiche e meccanismi come i meme, l’elaborazione della catena, l’astroturfing, le cascate informative hanno come obiettivo proprio quello della neointermediazione. Il loro lavoro ha valore proprio nella misura in cui sono in grado di creare consenso proveniente dal basso. E questo è il bello della “distruzione creatrice” di schumpetriana memoria: le vecchie intermediazioni non vengono semplicemente annullate, ma vengono affiancate o sostituite. Superare un utilizzo pigro delle parole e dei concetti, si potrebbe dire, può anche essere occasione per vedere nuovi affari.

Image credit: Michael Gaida da Pixabay

Autore di “Potere digitale. Come Internet sta cambiando la sfera pubblica e la democrazia” Meltemi editore, Milano 2018

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il problema relazionale

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Libertà di non amare

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in |||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in |||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza

IL RIFIUTO DEL MINORE

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Gli operatori psicosociali e giuridici devono rivedere tutti i propri preconcetti sul rifiuto del minore di frequentare un genitore

Non c’è più tempo

Pubblicato in ||

Angelo Schillaci
Storie come quella di Caivano ci ricordano che la proposta di legge contro l’omotranslesbofobia non è un capriccio

Junk science

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Il mancato riconoscimento della PAS come malattia è dovuto alla mancanza di studi, clinici, epidemiologici, riconosciuti dalla comunità scientifica

Ancora la PAS?

Pubblicato in |||

Alessandra Capuano Branca
È giusto chiedersi quale sia l’ideologia di riferimento.
La risposta non è difficile, ed è la difesa del patriarcato.

ANNUNCISMI

Pubblicato in

Il sole estivo non ha distrutto il virus. Tra poco si ricomincerà a danzare.

IL CONTE SULLO STRETTO

Pubblicato in

Tra Scilla e Cariddi, contro Scilla e contro Cariddi, si…