Potere digitale

Potere digitale

di Gabriele Giacomini (Filosofo e sociologo in Udine)

Superare le parole pigre per vedere il cambiamento nella società digitale

Esistono parole e concetti di gran moda che però vengono utilizzati in maniera pigra. Un caso è il concetto di resilienza. La resilienza in senso stretto è la proprietà di un materiale di ritornare allo stato iniziale dopo uno shock. Così, a seguito della crisi, ci siamo scoperti tutti resilienti. Tuttavia, un essere umano dopo uno shock non è mai resiliente, si potrebbe dire per definizione: a differenza dei corpi inanimati, gli esseri umani cambiano in stretto rapporto con gli stimoli esterni. È il loro destino. Ecco che, dopo una crisi, un individuo o una collettività può evolversi oppure può involversi, ma mai essere resiliente.

Un simile concetto è quello di disintermediazione. Quando andiamo in banca, ad esempio, la disintermediazione sembra evidente, e si misura nel numero di operatori che fino a dieci-venti anni riempivano gli sportelli e che ora non ci sono più. Sostituiti in buona parte da Internet, dall’home banking. Appunto disintermediati. Ma possiamo davvero dire, ad esempio, che l’home banking non è più un intermediario fra il cliente e l’operazione che desidera realizzare? Ovvio che lo è, solo che è un intermediario diverso da quello in carne ed ossa.

Ma usciamo dall’ambito economico per giungere al più ampio ambito della sfera pubblica (ovvero quello dei giornali, della televisione, di Internet).

Nel bel mezzo delle euforie degli anni ‘90 e dei primi anni 2000, numerosi ed autorevoli studiosi credevano che il Web avrebbe permesso ai cittadini di comunicare “orizzontalmente”, direttamente fra loro, superando le classiche intermediazioni dei giornali o delle televisioni. Vedo una notizia, la carico, la condivido. Ho una informazione e la faccio girare. Nessuno può più mettersi in mezzo. È la cosiddetta disintermediazione che torna.

Tuttavia, con il passare degli anni si è scoperto che le grandi piattaforme influenzano, condizionano. Con un sottile ma pervasivo “verticismo”. Ad esempio, quando pubblico un post su Facebook, gli algoritmi della piattaforma decidono come e in che misura questo post appare sugli schermi dei miei amici. E questa è una forma di potere fra le più importanti. Si chiama “quarto potere” e consiste nello scegliere quali informazioni pubblicare o mettere in risalto. Prerogativa dei giornali, ora – mutatis mutandis – campo di gioco per Facebook (il NewsFeed) o Twitter (i TopTrends).

Il concetto di disintermediazione può essere inteso e considerato da due differenti punti di vista. Da un lato la disintermediazione può essere intesa in senso stretto, rispetto a quanto siamo soliti conoscere e frequentare, in maniera quindi storicamente situata. In questa prospettiva si può sostenere che la rete abbia contribuito a “disintermediare” gli intermediari tradizionali: i media digitali in effetti superano in parte (e mettono in crisi) le figure di intermediari tipiche del Novecento.
Dall’altro lato, però, se intendiamo l’intermediazione in senso etimologico, in senso assoluto e non in rapporto a qualcosa di precedente, il concetto di disintermediazione non sembra più adeguato ed è certamente più consono quello di neointermediazione. I media digitali, infatti, superano l’idea di intermediario come è stata intesa finora, ma non la superano in assoluto. Ne sono invece stati introdotti di inediti, diversi rispetto ai precedenti ma non per questo trascurabili.

Nell’ambito della sfera pubblica ci sono grandi neointermediari (Google, Facebook, Linkedin eccetera), ma anche piccoli neointermediari: le aziende della comunicazione, delle pubbliche relazioni e del digitale, ad esempio, che attraverso pratiche e meccanismi come i meme, l’elaborazione della catena, l’astroturfing, le cascate informative hanno come obiettivo proprio quello della neointermediazione. Il loro lavoro ha valore proprio nella misura in cui sono in grado di creare consenso proveniente dal basso. E questo è il bello della “distruzione creatrice” di schumpetriana memoria: le vecchie intermediazioni non vengono semplicemente annullate, ma vengono affiancate o sostituite. Superare un utilizzo pigro delle parole e dei concetti, si potrebbe dire, può anche essere occasione per vedere nuovi affari.

Image credit: Michael Gaida da Pixabay

Autore di “Potere digitale. Come Internet sta cambiando la sfera pubblica e la democrazia” Meltemi editore, Milano 2018

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona