Chi paga l’Avvocato?

Chi paga l’Avvocato?

di Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)

Non si parla abbastanza dell’ostinato misunderstanding che ristagna nel rapporto tra il cliente e l’Avvocato in Italia.
In termini tecnici si dovrebbe parlare di doppia riserva mentale, perché il Cliente pensa di non pagare, convinto com’è che chi ha ragione non paga, mentre l’Avvocato pensa che è meglio non chiarire subito la faccenda della parcella, per non vedere il cliente sparire all’orizzonte.

Il legislatore di recente è intervenuto per rassicurare i clienti con una serie di norme che rendono illusoria la riserva mentale dell’avvocato ma molto meno quella del cliente. Mi riferisco alla clientela privata, perché è evidente che quegli interventi, nei confronti dei clienti “forti”, servivano invece a spostare a loro vantaggio ulteriori margini di profitto in danno di una categoria professionale disunita e troppo acculturata per battersi collettivamente per i soldi.

L’abolizione dei minimi tariffari, l’equo compenso, l’obbligo di preventivo, il procedimento speciale per il recupero del credito e così via, sono soltanto alcuni dei dispositivi con i quali in questi ultimi anni si è trattata la vexata quaestio, senza mai avere il coraggio di affrontare il problema alla radice.

Per farlo è necessario rispondere onestamente alla domanda che il cliente in cuor suo si pone, “ma perché devo pagare per ottenere ciò che mi spetta, quando poi il risultato dipende dalla decisone del giudice?”.
Il corollario di questo lieto pensiero è “ma in definitiva l’avvocato che ha fatto? Ha riempito un po’ di carte, ha parlato col giudice e dopo una vita di attesa finalmente mi hanno dato ragione. Ci mancava pure che mi dessero torto!”.
Non riporto, per decenza, i foschi pensieri del cliente quando invece gli danno torto.

In breve, e chiunque svolga questa professione lo sa bene, per ciascun Cliente che ci riconosce il merito di avere bene e utilmente operato nel suo interesse ce ne sono altri nove che considerano l’azione dell’avvocato una necessità burocratica dal costo ingiustificato, una specie di lusso che sono obbligati a concedersi per ottenere ciò che comunque gli spetta.
Le Aziende, poi, considerano i compensi legali come uno di quei costi che ogni nuovo consiglio di amministrazione e ogni nuovo direttore generale deve farsi un punto d’onore a comprimere.
Analogo punto di vista, invece, non viene applicato ad altri professionisti, come i commercialisti, i consulenti del lavoro, i notai.

La differenza, evidentemente, sta nel fatto che incaricare un avvocato è sostanzialmente facoltativo, o si ritiene che lo sia, mentre degli altri non si può fare a meno, o così si ritiene.
E’ vero che questo non è il punto di vista di tutti i clienti, perché ce ne sono di sufficientemente avveduti e culturalmente attrezzati da riconoscere il valore insostituibile di un bravo avvocato, ma questi soggetti illuminati non sono la maggioranza.

Nominare un avvocato, quindi, è spesso considerato facoltativo o, peggio ancora, necessitato dalle iniziative altrui, per cui nel corso del rapporto professionale traspare ripetutamente il dubbio del cliente di essersi impegolato in una situazione che gli costerà dei soldi in cambio di nulla.
A questa incertezza talora contribuiscono i Giudici, che appena hanno l’occasione di incontrare le parti difficilmente si astengono dal rafforzarle nel dubbio sulla dispendiosa inutilità dell’azione intrapresa (o subìta con ottusa resistenza).
Neppure, d’altronde, sono da preferire i clienti causidici, che “non badano a spese” pur di intraprendere le più strampalate iniziative legali, alla cui cura si dedicano con quotidiana e maniacale attenzione, perché se è vero che – come si dice – fanno la fortuna degli avvocati, è vero pure che nessuna fortuna è pagata più a caro prezzo di questa.

Insomma, il problema parcellare è una irrisolta questione che infelicita l’esistenza degli avvocati e popola di incubi le notti dei clienti.
Ma è così ovunque? Sembrerebbe di no.
Per un’ampia disamina del panorama internazionale si veda l’articolo di Isidoro Barbagallo in “La previdenza forense” ( n.1/2018, http://www.cassaforense.it/riviste-cassa/la-previdenza-forense/avvocatura/avvocati-e-tariffe-forensi-negli-ordinamenti-stranieri/).
Quasi ovunque gli avvocati sono retribuiti sulla base di tariffe orarie note al momento del conferimento dell’incarico.
La discussione sull’eventuale incongruità del tempo addebitato viene normalmente risolta dagli Ordini o da organismi associativi analoghi. Soltanto quando l’attività riguarda un unico atto o un procedimento semplice, di prevedibile contenuto e durata, si trovano accordi preventivi sul costo complessivo.

Comunque la si voglia pensare, tuttavia, una cosa è certa ed è che gli avvocati italiani dovrebbero impostare il loro atteggiamento nei confronti della spinosa materia mettendovi al centro la fierezza e l’orgoglio di svolgere una professione ad alto tasso di specializzazione, che in nessun caso può essere remunerata con un compenso orario inferiore al minimo sindacale previsto per le prestazioni di lavoro domestico (http://www.lavoro.gov.it/notizie/pagine/lavoro-domestico-accordo-sui-minimi-retributivi-2019.aspx/).
Ove si consideri che difficilmente una causa di medio impegno richiede meno di 100 ore di lavoro, si vedrà che il raffronto con il lavoro domestico non è scelto a caso.

Tra tutte le impegnative tematiche che sono al centro del dibattito sulla condizione attuale della professione legale in Italia, purtroppo non sembra che quella sulla sua scarsa remuneratività desti il dovuto interesse.
Sembra quasi che siano gli stessi Avvocati a rifuggire il tema, forse per il timore di essere subissati dalle critiche, interessate quanto infondate, che non si ha la forza di contrastare come invece è possibile e giusto.

Image credit: Jeanne Duval, 2019
https://www.facebook.com/jeanne.duval.

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona