DPO individuale o in team

DPO individuale o in team

di Francesco Tedeschi (Avvocato in Trani)

Il Regolamento Europeo ha istituzionalizzato la figura del DPO nell’ambito delle figure soggettive operanti in ambito privacy o tutela dei dati personali, dedicandogli la Sezione 4 del Capo IV.

Nel Regolamento laddove si parla di tale figura soggettiva viene usato il singolare; tuttavia deve ritenersi che il termine singolare usato dal Regolamento indichi genericamente la figura soggettiva che può assumere la veste individuale o collegiale/in team.

La scelta del DPO è demandata alla libera individuazione da parte del Titolare che può attingere a risorse interne dell’Organizzazione o rivolgersi al Mercato. In entrambi i casi, individuando, in base al principio di accountability la forma di DPO più confacente alle esigenze di tutela dei dati personali trattati dall’Organizzazione.
Il Regolamento all’art. 39 stabilisce i compiti cui è deputato il DPO.
La forma di DPO, individuale o in team, inerisce solo la struttura organizzativa dell’organo e non incide sui compiti che rimangono identici per l’una o l’altra forma.

Alla genericità nel Regolamento circa le qualità del DPO, può supplirsi facendo riferimento a quelle norme tecniche denominate UNI/ISO/CEN adottate da Organismi di normazione tecnica riconosciuti in genere a livello internazionale.
Il profilo professionale di DPO è stato normato dalla UNI 11697:2017 che ha individuato le abilità, competenze e conoscenze del DPO.
In un team di DPO tutti i componenti devono avere le qualità professionali richieste per ricoprire il ruolo di DPO individuale.

Il fattore complessità che determina la scelta operata dall’Organizzazione sulla forma di DPO non deve necessariamente riguardare la catena organizzativa-produttiva del Titolare, ma la tipologia, la vastità e la delicatezza dei dati trattati.

Si possono distinguere due tipologie di DPO in team: verticale o orizzontale a seconda del tipo di organizzazione designante

Elemento in comune delle due tipologie è la individuazione del Coordinatore il team.
Non necessariamente sovraordinato ai singoli componenti, si atteggia più come un primus inter pares, con funzioni di guida e coordinamento delle attività svolte dai singoli componenti.
La composizione del team, prescindendo dalle qualità richieste ai sensi dell’art. 37 del Regolamento, dovrebbe avvalersi di diverse professionalità specifiche: avvocati, ingegneri, consulenti del lavoro.

Una organizzazione con ramificazione territoriale estesa suggerirebbe un DPO in team verticale, laddove una organizzazione territorialmente localizzata consiglierebbe un DPO in team orizzontale.

Le due tipologie di DPO in team si strutturerebbero in maniera differente.

Nell’ipotesi di DPO in team verticale ogni componente verrebbe assegnato nell’ambito di un’area territoriale e svolgerebbe i suoi compiti senza limitazioni di campi specifici ed opererebbe in sintonia con gli altri componenti assegnati agli altri ambiti territoriali secondo le linee guida operative scelte in sede di riunioni del team.

Nell’ipotesi di DPO in team orizzontale appare opportuno che vengano individuate aree di competenza sulla base di linee condivise e che ognuno operi nell’area di competenza assegnata.

Fase genetica: la costituzione del team e la designazione

Compito del Titolare è scegliere il team. Quanto alla costituzione si possono individuare due modalità di costituzione del team.
Nella prima è il Titolare che, attraverso la designazione di un gruppo di DPO, forma il team, attingendo a risorse completamente interne, completamente esterne o miste.
In tal caso è sempre il Titolare che individua nel team il coordinatore.

Nella seconda il Titolare si affida ad una organizzazione esterna già costituita e la designa.
In tal caso il team si presenta già perfettamente organizzato con un coordinatore al suo interno

La scelta del coordinatore il team è fondamentale.
Il coordinatore, eticamente orientato, deve essere in grado di motivare empaticamente, agire in trasparenza, focalizzare le problematiche in tempi rapidi e risolverle, organizzare e distribuire i compiti in modo imparziale esaltando le caratteristiche peculiare di ciascun componente il team, risolvere i conflitti e smussare le asperità dei caratteri dei componenti il team attraverso il dialogo e la dialettica.

Fase operativa

Il team deve operare in perfetta sinergia ed ogni componente deve offrire il suo contributo portando il suo erlebniz all’interno del team affinchè il DPO in team possa agire come se fosse un DPO individuale.
È opportuno che alle riunioni con il Titolare partecipi l’intero team perché ogni suo componente possa individuare i fattori di criticità.

Sotto il profilo operativo in senso stretto, sono fondamentali le riunioni preliminari e periodiche del team. Tutte le problematiche, senza che alcune siano poste in epochè, sono dapprima esposte, poi analizzate, discusse e risolte anche attraverso l’elaborazione di protocolli o linee guida cui ogni componente deve adeguarsi nell’esercizio dei suoi compiti.

Il Regolamento ha affidato al principio di accountability la scelta del Titolare e conseguentemente non ha fornito elementi di riferimento in ordine alla scelta e designazione del DPO sia nell’ambito privato che in quello pubblico.

La differenza tra una scelta formalmente adeguata ed una oculata sarà il terreno di confronto quando ci si dovrà misurare con le sanzioni derivanti da potenziali data breach.

(Sintesi del contributo scientifico in occasione del Privacy Day di UNIDPO del 25/05/2019)

Pic.: analogicus da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse