Giorgio Pica - Garantismo penale e Società globale

Garantismo penale e Società globale

di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)

Sommario
1. Principi illuministici e diritto positivo.
2. L’universalismo del garantismo penale e i limiti della concezione illuministica.
3. Il mito del giudice bouche de la loi.
4. Il problema attuale della certezza del diritto.
5. I mutamenti della società e l’offuscamento dei principi illuministici.


1. Principi illuministici e diritto positivo.
Il pamphlet, nel quale Beccaria ha dato forma alle riflessioni dei Verri e dell’Accademia dei Pugni, (oggetto anche di articoli sul periodico Il Caffè – [2] ), può dirsi che rappresenta il Manifesto dell’Illuminismo giuridico penale europeo. L’opera è emersa nella letteratura giuridica del ‘700, per la sua quasi banale semplicità, poiché in un testo accessibile a tutti, misto di disarmante ingenuità ma anche di lucida profondità, e di notevoli intuizioni, ha sinteticamente evidenziato i tre obbiettivi fondamentali dell’Illuminismo giuridico: eliminare l’arbitrio del Potere, superare l’incertezza del Diritto; e assicurare l’umanità del trattamento dei detenuti, prima e dopo l’inflizione della pena.

Si tratta di tre obbiettivi che hanno come fine comune la salvaguardia della dignità dell’individuo: fine su cui convergono tutti i sistemi etici più evoluti, religiosi e laici, e che per i cittadini del mondo occidentale appare quasi lapalissiano nella sua affermazione, dal momento che i principi di garanzia invocati nell’opera di Beccaria appaiono recepiti oggi in quasi tutti gli ordinamenti del mondo occidentale oltreché nelle fonti normative dell’Unione europea, nelle Convenzioni internazionali, e nella Costituzione italiana [3]

Il principio di legalità e di riserva di legge in materia penale (Dei Delitti e delle pene, cap. 3:«le sole leggi possono decretar le pene su i delitti, e quest’autorità non può risedere che presso il legislatore»), è sancito dall’art. 25, secondo comma, Cost. e prima di esso dagli articoli 1 e 199 del codice penale. E’ affermato anche nell’art. 7 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (adottata a Roma il 4-11-1950 e ratificata dall’Italia con L. 4-8-1955 n. 848); nell’articolo 11 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948; ed in forma più completa nell’art. 109 della L. 7-4-2005  n. 57 (Ratifica ed esecuzione del Trattato che adotta una Costituzione per l’Europa, fatto a Roma il 29 ottobre 2004).
(…continua)

L’articolo completo in formato PDF


Relazione al Convegno “Dei delitti e delle pene” a 250 anni dalla pubblicazione, dell’11-12 dicembre 2014, a cura della facoltà di Scienze politiche dell’Università di Napoli, edito in AA.VV., I diritti dell’uomo, Giappichelli, Torino, 2016.
[2] Cui parteciparono Pietro e Alessandro Verri, Cesare Beccaria, Carlo Sebastiano Franci, Paolo Frisi, Pietro F. Secchi Comneno, ed altri.
[3] Sul recepimento nella Costituzione italiana, si veda amplius la relazione svolta nel presente Convegno del pres. A. Quaranta, Dei delitti e delle pene nella Costituzione italiana.

Ph: fonte – www.almalaurea.it

#TOPICS: ultimi articoli

La democrazia degli “imbecilli”

di Carlo Calvieri (Professore associato Istituzioni di diritto pubblico – Dip. Giurisprudenza Unipg)
La libertà di parola non può essere fonte di discriminazione

Leggi l'articolo

Le parole sono finite

di Massimo Corrado Di Florio
Fake news e distopia sociale

Leggi l'articolo

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo
L’Avvocatura è presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete

Leggi l'articolo

Aaron Swartz: la resilienza culturale

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Il Diritto a prendere parte alla vita culturale nella società digitale. La lezione di Aaron Swartz

Leggi l'articolo

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?

Leggi l'articolo

Iper – conoscenza super – ignoranza

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La cosa importante, rivoluzionaria era che la notizia era diventata patrimonio comune.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

BARI – MARSALA…. VITTORIA CHE REGALA L’ALLUNGO DECISIVO!

Pubblicato in ||

Dopo la pesante e brutta sconfitta subita sul campo della…

TURRIS – BARI…. SCONFITTA CHE FA MALE!!!

Pubblicato in |

Arriva la seconda sconfitta per la squadra biancorossa in questo…

BARI – IGEA VIRTUS…. RIPRENDE LA MARCIA

Pubblicato in |

Una partita che forse non è mai cominciata quella disputatasi…

Fake news e rilevanza penale

Pubblicato in ||||

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social

Il meglio di un uomo

Pubblicato in ||||

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale-Gruppo Uomini in gioco di Bari)
Il meglio di un uomo è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni

BENVENUTO FISCO FORFETARIO

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)
Disciplina fiscale del reddito degli avvocati

Lettera aperta al Senatore Simone Pillon

Pubblicato in ||||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Il diritto di famiglia: un’isola che il diritto può solo lambire.

CITTANOVESE – BARI…. PRIMA SCONFITTA, MA NIENTE DRAMMI

Pubblicato in |

Dopo 19 giornate di campionato il Bari perde la propria…

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Pubblicato in |

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa…

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Pubblicato in |

Nuovo anno, solito Bari. Il Bari ricomincia la stagione nel…

Social haters

Pubblicato in |||

di Antonio Pascucci e Elisabetta Silva (Avvocati in Milano)
Il ruolo del linguaggio nella società e delle problematiche che una comunicazione non responsabile può generare