Esseri linguistici

Esseri linguistici

di AnnaMaria Passaggio (business career coach e formatrice in Milano)

Non sono un’avvocata, non sono una giornalista, ma sono stata invitata, in virtù dell’approccio interdisciplinare che caratterizza la mission di Fronte Verso Network a portare la mia testimonianza in quanto coach ad approccio ontologico-trasformazionale in occasione del loro Convegno La Parola è un’opera d’arte tenutosi il 29 novembre scorso a Milano. Questo approccio ha trovato la sua collocazione nel sistema di focus di riflessione partecipanti a questo convegno: La parola e il suo potere generativo e trasformativo.

Il Coaching Ontologico-Trasformazionale ha come base teorica la filosofia della comunicazione e sviluppa un nuovo modello di leadership basato sulle modalità con cui gli esseri umani agiscono e coordinano tra loro gli impegni.
Il Coaching Ontologico Trasformazionale trova i suoi fondamenti teorici in due opere che trattano della “Parola”:

  • Speech Acts (1969) di John Searle, professore di filosofia del linguaggio e filosofia della mente all’università di Berkeley in California
  • Ontologia del Lenguaje (1994) di Rafael Echeverria, socio fondatore di Newfield Consulting, una società che opera negli Stati Uniti, in Spagna, Argentina, Messico, Brasile, Venezuela, Colombia e Cile, dedicata allo sviluppo di organizzazioni ad alta prestazione

e in particolar modo si fonda sulla definizione degli Atti Linguistici che John Searle traccia, nella sua semplicità, con molta efficacia. Lo cito qui di seguito:
Parlare – l’avevano già detto Wittgenstein e Austin – è essenzialmente un modo di agire: allora l’unità fondamentale nello studio del linguaggio sono gli atti che si compiono parlando, gli atti linguistici”.

Pertanto se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola.

La teoria degli atti linguistici e il fatto che le conversazioni che abbiamo con noi stessi e con gli altri influenzano il nostro Fare e quindi il nostro Essere, diventa un grande ed efficace strumento di lavoro per il Coach.

Infatti, lavorare su come il cliente, il coachee, si esprime, equivale a lavorare sulla sua visione del mondo, sulle sue credenz, sui suoi modelli mentali, potendo così individuare cosa gli è utile e cosa inutile, nel percorso verso i propri obiettivi.
Questo approccio si basa sugli atti linguistici e sui tre postulati fondamentali dell’ontologia del linguaggio:

1 Gli esseri umani sono esseri linguistici
Gli esseri umani utilizzano la lingua, la parola non solo per descrivere la realtà, ma piuttosto per creare nuove realtà. Attraverso il nostro linguaggio siamo in grado di creare il nostro futuro.
2 Il linguaggio è generativo
Il linguaggio permette di parlare della realtà, delle cose. Il linguaggio, soprattutto, fa si che quelle cose accadano. Il linguaggio, quindi è azione, è generativo, crea realtà.
3 Gli esseri umani creano sé stessi attraverso il linguaggio
Utilizzando delle parole, piuttosto che altre nel parlare, oppure scegliendo di stare in silenzio – nell’assenza della parola – apriamo e chiudiamo delle possibilità per noi, per gli altri e per il nostro futuro.

Terminando quindi questo breve excursus sui fondamenti teorici su cui si basa il Coaching Ontologico-Trasformazionale, possiamo dire che lavorando sul linguaggio utilizzato dal coachee siamo in grado di aiutarlo a chiarire il suo sguardo sulla realtà. E capire quindi, in relazione a particolari fatti/eventi/relazioni di cui ci parla, che tipo di “occhiali” indossa, e quali sono le sue convinzioni e i suoi valori.

Chiudo questo mia essenziale “pillola” di conoscenza citando un concetto kantiano che mi accompagna in assoluto dagli anni del liceo alla Scuola Tedesca di Milano e che molto, molto spesso ha dato senso all’esercizio di questo mia professione:
Tratta gli altri come se fossero dei fini in sé e non come dei mezzi per raggiungere i propri fini” (Immanuel Kant)

Photo credit: 3.bp.blogspot.com
(Miguel Chevalier; magic carpets interactive virtual reality installation; Castel del monte – Italy – 2009)

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Ho visto un film

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…