Per restare a casa occorre lavorare

Per restare a casa occorre lavorare

Ciò che molto modestamente io sto imparando da questo attacco virulento che tutto condiziona è rappresentato dal fatto che mi sembra di essere caduto nella modernissima trappola della comunicazione levigata (giusto per dirla con Byun-Chul Han ne “La salvezza del bello” ed. nottetempo).

D’improvviso, senza qui avventurarmi in critiche nei confronti di chi è oggi chiamato a decidere del nostro futuro, si è raggiunta la massima velocità dell’agire. Ma sì: le azioni si son fatte trasparenti poiché sempre più assimilate a ciò che trasparente (almeno in apparenza) è per sua stessa natura. Mi riferisco al flusso di dati che, poco alla volta, ha iniziato a sommergerci. Dati del tutto deprivati da aspetti intimi e critici. Siamo nell’era degli algoritmi e pertanto non è possibile sostituire all’informazione continua il sapere.

Sempre per dirla col filosofo succitato, siamo completamente immersi in un processo guidato dai dati. “questo è un tempo privo di evento e destino”. Una sorta di pornografia “dataista” che, in quanto eccessivamente orientata verso la negazione del sapere (poiché è assolutamente sufficiente una informazione acritica), ci cattura e, infine, ci vince.

Bello è levigato. Le asperità alimentano diversità. Le diversità sono intollerabili. “L’uguale reagisce all’uguale”. Aggiungerei: unicamente all’uguale.

Oggi il baluardo della informazione è rappresentato dalla coazione all’igiene. Ci sta. Sono d’accordo. Ma ogni coazione rappresenta un vincolo dal quale mai più ci si potrà affrancare se non a costo di immani sforzi. L’uguale, che per sua stessa esigenza vitale non può che rapportarsi all’uguale, impone alla infinita sequenza degli uguali di restare a casa. Ci sta. Sono d’accordo.

Il collasso, tuttavia, è insito in una contraddizione in termini: l’uguale (reagente unicamente rispetto ad altro uguale) pur deve sopravvivere. Ma questa sopravvivenza entra in collisione con la necessità di sopravvivere fisiologicamente al comando in cui tutti gli uguali si riconoscono poiché similmente orientati verso la medesima soluzione. Restare a casa

Allora? Sì, d’accordo, restare a casa. Insieme però vivere e, anzi, sopravvivere e dunque uscire per lavorare. Due uguali a confronto? Impossibile. Può esisterne uno solo. Affermare la coesistenza di due (almeno due) gruppi di uguali sconfigge entrambi.

Maledetto covid-19!

#TOPICS: ultimi articoli

Vicini e lontani

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Leggi l'articolo

Desideri ingannevoli

Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)
Niente è più facile che ingannare se stessi; l’uomo crede vero tutto ciò che desidera

Leggi l'articolo

Uomini, mezzi uomini e ominicchi

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
Tornerà presto -speriamo- il tempo degli abbracci, dei baci, degli incontri e delle riunioni nei nostri studi

Leggi l'articolo

Dallo Statuto dei lavoratori allo Statuto dei lavori

Vito Vannucci (Avvocato in Livorno)
Una vera e propria svolta culturale nell’approccio del legislatore ai temi del trattamento giuridico delle attività di lavoro autonomo e delle attività professionali

Leggi l'articolo

Audizione dell’Istat

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

Leggi l'articolo

Ecce homo

Enzo Varricchio
Forse non saremo i più adeguati secondo la storia della nostra specie, ma potremmo diventare i primi a tornare ad esserlo

Leggi l'articolo

La famiglia umana

Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Non c’è oggi il potere calmante dell’abbraccio, del gesto collettivo affettivo inferiore al metro

Leggi l'articolo

Clienti di genere

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Per l’avvocata/o non sarebbe male se gli uomini parlassero un po’ di più e le donne fossero più concise

Leggi l'articolo

La prima volta

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Ho sempre ammirato le persone che praticano il rispetto: anche e soprattutto quando non ne sono costrette

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…

Antropomorfizzazione

Pubblicato in

(narrazione improbabile da un punto di vista impossibile) Mi scopro…

Cinema e processo politico

Pubblicato in |||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Anche nelle nostre rassicuranti società occidentali il pericolo del pregiudizio politico è sempre in agguato

Baciami, anzi no. Non più.

Pubblicato in

È ben noto che si finisce col ritenere corrette le…

Vicini e lontani

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Generazione hikikomori

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Oggi l’adolescente, non trovando più di fronte l’adulto come colui che regge la sua opposizione, si volge ai pari

MARTORE A CONFRONTO

Pubblicato in

I simpatici animaletti si preparano alla stagione primaverile. Gli accoppiamenti…

2020 l’anno del contagio

Pubblicato in

Sir Arthur Charles Clarke scrisse “2001: A Space Odyssey” nel…

Audizione dell’Istat

Pubblicato in |||

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

La giudice

Pubblicato in |||

Paola di Nicola (Tribunale di Roma)
Essere riconosciuta dal proprio interlocutore, chiunque esso sia, come magistrato e non come l’altra metà del cielo che, per millenni, è stata estromessa

Ecce homo

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Forse non saremo i più adeguati secondo la storia della nostra specie, ma potremmo diventare i primi a tornare ad esserlo

Clienti di genere

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Per l’avvocata/o non sarebbe male se gli uomini parlassero un po’ di più e le donne fossero più concise