Revenge?

Revenge?

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)

La vicenda è nota. Una giovane donna invia foto e video intimi al giovane uomo con il quale ha una relazione. Questi, finita la relazione, tradisce l’intimità, diffondendo le foto ed I video nella chat condivisa con gli amici del calcetto. Un amico del calcetto mostra foto e video alla propria moglie; la moglie riconosce la maestra del figlio. Quando la maestra apprende della diffusione dei video intimi comunica l’intenzione di denunciare l’uomo; riceve allora telefonate che vogliono indurla a non denunciare.
Nel frattempo, perde il lavoro a scuola, sembrerebbe proprio a causa della diffusione delle foto e video, con buona pace anche della solidarietà tra donne, nel crescente ostracismo delle colleghe, che cominciano ad apostrofarla con l’epiteto più scontato e patriarcale del mondo.

Qui vorrei parlare di un aspetto della vicenda. In questi giorni molte donne (operatrici dei centri antiviolenza, consulte, reti come NonUnaDiMeno), celebrando la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, ricordano come le forme di violenza legata al genere abbiano una profondissima matrice nei modelli culturali connessi al patriarcato. Difficile pensare che a ruoli invertiti e a parità di condizioni, le cose avrebbero preso la stessa piega. Immaginate un lui che apprende che la sua ex per vendetta diffonda tra le amiche della pallavolo le foto intime della loro relazione; dopo aver immaginato questo immaginate che lui si senta offeso e tradito e decida di denunciare, e poi, ancora immaginate che a causa di questo l’uomo subisca ostilità reprimende e insulti dei suoi colleghi di lavoro, e che infine perda il lavoro stesso.

La dimensione culturale che modella i ruoli di genere, dal mito, alla religione, alla letteratura, da circa 6000 anni, ci fa percepire come estremamente improbabili gli sviluppi a ruoli invertiti del revenge porn di Torino. Stiamo qui parlando della potenza degli stereotipi di genere nei loro effetti pratici.

Questa cultura patriarcale, plasmata e raffinata in millenni di dominio maschile, è malata. I sintomi sono numerosi e preoccupanti (guerre, nazionalismi, fanatismi vari, disastri ambientali, femminicidi), ma non chiede aiuto, non si adagia su un lettino per farsi curare (anche perché il lettino adatto dovrebbe essere ampio quanto il diametro del pianeta terra). Non possiamo che intervenire sulle cellule di questo gigantesco corpo malato, non solo disinfettando ferite, ma, anche, provando a inoculare dosi sperimentali di vaccino.

A proposito del revenge porn di Torino mi è venuta in mente la giudice Paola Di Nicola, che, qualche anno fa, nella vicenda processuale legata alla prostituzione di adolescenti della Roma agiata, impose ad un imputato un risarcimento in libri e film su “Storia e pensiero delle donne, letteratura femminile e studi di genere”. Va bene. Ancora meglio, credo, se un po’ di quei libri fossero letti anche dallo stesso “utilizzatore finale”, come, da Niccolò Ghedini in poi, si chiama l’uomo che paga le minorenni per avere sesso.

Leggo che questo ragazzo, il “revenge boy”, dovrà scontare la pena in lavori socialmente utili, e penso che il primo lavoro socialmente utile potrebbe essere l’entrata nella sua psiche di qualche germe di dubbio rispetto alla liceità (non legale ma antropologica) del suo comportamento.
Il mio amico Michele Poli, del Centro Ascolto Maltrattanti di Ferrara, potrebbe essere ben lieto di consigliargli qualche lettura (forse partirebbe dal libro di Bourdieu sul dominio maschile). Magari lo si potrebbe invitare anche a qualche gruppo di condivisione al maschile (proprio dalle sue parti c’è il cerchio degli uomini, un gruppo che da più di 20 anni si interroga sui propri privilegi di genere) ; il calcetto è importante ma non è tutto.

Questi possibili esperienze di vaccinazione potrebbero essere ritenute blandi antidoti, omeopatia velleitaria, ma, citando Alice Walker, “da qualche parte bisogna pur cominciare”.
Se poi si volesse pensare ad una sonora sberla culturale (che non fa male al corpo ma solo alle convinzioni sedimentate), allora, visto che la messa alla prova durerà un anno, si potrebbe anche pensare, in termini di Restorative Justice, a degli incontri con la ragazza. Come auspicava Moreno, l’inventore dello Psicodramma terapeutico nel suo “Invito ad un incontro

…Io ti guarderò con I tuoi occhi
tu mi guarderai con I miei…

In considerazione del fatto che la donna, scegliendo di denunciare, si tira fuori dal ruolo possibile di vittima (e forse anche di ricattata), in questo auspicato incrocio di sguardi e inversioni di ruolo, potrebbe riuscire a collocare lui dove non si è fatta collocare lei, nella posizione di chi prova vergogna.

Allora sì, la giustizia avrebbe fatto il suo corso.

Image credit: Glauco Gianoglio da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Mobilitiamo le nostre coscienze

Roberto Giovene di Girasole Ebru Timtik era un’Avvocata valorosa, impegnata in molti processi in difesa di lavoratori e difensori dei diritti umani

Leggi l'articolo

Daniela Baldassarra

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Piero Di Domenicantonio e Anna Paola Lacatena

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020

Leggi l'articolo

Binomio violento

Ida Grimaldi
È cruciale guardare a questi due volti della violenza come a un unico problema sociale cui dare una risposta integrata, superando la speranza che un partner violento sia comunque un buon padre

Leggi l'articolo

Giusy Frallonardo

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Francesca Palumbo

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Arianna Ninchi

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Deborah Alice Riccelli

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Leggi l'articolo

Sopravvissuta

Giovanna Fava
Nonostante la Cassazione abbia definitivamente condannato l’autore, ancora oggi la mia ferita rimane aperta, in una condizione di sospensione e attesa

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minata la negoziazione assistita

Pubblicato in |

Roberta Valente
Il procedimento negoziato di separazione, divorzio e modifica delle condizioni di separazione o divorzio non esiste più

Una condanna categorica

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Con il concetto di alienazione parentale viene screditata la testimonianza dei bambini nei casi di violenza in famiglia o di abusi sessuali incestuosi

Daniela Baldassarra

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Ordini professionali e trasparenza amministrativa

Pubblicato in |||

Giovanni Pansini
La pubblicazione dei dati effettuata dal C.N.F realizza una corretta applicazione dei principi di trasparenza di cui alla normativa vigente

Piero Di Domenicantonio e Anna Paola Lacatena

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020

Binomio violento

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
È cruciale guardare a questi due volti della violenza come a un unico problema sociale cui dare una risposta integrata, superando la speranza che un partner violento sia comunque un buon padre

Giusy Frallonardo

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Francesca Palumbo

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Arianna Ninchi

Pubblicato in |||

Tanti fili una rete
Il Consiglio Nazionale Forense per il 25 Novembre 2020
Giraffa Onlus

Idee in movimento

Pubblicato in |||

Serenella Molendini
Mettere la cura al centro significa riconoscere (ma anche redistribuire) il lavoro di chi quotidianamente si “prende cura” per promuovere benessere individuale e collettivo

La Costituzione si è mossa

Pubblicato in |||

Tania Groppi
L’esperienza ci mostra che la consapevolezza di avere diritti deriva spesso dalla sensazione di ingiustizia che scaturisce da una violazione

Il virus in 3D(onna) come Disuguaglianze…

Pubblicato in |||

Anna Paola Lacatena
Ci mancano gli spazi di incontro e confronto
e allora ci fermiamo a pensare e
avvertiamo l’assenza della relazione