A due passi da noi

A due passi da noi

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)

Ho scritto questa cosa, nel 2005, in memoria di Eleonora: vittima di stenti e percosse, a due passi da noi.
Oggi la dedico a tutti gli invisibili sotto i nostri occhi.

In questi giorni, “due colonne in cronaca“, si torna a parlare della piccola Eleonora, morta in un quartiere periferico di Bari, a quanto si legge, per denutrizione.
Spesso, perché è anche giusto così, con freddi riporti dei fatti salienti. Trent’anni di condanna a ciascun genitore, la bimba morta di stenti, tragedia dell’ignoranza e della povertà.

Ma questa morte è qualcosa di più.

Questa storia, senza enfasi e forzature, è un viaggio all’inferno. Senza ritorno.

Sulla sua tomba, una fotografia sfocata, decorata da piccoli disegni colorati. Uno sguardo che non si sostiene, che ti trafigge, che ti mette di fronte alle tue paure peggiori ed alle tue responsabilità.

Responsabilità. Quali sono? Di chi sono?. Non so. Però mi viene in mente una frase di Beppe Grillo, che, a proposito di un altro contesto (mani pulite), parlando delle responsabilità della società, disse: ”una mezz’oretta di carcere la dovremmo fare tutti”.
Per quale ragione mi viene in mente?

Forse perché non riesco a non sentirmi un po’ colpevole anch’io.
Non so di cosa, non so perché.
Ma non voglio dimenticare che Eleonora era qui. Tra noi. Vicinissima.
E noi, invece, dove eravamo? Non so dove, ma so che eravamo, e siamo, persi dietro a mille cose, tutto il giorno, tutti i giorni. Tutti noi lo siamo.

Ma Eleonora è una martire moderna.
Nessuno può pensare a quello che le hanno fatto senza provare un brivido. E tutti le dobbiamo, almeno, un momento di riflessione, di vera introspezione.

Parlo della società, della quale tutti noi facciamo parte, quotidianamente. E quotidianamente, con il nostro piccolo apporto, in un senso o nell’altro ne influenziamo comunque gli eventi in ogni settore.

Dovremmo riuscire a trarre, da questo accadimento spaventoso, il maggior numero di insegnamenti possibile.
Dovremmo cercare di fare, quando possiamo, qualcosa in più per gli “altri“.

Dobbiamo, a Eleonora, il coraggio di guardare, e di vedere davvero, in noi stessi.
Forse capiremo cosa deve cambiare, perché cose come questa non accadano mai più.

Image credit: đôn chu viết da Pixabay

https://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/cronaca/bimba-morta-stenti/bimba-morta-stenti/bimba-morta-stenti.html

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Le imprese tra diritto e letteratura

Umberto Apice
Sembra un destino ineludibile quello di tutta la storia del fallimento a seconda che prevalga l’interesse del ceto imprenditoriale creditorio o quello della comunità nel suo complesso

Leggi l'articolo

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Delitto d’autore

Massimo Corrado Di Florio
Nulla sarà più come prima.
Il delitto d’autore incombe. Meravigliosa odissea dell’arte e mirabolante pornografia della luce.

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa