Al servizio dei giovani artisti di talento

Al servizio dei giovani artisti di talento

di Nicola Cea (Ingegnere – Presidente Fondazione Michele Cea)

La Fondazione Michele Cea nasce come “progetto di vita” ed è strano come un progetto di vita possa nascere dalla morte… Una parola che fa paura, che tutti allontanano, ma che ha originato un nuovo modo di vedere, di progettare, di vivere appunto.

Il 22 luglio 2015 il cuore di Michele smette di battere a soli 27 anni.
Noi precipitiamo nel baratro della disperazione di aver perso l’unico figlio, il bene più prezioso.
Riviviamo come in un flashback la vita di nostro figlio, l’amore per il calcio e per il mare della nostra Puglia, la passione per il disegno e la pittura, coltivati sin da bambino e il suo spendersi per aiutare le persone meno fortunate col volontariato.
E poi la laurea in sociologia, le sue lotte contro gli sprechi e le ingiustizie, gli studi di filosofia e psicologia che lo porteranno a sviluppare una propria ricerca artistica approfondendo una sua originalissima espressione pittorica, plastica e concettuale che riflette la condizione dell’individuo e che lo spinge sempre più verso un concettualismo che ha come fonte d’ispirazione la complessità della condizione umana nell’attuale società.

Sempre col suo sorriso inciso nel cuore, nasce per noi quel progetto di vita che ci aiuta ad andare avanti giorno per giorno senza di lui: continuare il cammino che Michele ha intrapreso nell’arte attraverso la divulgazione e la diffusione della sua particolare ricerca stilistica, concettuale e sociale.

L’idea della Fondazione si concretizza nell’agosto 2017.

Seguendo lo spirito di Michele di portare aiuto fattivo a chi ha bisogno, la Fondazione Michele Cea, promuove, senza fini di lucro, l’arte a 360 gradi, con una serie di attività in cui vuole mettersi completamente in gioco lasciando poi agli artisti il ruolo di protagonisti principali.
Grazie alla collaborazione del Prof. Massimiliano Porro, critico e docente di storia dell’arte All’Accademia di Belle Arti di Como “Aldo Galli”, a gennaio 2017 nasce la pagina Facebook “Gli Amici di MicheleCea” che dà la possibilità agli artisti che inviano alla pagina l’immagine di una loro opera, di avere pubblicata una recensione completamente gratuita di questa.
Gli artisti che ricevono la recensione sulla pagina Facebook vengono poi invitati a partecipare gratuitamente agli eventi che la Fondazione programma nel corso dell’anno.

Tante sono le tante iniziative svolte dal 2017, tra queste, nel 2019 , abbiamo anche stampato e pubblicato con l’Editoriale Giorgio Mondadori – Gruppo Cairo Editore – la tesi di Salvatore Morgante su Michele che con Carlo Motta – Responsabile Libri Illustrati Cairo Publishing – abbiamo presentato a Milano nel corso della Quarta Edizione del premio Michele Cea 2019 a settembre, all’Ex Fornace Gola in Via Alzaia Naviglio Pavese 16, e a dicembre presso la Casa Alda Merini in Via Magolfa 32. Dal 2020, la situazione sanitaria del COVID 19, ha bloccato tutti i programmi previsti, tra cui anche quelli di presentazione del libro all’Accademia di Agrigento ed in altre sedi istituzionali in giro per l’Italia.
Tutto ciò sempre con lo scopo di dare visibilità ed aiuto agli artisti, giovani e non, che credono nel progetto di vita che la nostra Fondazione persegue con serietà, onestà, correttezza, professionalità ed unione d’intenti.

Nel 2020, abbiamo stampato e pubblicato con l’Editoriale Giorgio Mondadori – Gruppo Cairo Editore – il libro intitolato “Che cos’è arte oggi” del noto critico d’arte e giurista Enzo Varricchio, in collaborazione con altri autori della Fondazione.
Importanti sono i patrocini: quello del Comune di Milano, della Regione Lombardia, della Città Metropolitana di Bari, del Liceo Artistico di Brera, del GAL Nuovo Fior D’Olivi a cui si è aggiunto anche quello dell’Associazione Regionale Pugliesi, dell’Accademia “Michelangelo” di Agrigento, della Fondazione Cariplo nonché una fattiva collaborazione della Fondazione Exodus e dell’Associazione delle Artiste di Casa Alda Merini.

Gli scopi della Fondazione Michele Cea

Seguendo lo spirito di Michele di portare aiuto fattivo a chi ha bisogno, la Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate, fornendo loro la possibilità di avere a disposizione luoghi dove immergersi, creare e, soprattutto, esporre le proprie opere promuovendo, senza fini di lucro ogni forma di arte tramite l’organizzazione di mostre personali e collettive in tutt’Italia ed all’estero.
Fanno inoltre parte del progetto della Fondazione l’organizzazione di tavole rotonde, sportelli di supporto e di ascolto psicologico e formativo ed anche aste per dar loro la possibilità di essere quotati nel mercato dell’arte.

La Fondazione Michele Cea ha come scopo anche quello di organizzare, ogni anno, il “Premio Michele Cea” per i giovani artisti fino ai 40 anni, divulgando e diffondendo la produzione artistica di Michele Cea e di tutti coloro che, attraverso le loro discipline di espressione, seguono e seguiranno gli eventi organizzati e promossi dalla suddetta Fondazione.
Il tutto sempre senza scopi di lucro e veicolato dalla pagina Facebook “Gli Amici di MicheleCea” e dal sito web.

Nel breve cammino della Fondazione abbiamo incontrato tanti artisti, e non solo, che si sono stretti a noi e ci accompagnano. Nei loro occhi abbiamo trovato gli occhi di Michele, pieni di speranza. Speranza di poter urlare al mondo, attraverso l’arte, i propri sogni e avere la possibilità di poterlo fare liberamente, senza compromessi di sorta.

Tutto ciò è realizzato grazie a donazioni di privati, Enti e al 5X1000.

Quest’ultimo è un piccolo aiuto che diventa grande, come lo è il nostro ringraziamento nei confronti di tutti quelli che dimostrano la loro fattiva disponibilità ad aiutare la nostra Fondazione nel continuare a sostenere i giovani artisti e non. Nella foto è riportato il C.F. e la casella dove apporre la vostra firma per aiutarci tramite la donazione del 5×1000.

Sito web: http://michelecea.com
Pagina Facebook: Gli Amici di MicheleCea
Instagram: fondazionemichelecea

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono