anti-stigma

ANTI-STIGMA

Come dice qualcuno, persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così delicata può trasformarsi in un cacofonico stridore. L’etica, così impalpabile, se infranta, è come una foglia che si stacca dal ramo.

Per quanto il clima attuale vada progressivamente riscaldandosi, se fosse possibile usare un misuratore della complessiva temperatura sociale, comunque un immaginario termometro dichiarerebbe formalmente la resa senza condizioni. Non è una novità assoluta. L’atmosfera è irrespirabile.

Un bancarottiere al governo è molto di più della fantasiosa cacofonia da caduta fogliare.

Però mi sia concesso affermare che non è mai vano ogni tentativo di segnalare lo sdegno per ciò che accade. L’abitudine al peggio, infatti, rischia di diventare una sorta di percorso di sdoganamento del brutto che, col suo lento procedere, appiattisce ogni più sfumata diversità.

Il punto sta tutto qui. Parliamo di divario. Divario tra ciò che è espressione della identità sociale virtuosa e ciò che è identità sociale effettiva, dove l’effettività sta finendo col coincidere con il brutto, un brutto, per così dire, etico.
Personalmente avverto la mancanza di una immagine, di un “segno” che descriva il discredito, qualcosa che mi aiuti a comprendere che un tratto differenziato tra ciò che si deve fare e ciò che non si deve fare ancora esiste. A furia di invertire le regole del gioco si è giunti nell’effimero mondo del gioco delle regole, a mio parere mutevole, liquido, malfermo, arbitrariamente variabile e funzionalmente legato ad interessi che, poco o nulla, hanno a che vedere con il bene della collettività.

Il segno negativo, visto come limite, insomma lo stigma, è venuto del tutto a mancare. Dove è andato a finire il giudizio di riprovevolezza? Caduto in un buco nero, giusto per non dimenticarci delle recenti scoperte scientifiche.

Probabilmente ha ragione Erving Goffman (“Stigma – Note sulla gestione dell’identità degradata”) quando sostiene che una persona con un determinato stigma, allorchè raggiunge una certa posizione sociale e magari diviene un rappresentante professionale di gruppi e/o di collettività omogenee, tende non soltanto a crearsi una nuova carriera ma anche e soprattutto a professionalizzare perfino uno stigma.

I leaders che, “invece di appoggiarsi alla stampella, arrivano a servirsene come mazza da golf, cessando in termini di partecipazione sociale, di essere rappresentativi delle persone che rappresentano”.

L’asimmetria impressa da un comportamento deviante, se proveniente dal rappresentante professionale abilita, tristemente, i rappresentati a seguirne le orme attraverso il meccanismo della giustificazione del comportamento stesso. L’asimmetria, ovviamente, non è lo stigma; essa è, semplicemente, la espressione del deviare che nasce proprio dalla profondità negativa dello stigma medesimo. In questo contesto, da noi, il più tipico comportamento deviante è il rifiuto a seguire i principi fondamentali della nostra Costituzione. Il guaio è che l’abitudine crea la prassi e la prassi troppo spesso esaltata, finisce col validare la deviazione stessa. Mi ripeterò: è la liquidità che ci sommerge.

Qual è effetto finale? La scomparsa del segno riprovevole poiché tutti siamo segnati. E la ricerca delle sfumature negative diviene una inutile (negativa) ricerca del nulla. Ma ecco la creazione del nuovo stigma, anzi, di un anti-stigma.

#TOPICS: ultimi articoli

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

La coscienza delle Istituzioni

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
Solo gli individui hanno una coscienza, mentre la coscienza delle Istituzioni è costituita dalle leggi che le regolano.

Leggi l'articolo

Buoni o cattivi: il buffet dell’umanità

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
“Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna”. Diceva così, più o meno, Albert Einstein.

Leggi l'articolo

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.

Vitantonio De Bellis, colui che disse no a Mussolini

Pubblicato in ||

di Giuseppe Mongelli – (Docente a contratto di Management Pubblico nell’Università degli Studi di Foggia)
L’anniversario dei 150 anni della istituzione della Ragioneria generale dello Stato diventa un’importante occasione per ricordare Vitantonio De Bellis.

La bollinatura della RGS

Pubblicato in ||

di Donata Grottola (Dirigente SAUR Puglia)
La “bollinatura” è l’atto finale dell’attività di controllo e vigilanza espletata dalla Ragioneria generale dello Stato nell’ambito delle politiche di finanza pubblica, nei processi e negli adempimenti di bilancio.

I 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in ||

di Raffaella Leone (Direttrice della Ragioneria Territoriale dello Stato di Foggia)
Ci sono tanti modi per celebrare l’anniversario di un’Istituzione.

Il delirio di onnipotenza della P.A.

Pubblicato in

di Canio Trione (Economista in Bari)
Nel biblico ed autoreferenziale processo di ampliamento delle proprie prerogative la Pubblica Amministrazione ha invaso settori cardine della vita umana.

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…