Azione umana e libertà

Autonomi automi

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)

Azione umana e libertà

Ciò che può essere diverso da come è
Aristotele, Ethica Nicomachea

Come si può spiegare un’azione umana? Rispondere non è affatto semplice. La spiegazione causale, adottata dalle scienze naturali, è evidente che non dà conto delle interazioni umane. Poniamo il caso che io chieda a una persona di sedersi su un divano: può intendere la mia richiesta e accettare di farlo.

Ma potrei anche darle uno spintone affinché cadendo si sieda sul divano. Il risultato è lo stesso in entrambe le situazioni, nonostante siano accadimenti incomparabili. Nel primo caso, la persona avrà compreso il senso della mia richiesta, nel secondo avrei trattato il suo corpo come un oggetto. Ricevere una spinta e comprendere il senso di un’espressione linguistica sono due attività tra loro completamente diverse. Una spinta produce una forza che causa uno spostamento, mentre farebbe sorridere, se volessi sostenere che è stata la forza delle vibrazioni emesse dalla mia voce a spingere la persona a sedersi.

Il metodo scientifico delle scienze naturali si fonda su cause ed effetti e riguarda corpi, oggetti, energia a differenza di quello delle scienze sociali e umane che trova il suo fondamento nel linguaggio e nel senso. Che non sono cose, cioè non hanno dimensioni, né fisica né spaziale.
Una ragione, la si può condividere, fraintendere o negare, ma non la si può misurare come potremmo fare con una cosa. Non tenere distinti i due metodi provoca equivoci e imbarazzi.
Lo studio delle ragioni è un ambito scientifico tanto quanto lo è quello delle scienze naturali.

Se le azioni umane fossero spiegabili dal determinismo causale, saremmo considerati degli automi che reagiscono a forze e spinte.
E allora cos’è il senso? Il senso lo ritroviamo nel nostro ragionare, nel rendere conto, negli atteggiamenti, nelle spiegazioni. E’ il nostro modo di comportarci da esseri umani, ossia da animali linguistici.
L’azione umana, insomma, comunica un senso perché esprime una scelta ed esibisce sempre di nuovo un carattere sociale, intersoggettivo.
Le interazioni tra gli umani non possono avere sembianze private, tutt’altro, esse sono le unità di base della vita sociale, pubblica.

Ora proviamo a spiegare un’interazione, intrecciando il piano logico con quello empirico. Un’azione umana, svolgendosi sempre in un contesto, è soggetta a una serie di vincoli fisici, economici, giuridici, culturali. Compatibilmente con tali vincoli si formano delle opportunità.
E dunque la domanda è: quale azione sarà intrapresa, tenendo conto di quell’insieme di opportunità?
Per rispondere occorre introdurre un’altra variabile: le preferenze, o anche i desideri. In prima approssimazione potremmo dire che un’azione è il risultato di un incrocio tra opportunità, ciò che i soggetti possono fare e le preferenze, quel che essi vogliono (desiderano) fare.

Sembrerebbe che le opportunità siano lì, fuori dal soggetto, nello spazio sociale, mentre le preferenze sarebbero l’espressione soggettiva più genuina.
A ben guardare però non ci sono opportunità catalogate da qualche parte, là fuori nel mondo. E qui entra in gioco il ruolo delle credenze che gli umani hanno a riguardo delle opportunità di cui dispongono.
Le credenze possono indurci a limitare o a escludere opportunità o viceversa a sottovalutarne l’inconsistenza. Non solo: un’attitudine che immediatamente balza in alto rilievo nelle interazioni umane è quella di sviluppare aspettative ricorsive: ciascuno si aspetta che gli altri si aspettino da lui ciò che ciascuno si aspetta che gli altri si aspettino da lui, e così via in un regresso all’infinito.

Il modo di comportarsi comune degli uomini” è la famosa citazione di Wittgenstein che prosegue sostenendo che seguire una regola è un’abitudine collettiva. In buona sostanza, è prevalente nelle azioni umane un agire conforme ad abitudini consolidate.
La condotta umana è quasi sempre uniforme e ripetitiva.
Eppure Homo sapiens esibisce un’altra specificità di specie, la potenzialità, intesa come generica capacità creativa, in grado di fronteggiare imprevisti e urti del mondo, ma anche di mutare il corso di una vita, di un gruppo, di una comunità. Sennonché la potenza di agire mostra un suo contrappeso nell’altra accezione di potere, intesa come potenza esercitabile su qualcun altro, il quale subisce, inevitabilmente, una limitazione delle sue possibilità di scelta.
Le relazioni di potere, che sempre più nella contemporaneità assumono forme di servitù volontaria, possono soffocare sul nascere una possibile libertà di scelta.

Creatività, innovazione, capacità di offrire risposte nuove sono intermittenti, spesso irretite nei dispositivi di mercato e comunque assenti dalla scena della politica.

Lasciando da parte l’ambiguo costrutto del libero arbitrio, decidere (da caedere, tagliare), è un’azione che avviene negli interstizi dei margini, esigui, di libertà concessi dalle credenze, dalle aspettative, dalle abitudini, dalle relazioni di potere. Raramente una decisione assume il segno di una scelta che potrebbe contrastare comportamenti ripetitivi, routinari, obbedienti. Ma ciononostante, l’azione umana può divenire trasformativa e innovativa. Ne vorremmo indicare qui stenograficamente una tra altre.

Prendere la parola è sempre un atto pubblico, sebbene oggi si odano, come rumori di fondo, solo brusii e acuti stridenti. Amplificare e moltiplicare le voci di quei rivoli di discorsi che ancora esibiscono un pensiero critico, potrebbe essere un compito da intraprendere con impegno, mostrando alle nuove generazioni, spesso ridotte al silenzio dalle credenze, dalle abitudini e dalla inconsistenza delle opportunità, non un impalpabile e retorico senso di libertà ma la possibilità di scelte e decisioni autonome.

Image credit: Heidi Whitman, https://images.squarespace-cdn.com

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani