Avvocati al cinema

Avvocati al cinema

di Antonio Pascucci ( Avvocato in Milano – FronteVerso Network)

Cinema e avvocati: binomio indissolubile. Registi e sceneggiatori sono sempre sempre stati attratti dalla figura dell’avvocato, protagonista di battaglie per i diritti civili, per far ottenere – spesso contro ogni pronostico e solo contro tutti – l’innocenza del proprio assistito. Quindi nel cinema, come nella letteratura gialla/thriller/noir, l’avvocato può assumere un ruolo determinante per l’affermazione del messaggio del film, che ha spesso una portata etica, coinvolgente e universale.

Gli esempi sono molteplici. Atticus Finch, il protagonista del film Il buio oltre la siepe, tratto dall’omonimo romanzo di Herper Lee, è una vera bandiera per la cultura americana e la giur. Atticus, magistralmente interpretato da Gregory Pech, è un avvocato vedovo, padre di tre figli, che vive negli anni Trenta in Albama, stato del Sud a forte connotazione razzista.

L’avvocato Finch, accettando la difesa di un bracciante afroamericano ingiustamente accusato di violenza su una giovane donna bianca, rappresenta l’uomo che, attraverso il suo lavoro, si batte in solitudine, poiché inviso alla comunità bianca di cui egli stesso fa parte, per combattere la profonda ingiustizia delle disuguaglianze razziali e sociali e per trasmettere ai propri figli i valori corretti. È un uomo che si batte per ciò che è giusto.

Più recente, ma non meno conosciuto nel panorama cinematografico americano, è Joseph Miller, il personaggio interpretato da Denzel Washington in Philadelphia, film del 1993 attraverso il quale il regista Jonathan Demme ha voluto denunciare con forza i pregiudizi e le discriminazioni di genere.

Anche in questo caso il regista sceglie come protagonisti degli avvocati. Sono infatti due i protagonisti del film: Andrew “Andy” Beckett (interpretato da Tom Hanks, premio Oscar per il miglior attore protagonista) e Joseph “Joe” Miller (Denzel Washington). Il primo è uno dei più brillanti legali del prestigioso studio Wyant & Wheeler mentre il secondo si accontenta di trattare casi modesti. Eppure, sarà proprio Miller a rappresentare il più quotato collega, licenziato dallo studio legale a causa della sua omosessualità. Il processo per l’impugnazione del licenziamento, che si conclude con il riconoscimento di un risarcimento record in favore di Andy Becket, rappresenta una delle pagine più significative e toccanti nella filmografia legal drama.

Questi film, benché costituiscano una pietra miliare nel genere, sono una piccola goccia nel mare alimentato da produzioni cinematografiche e serie Tv, non solo americani, che hanno come protagonisti avvocati e studi legali.
Sembra proprio che il cinema non possa fare a meno degli avvocati.
Spesso per tramettere agli spettatori messaggi etici e moralmente educativi, trattando temi cruciali per l’affermazione della giustizia; altre volte, invece, mettendo a nudo gli aspetti più negativi e contraddittori della professione legale, nella quale non sempre si gioca a favore del bene.

Ma nella magia del cinema, vorremmo sempre vedere “Joe” Miller trionfare contro i soprusi e i pregiudizi, soprattutto per scuotere le coscienze di chi, uscendo dalle sale, potrebbe diventare un uomo migliore nel mondo reale.

Image credit: Eashan Misra
https://sun6-19.userapi.com

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo