avvocati per nasrin sotoudeh

Avvocati per Nasrin Sotoudeh

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

La compagnia teatrale “Attori e Convenuti”, composta da avvocate/i e notai toscani, sta girando l’Italia e porta in scena, su testi dell’avv. Gaetano Pacchi, la vita e le vicissitudini dell’avvocata iraniana Nasrin Sotoudeh, condannata a 33 anni di carcere e a 148 frustate.

La condanna è stata confermata in appello per cui Nasrin dovrà trascorrere in carcere almeno 12 anni, e ciò in base all’articolo 134 del codice penale iraniano che prevede, in caso di condanna per tre o più reati, di scontare la condanna più lunga imposta per la più grave delle imputazioni.
E’ previsto inoltre che debba scontare fino in fondo una condanna a cinque anni inflittale in un altro processo nel 2016.

Le accuse contro di lei sono la conseguenza della sua pacifica attività in favore dei diritti umani, inclusa la difesa delle donne che protestano contro l’obbligo di indossare il velo in Iran e la sua pubblica opposizione alla pena di morte.

Lo spettacolo è stato presentato anche a Reggio Emilia, nell’ambito del Programma Formativo dell’Ordine degli Avvocati, provocando emozioni, identificazioni, riflessioni.
Ne riporto alcune.

Tra le immagini proiettate nel corso dell’evento, oltre al viso sereno e sorridente di Nasrin, mi hanno colpito le immagini del Palazzo di Giustizia di Theran, tanto simile ai Tribunali costruiti anche in Italia nel periodo fascista ed espressione del monumentalismo di regime.

Anche l’architettura non sfugge alle richieste del committente.
Più lo scopo è quello di intimorire e creare soggezione, più l’edificio sarà imponente, l’altezza sottolineata da colonne e nervature in marmo che lo rendono più alto ed inaccessibile, possibilmente sormontato da aquile o altri simboli di potere. Se invece lo scopo fosse amministrare la giustizia in nome del popolo, l’edificio potrebbe essere molto più utilmente colorato, funzionale e ovviamente con costi di gestione molto più contenuti.

Ma mi rendo conto che questo è un pensiero ”femminile” attento alla gestione del quotidiano che non interessa i regimi.

Altra immagine che colpisce è che il Tribunale che ha giudicato Nasrin è composto da uomini, tutti vestiti di nero.

Il nero come colore dominante, in contrasto con il bianco dell’hijab, il velo islamico portato da Nasrin e sventolato dalle attiviste iraniane.

Nasrin Sotoudeh ha per il regime iraniano più di una colpa: è donna, è bella, è intelligente, è avvocata.

Il potere iraniano non poteva reggere al confronto e il Tribunale di Theran ha dato seguito a quello che fanno ovunque i regimi totalitari: limitare i diritti delle donne, privare della libertà di parola, colpire gli avvocati che questi diritti difendono. In Nasrin hanno ritrovato tutte queste condizioni, cumulate insieme in questa piccola grande donna.

Nasrin non ha rinunciato a nulla, è rimasta forte e determinata anche nei momenti più duri. Come quando, nell’aprile del 2015, sedeva ogni giorno davanti alla sede dell’Associazione degli avvocati, per rivendicare il suo diritto – dopo la prima detenzione – a riprendere la sua professione di avvocato.

Nasrin non solo non si è piegata, ha avuto la forza di replicare e nel suo discorso dopo l’ultima condanna ha detto di essere contenta di avere avuto pene più alte rispetto a quelle inflitte ai suoi assistiti, perché non avrebbe potuto reggere l’idea che a lei fosse concesso un trattamento migliore e perché questo fatto dimostra che lei è un bravo avvocato che ha saputo difendere al meglio i propri assistiti.

Reza Khandanm, marito di Nasrin Sotoudeh, ha inviato a tutti coloro che testimoniano la loro solidarietà a Nasrin e si mobilitano per la sua liberazione il suo ringraziamento:

«Grazie a voi Nasrin e la sua crudele condanna sono diventati oggetto di preoccupazione internazionale. Vi ringraziamo per tutti gli sforzi e i sacrifici che state facendo e ci congratuliamo con voi e con i difensori dei diritti umani di tutto il mondo per la solidarietà in favore delle vittime di violazioni»

https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/
https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/

photo credit: espresso.repubblica.it

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi