avvocati per nasrin sotoudeh

Avvocati per Nasrin Sotoudeh

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

La compagnia teatrale “Attori e Convenuti”, composta da avvocate/i e notai toscani, sta girando l’Italia e porta in scena, su testi dell’avv. Gaetano Pacchi, la vita e le vicissitudini dell’avvocata iraniana Nasrin Sotoudeh, condannata a 33 anni di carcere e a 148 frustate.

La condanna è stata confermata in appello per cui Nasrin dovrà trascorrere in carcere almeno 12 anni, e ciò in base all’articolo 134 del codice penale iraniano che prevede, in caso di condanna per tre o più reati, di scontare la condanna più lunga imposta per la più grave delle imputazioni.
E’ previsto inoltre che debba scontare fino in fondo una condanna a cinque anni inflittale in un altro processo nel 2016.

Le accuse contro di lei sono la conseguenza della sua pacifica attività in favore dei diritti umani, inclusa la difesa delle donne che protestano contro l’obbligo di indossare il velo in Iran e la sua pubblica opposizione alla pena di morte.

Lo spettacolo è stato presentato anche a Reggio Emilia, nell’ambito del Programma Formativo dell’Ordine degli Avvocati, provocando emozioni, identificazioni, riflessioni.
Ne riporto alcune.

Tra le immagini proiettate nel corso dell’evento, oltre al viso sereno e sorridente di Nasrin, mi hanno colpito le immagini del Palazzo di Giustizia di Theran, tanto simile ai Tribunali costruiti anche in Italia nel periodo fascista ed espressione del monumentalismo di regime.

Anche l’architettura non sfugge alle richieste del committente.
Più lo scopo è quello di intimorire e creare soggezione, più l’edificio sarà imponente, l’altezza sottolineata da colonne e nervature in marmo che lo rendono più alto ed inaccessibile, possibilmente sormontato da aquile o altri simboli di potere. Se invece lo scopo fosse amministrare la giustizia in nome del popolo, l’edificio potrebbe essere molto più utilmente colorato, funzionale e ovviamente con costi di gestione molto più contenuti.

Ma mi rendo conto che questo è un pensiero ”femminile” attento alla gestione del quotidiano che non interessa i regimi.

Altra immagine che colpisce è che il Tribunale che ha giudicato Nasrin è composto da uomini, tutti vestiti di nero.

Il nero come colore dominante, in contrasto con il bianco dell’hijab, il velo islamico portato da Nasrin e sventolato dalle attiviste iraniane.

Nasrin Sotoudeh ha per il regime iraniano più di una colpa: è donna, è bella, è intelligente, è avvocata.

Il potere iraniano non poteva reggere al confronto e il Tribunale di Theran ha dato seguito a quello che fanno ovunque i regimi totalitari: limitare i diritti delle donne, privare della libertà di parola, colpire gli avvocati che questi diritti difendono. In Nasrin hanno ritrovato tutte queste condizioni, cumulate insieme in questa piccola grande donna.

Nasrin non ha rinunciato a nulla, è rimasta forte e determinata anche nei momenti più duri. Come quando, nell’aprile del 2015, sedeva ogni giorno davanti alla sede dell’Associazione degli avvocati, per rivendicare il suo diritto – dopo la prima detenzione – a riprendere la sua professione di avvocato.

Nasrin non solo non si è piegata, ha avuto la forza di replicare e nel suo discorso dopo l’ultima condanna ha detto di essere contenta di avere avuto pene più alte rispetto a quelle inflitte ai suoi assistiti, perché non avrebbe potuto reggere l’idea che a lei fosse concesso un trattamento migliore e perché questo fatto dimostra che lei è un bravo avvocato che ha saputo difendere al meglio i propri assistiti.

Reza Khandanm, marito di Nasrin Sotoudeh, ha inviato a tutti coloro che testimoniano la loro solidarietà a Nasrin e si mobilitano per la sua liberazione il suo ringraziamento:

«Grazie a voi Nasrin e la sua crudele condanna sono diventati oggetto di preoccupazione internazionale. Vi ringraziamo per tutti gli sforzi e i sacrifici che state facendo e ci congratuliamo con voi e con i difensori dei diritti umani di tutto il mondo per la solidarietà in favore delle vittime di violazioni»

https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/
https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/

photo credit: espresso.repubblica.it

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare