avvocati per nasrin sotoudeh

Avvocati per Nasrin Sotoudeh

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

La compagnia teatrale “Attori e Convenuti”, composta da avvocate/i e notai toscani, sta girando l’Italia e porta in scena, su testi dell’avv. Gaetano Pacchi, la vita e le vicissitudini dell’avvocata iraniana Nasrin Sotoudeh, condannata a 33 anni di carcere e a 148 frustate.

La condanna è stata confermata in appello per cui Nasrin dovrà trascorrere in carcere almeno 12 anni, e ciò in base all’articolo 134 del codice penale iraniano che prevede, in caso di condanna per tre o più reati, di scontare la condanna più lunga imposta per la più grave delle imputazioni.
E’ previsto inoltre che debba scontare fino in fondo una condanna a cinque anni inflittale in un altro processo nel 2016.

Le accuse contro di lei sono la conseguenza della sua pacifica attività in favore dei diritti umani, inclusa la difesa delle donne che protestano contro l’obbligo di indossare il velo in Iran e la sua pubblica opposizione alla pena di morte.

Lo spettacolo è stato presentato anche a Reggio Emilia, nell’ambito del Programma Formativo dell’Ordine degli Avvocati, provocando emozioni, identificazioni, riflessioni.
Ne riporto alcune.

Tra le immagini proiettate nel corso dell’evento, oltre al viso sereno e sorridente di Nasrin, mi hanno colpito le immagini del Palazzo di Giustizia di Theran, tanto simile ai Tribunali costruiti anche in Italia nel periodo fascista ed espressione del monumentalismo di regime.

Anche l’architettura non sfugge alle richieste del committente.
Più lo scopo è quello di intimorire e creare soggezione, più l’edificio sarà imponente, l’altezza sottolineata da colonne e nervature in marmo che lo rendono più alto ed inaccessibile, possibilmente sormontato da aquile o altri simboli di potere. Se invece lo scopo fosse amministrare la giustizia in nome del popolo, l’edificio potrebbe essere molto più utilmente colorato, funzionale e ovviamente con costi di gestione molto più contenuti.

Ma mi rendo conto che questo è un pensiero ”femminile” attento alla gestione del quotidiano che non interessa i regimi.

Altra immagine che colpisce è che il Tribunale che ha giudicato Nasrin è composto da uomini, tutti vestiti di nero.

Il nero come colore dominante, in contrasto con il bianco dell’hijab, il velo islamico portato da Nasrin e sventolato dalle attiviste iraniane.

Nasrin Sotoudeh ha per il regime iraniano più di una colpa: è donna, è bella, è intelligente, è avvocata.

Il potere iraniano non poteva reggere al confronto e il Tribunale di Theran ha dato seguito a quello che fanno ovunque i regimi totalitari: limitare i diritti delle donne, privare della libertà di parola, colpire gli avvocati che questi diritti difendono. In Nasrin hanno ritrovato tutte queste condizioni, cumulate insieme in questa piccola grande donna.

Nasrin non ha rinunciato a nulla, è rimasta forte e determinata anche nei momenti più duri. Come quando, nell’aprile del 2015, sedeva ogni giorno davanti alla sede dell’Associazione degli avvocati, per rivendicare il suo diritto – dopo la prima detenzione – a riprendere la sua professione di avvocato.

Nasrin non solo non si è piegata, ha avuto la forza di replicare e nel suo discorso dopo l’ultima condanna ha detto di essere contenta di avere avuto pene più alte rispetto a quelle inflitte ai suoi assistiti, perché non avrebbe potuto reggere l’idea che a lei fosse concesso un trattamento migliore e perché questo fatto dimostra che lei è un bravo avvocato che ha saputo difendere al meglio i propri assistiti.

Reza Khandanm, marito di Nasrin Sotoudeh, ha inviato a tutti coloro che testimoniano la loro solidarietà a Nasrin e si mobilitano per la sua liberazione il suo ringraziamento:

«Grazie a voi Nasrin e la sua crudele condanna sono diventati oggetto di preoccupazione internazionale. Vi ringraziamo per tutti gli sforzi e i sacrifici che state facendo e ci congratuliamo con voi e con i difensori dei diritti umani di tutto il mondo per la solidarietà in favore delle vittime di violazioni»

https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/
https://www.facebook.com/Attori-Convenuti-Compagnia-Teatrale-175252402875663/

photo credit: espresso.repubblica.it

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo