C’è un grande passato, davanti a noi

C’è un grande passato, davanti a noi

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore )

A furia di predirlo a mezza voce, nei corridoi delle aule di giustizia, è accaduto: il caos è giunto, infine.
Il caos vero: fibrillante, privo di alcun punto di riferimento reale e che almeno soltanto appaia stabile. Quella fibrillazione che fa impallidire ogni diatriba o questione, pur annosa, si sia attraversata o affrontata in precedenza.

Assistiamo restiamo e resistiamo attoniti ad ondate quotidiane di notizie, dichiarazioni, prospettazioni e accadimenti che ci turbano, ed è sempre più arduo decidere anche nella nostra mente a quale tematica dare precedenza nella stessa riflessione.
Tanto inutile quanto arduo, inoltre, appare il tentativo di elencazione o esposizione delle problematiche, che entro poche ore sarebbe del resto già superato. Basta guardarsi intorno, basta leggere le “news” da una qualsiasi fonte.

E come se non bastasse, per i problemi non ancora conclamati gli addetti ai lavori ne riconoscono in molte manifestazioni i prodromi.
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande.
Che futuro ci attende?
Dove possiamo guardare, a quale riferimento certo, per avere risposte?

Dobbiamo pensare: in momenti come questo, storicamente, raggiunto il limite si rinasce.
E il futuro dobbiamo cercarlo guardando indietro. Cercare di capire e ricordare come ci siamo arrivati, fin qui. Apprezzare dove e cosa eravamo, e tenerlo ben presente.

A partire da una Avvocatura che deve ricercare e ritrovare ancora una volta una propria precisa identità, riaffermare il proprio ruolo, riproporsi come argine, adeguarsi ed adattarsi ad un mondo che è cambiato e cambia rapidamente. Difendere se stessa per poter difendere. Ed essere guida, presidio di buonsenso, tramite della realtà quotidiana nei Palazzi, interprete delle distanze e ambasciatrice delle istanze: come è nelle sue prerogative e potenzialità. Nelle sue capacità.

Saggia e finanche autorevole nell’incarnare il disincanto dalle derive: lungimirante e paziente.
Reagire con l’equilibrio, al canto delle sirene. Con la compostezza, agli strepiti. Con l’eloquio, al progressivo dissénno.
In mancanza di riferimenti, dunque, è necessario diventarlo. O meglio: tornare ad esserlo.
Andare verso l’unità, per ritrovare la forza.
Guardandoci indietro, se necessario, per poter di nuovo vedere il futuro.

La giustizia senza forza e la forza senza giustizia sono due grandi disgrazie
(Joseph Joubert)

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona