ci sei o ci fai?

Ci sei o ci fai?

di Andrea Casto (Avvocato in Bari)

Quante volte abbiamo giocato con questa domanda provocatoria quando ci sorgeva il dubbio che il nostro interlocutore fosse autenticamente sciocco piuttosto che recitare una parte?
E sì perché un conto è essere qualcuno o qualcosa, un conto è limitarsi a recitare un ruolo.

Proviamo a spostare questo concetto alla funzione di avvocato.
Che differenza c’è tra “fare” ed “essere” avvocato?
Provo a spiegarlo con un esempio: viene da me un assistito con un decreto di citazione a giudizio nel quale gli viene contestata la imputazione di favoreggiamento della prostituzione sol perché con la propria auto si prestava ad accompagnare donne straniere presso i luoghi di meretricio.
Lo sventurato non riesce proprio a comprendere che senso abbia la contestazione di un reato che ha a che fare con lo sfruttamento della prostituzione se è pacifico che non ha mai lucrato un centesimo dalla attività di meretricio delle sue passeggere.

A quel punto posso “fare” l’avvocato limitandomi a spiegargli la differenza tra agevolazione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione; che faremo di tutto per limitare i danni della pena posto che una pena ci sarà essendo la sua condotta penalmente rilevante.

Ma se “sono” un avvocato potrei non rimanere insensibile ai moti di protesta del mio assistito e, se ne condivido i contenuti, potrei decidere di prendere posizione contro la stessa normativa al fine di farne valutare la legittimità costituzionale.

Parimenti, di fronte ad una assistita che subisce un provvedimento ablativo della responsabilità genitoriale con conseguente affidamento della prole ad una comunità selezionata dal Tribunale per i minorenni, potrei limitarmi a “fare” l’avvocato avanzando istanze volte al rientro in casa dei piccoli, ma potrei avere la soddisfazione e l’onore di “essere” avvocato laddove, prendendo in considerazione le segnalazioni – altrove inascoltate – della mia assistita di scarsa igiene, se non addirittura di maltrattamenti subiti dai suoi figli all’interno della comunità individuata dalla Autorità Giudiziaria, mi attivo per sondare, in base alla mia esperienza, alla mia sensibilità ed al mio intuito, la fondatezza di tali segnalazioni ed ho il coraggio di pretendere la verbalizzazione di tali denunce anche a costo di mettermi contro un sistema che si presume essere valido e corretto.

Ma, forse, l’esempio che più mi piace citare di un professionista che “è” avvocato e che non si limiti a “farlo” è quello di un Avvocato che, di fronte al proprio assistito dilaniato da un provvedimento giudiziale di allontanamento dei suoi figli per effetto del quale non vede questi ultimi da un anno e mezzo a causa di una macchina della giustizia difettosa e che – in ragione di una goffa e macchinosa burocrazia – non gli consente di riabbracciare i suoi amati figli perché non vi è personale dei servizi sociali che adempia alle sue funzioni di collante, decide di dedicare il proprio tempo nei giorni festivi per fungere egli stesso da mediatore tra i coniugi in conflitto così favorendo il riavvicinamento del padre ai propri piccoli e si commuove nel vedere come la sua nobile funzione di ad vocatus sta dando i suoi frutti.

Sì, perché chiamato in aiuto dal proprio assistito, senza bisogno di indossare una toga e senza bisogno di redigere atti su carta intestata sta offrendo una strada per risolvergli i problemi.

Forse tutto questo significa “essere” avvocato piuttosto che “farlo”.
Ed allora non sbagliava Calamandrei quando affermava che “ … Molte professioni possono farsi col cervello e non col cuore. Ma l’avvocato no.
L’avvocato non può essere un puro logico, né un ironico scettico, l’avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sè, assumere su di sè i loro dolori e sentire come sue le loro ambasce.
L’avvocatura è una professione di comprensione, di dedizione e di carità. Non credete agli avvocati quando, nei momenti di sconforto, vi dicono che al mondo non c’è giustizia.

Per questo amiamo la nostra toga: per questo vorremmo che, quando il giorno verrà, sulla nostra bara sia posto questo cencio nero, al quale siamo affezionati perchè sappiamo che esso ha servito a riasciugare qualche lacrima, a risollevare qualche fronte, a reprimere qualche sopruso, e, soprattutto, a ravvivare nei cuori umani la fede, senza la quale la vita non merita di essere vissuta, nella vincente giustizia. …”.

Photo credit: encrypted-tbn0.gstatic.com

#TOPICS: ultimi articoli

Diavolo di avvocato

Enzo Varricchio
Spesso nell’immaginario collettivo italiano l’avvocato è l’ideal tipo negativo del professionista che sfrutta le zone grigie della legge

Leggi l'articolo

Anestesia cognitiva

Massimo Corrado Di Florio
Gli avvocati che non sono vittime della dittatura dell’opinione mostrano una reale avversione nei riguardi del sempre più diffuso astio verso la complessità

Leggi l'articolo

Jus sputtanandi

Marco Scarpati (Avvocato in Reggio Emilia)
È l’apoteosi della inutilità del processo penale, che quando arriva serve solo a giustificare i fatti narrati in precedenza

Leggi l'articolo

Sicuri per legge

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

Leggi l'articolo

Avvocati in pericolo

Roberto Giovene di Girasole (Avvocato in Napoli)
La drammatica situazione riguarda circa 600 avvocati turchi in carcere, dei quali 321 condannati a complessivi 2021 anni di reclusione

Leggi l'articolo

Difendere in famiglia

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Leggi l'articolo

Sul ponte delle spie

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Essere avvocati, allora, è talvolta gestire le dighe che rompono gli argini, e conservarsi impassibili: affidabili

Leggi l'articolo

Il linguaggio dell’Avvocato

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

Leggi l'articolo

La data è indelebile

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi