Classi di ferro

Classi di ferro

di Nicola Fabbri (Avvocato in Arezzo)

Il D.lgs 147/2020 (c.d.Correttivo) è intervenuto in parte sulle disposizioni relative al Sovraindebitamento contenute nel Codice della Crisi.
Con la L. 176/2020, con cui è stato convertito il DL 137 (Decreto Ristori), il Legislatore ha inserito nella L. 3/12 alcune delle suddette norme, peraltro modificandole parzialmente.
Coloro che intendono approcciarsi alle procedure di Sovraindebitamento devono confrontarsi con tale incedere differenziato, al fine di conferire una minima certezza interpretativa ed applicativa alle relative disposizioni.

È in tale quadro legislativo che vengono ad inserirsi delle sintetiche osservazioni sul tema della formazione delle classi.
La normativa in esame non impone alcuna obbligatorietà ma spesso è una scelta facoltativa di importanza altamente strategica; è infatti caratterizzata dall’assenza di qualsiasi criterio di formazione (contrariamente a quanto previsto dall’art. 160, 177 e 180 L.F.).
Pertanto, è lecito dedurre che sia lasciata al debitore una discreta tolleranza ma è consigliabile rispettare la necessità di formarle secondo l’omogeneità giuridica ed economica dei crediti.

La normativa presuppone la possibilità di un trattamento differenziato e del tutto irrilevante è la formazione delle classi ai fini del voto: la maggioranza si formerà indipendentemente da queste (non è previsto un computo delle maggioranze di classe). D’altra parte, al singolo creditore non è imposto alcun limite all’esercizio del potere di contestazione della convenienza; da ciò consegue come sia conforme e plausibile l’assenza di controllo sulla loro formazione.
L’unico riferimento rinvenibile è costituito dall’art.9 comma 3 bis.1 lett.g) L 3/12: nella relazione devono indicarsi i criteri adottati per la formazione delle classi (a ben vedere tale previsione normativa appare dettata solo ed esclusivamente per l’ipotesi dell’accordo di composizione).

La peculiarità dell’attuale assetto in materia è dunque riassumibile come segue.
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche sulla base della natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito, raggruppandoli in classi differenziate (sembra comunque indefettibile il rispetto dell’omogeneità economica e giuridica dei crediti).
Solo così operando, infatti, ben potrebbe proporre di trattare in maniera peggiorativa alcuni creditori rispetto ad altri; ma dovrà pur sempre trattarli meglio di quanto farebbe con la liquidazione di tutti i propri beni: infatti, solo se fosse violato quello che può essere definito il principio della convenienza, il creditore avrebbe vero interesse a contestare il criterio di formazione adottato.

Nella pratica, il ricorso ad una coerente e razionale formazione delle classi è spesso apprezzata (e suggerita) dal Giudice, in quanto aiuta e semplifica il suo operato nella valutazione della Proposta.
In conclusione, sarà sempre e comunque il creditore a misurare la soddisfazione dei propri interessi.

Image credit: Gerd Altmann da Pixabay

https://www.assoavvocatigestoricrisi.it/

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno