Cuore ibernato

Cuore ibernato

di Gianfranco Terzo (Avvocato in Bari)

Ognuno ha diritto ad essere se stesso! Sembra una ovvietà eppure la vita quotidiana ci regala soventemente episodi nei quali il terribile desiderio di omologazione – quasi fosse una necessità – e la spietata paura per il diverso – quasi fosse contaminante – scuotono le coscienze con cronache nelle quali il bullismo diviene una modalità attraverso la quale esorcizzare una ingiustificata repulsione che ha radici ataviche e medievali.

Sia Maya che Vanessa vivono delle esistenze barricate dietro lastre di ghiaccio, opache e fredde. E’ la loro protezione dagli altri. Maya è omoaffettiva dichiarata, se si guarda allo specchio vede Zen. Ed è proprio per questo suo modo di essere che chiede a Vanessa di disegnarla come uomo. Anche Vanessa dice di vedere Zen. Ed è su questa corrispondenza che nasce una relazione che presenta una visione ambivalente: quello che le ragazze sentono di essere e quello che, invece, appaiono agli altri.

In un momento in cui la diversità è la fonte più scellerata ed irrimediabile dell’odio comune, “Zen sul ghiaccio sottile”, opera prima di Margherita Ferri, descrive un mondo di adolescenti che infonde pillole di cattiveria rispetto ad una “mezza femmina”, ad una “lesbica di merda”.

E’ lo stesso mondo che richiede ormai come imprescindibile la promanazione di una legislazione nella quale venga punita la omotransfobia.

Vanessa ha il cuore ibernato in una lastra di ghiacchio, un iceberg che crolla quando Maya si spoglia ed entrambe si trovano intimisticamente nude. Ma non è semplice accettare di essere diversi. Maya vive il suo mondo senza preoccuparsi degli altri. E’ un animale solitario, chiuso nella sua vita e nelle sue encomiabili vittorie sportive. Vanessa è una delle tante, in un gruppo di ragazzi dediti al sopruso, forte in unione con gli altri e debole da sola.

L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito. Vanessa non accetta il rifiuto e decide di rovinare la vita di Maya con la menzogna e il mendacio. La coscienza scioglie il ghiaccio. Vanessa tornerà nel suo mondo qualunque e Maya attraverserà il suo campo di hockey, forte e orgogliosa della sua unicità

Image credit: Rozenn Le Gall, Berührung
https://images.squarespace-cdn.com

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto