Da sola non basta

Da sola non basta

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

Non basta la bellezza da sola.
Certo, la bellezza può manifestarsi improvvisamente davanti ai nostri occhi senza che la cerchiamo, ma avviene raramente. E soprattutto rischiamo di perdere tutta quella che è, invece, nascosta.
Ho sempre pensato che la rigidità del concetto astratto del καλώς καί αγαθωσ lo renda inapplicabile alla quotidianità, all’esercizio di ricerca della bellezza nei meandri di tutto ciò in cui ci imbattiamo ogni giorno.

Occorre avere occhi ed animo predisposti ed allenati a vederla. Occorre saper filtrare la bellezza dalle tante impurità dalle quali è nella generalità dei casi circondata.
Per dirla con le parole di Oscar Wilde,

il guardare una cosa è ben diverso dal vederla. Non si vede una cosa finché non se ne vede la bellezza”.

E paradossalmente, più sono drammatiche e avverse le circostanze in cui ci imbattiamo, più è difficile intravedere dentro a queste la bellezza e più il riuscire a vederla rappresenta l’unica via di emancipazione.
Una via che passa attraverso la liberazione dalle sovrastrutture superflue, dai pregiudizi dannosi, dalle convenzioni inutili.

Nel dramma globale che stiamo vivendo, dovremmo tutti esercitarci a percorrere questa via e riuscire ad intravedere nelle modifiche delle nostre abitudini, imposte dalle restrizioni e dall’emergenza sanitaria, un’occasione per acquisire nuove competenze e capacità, consapevoli che soltanto questa evoluzione potrà costituire una via d’uscita.

Certo, tutti sentiamo la mancanza dei viaggi, della scoperta di luoghi sconosciuti, delle persone che li abitano e delle loro culture, ma abbiamo l’occasione di imparare a trovare la bellezza a due passi da noi, probabilmente dando il corretto valore a cose che, fino ad oggi, abbiamo dato per scontate.
Ed altrettanto possiamo fare sul lavoro, accettando con entusiasmo e curiosità le modifiche imposte dalla distanza forzata e che sono possibili grazie alla tecnologia.
Noi Avvocati, probabilmente, siamo più abituati di altri: trovare e valorizzare gli aspetti positivi ed utili, perfino le occasioni, all’interno dei drammi umani che gli assistiti ci consegnano è per noi un esercizio quasi quotidiano al quale abbiamo scelto, svolgendo questa professione, di aderire.
In fin dei conti lo ha detto anche Anna Frank:

Pensa a tutta la bellezza ancora rimasta attorno a te e sii felice”.

Image credit: Igor Ovsyannykov da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora