Delitto d'autore

Delitto d’autore

Art. 64 Codice dei beni culturali e del paesaggio. Attestati di autenticità e di provenienza.

Chiunque esercita l’attività di vendita al pubblico, di esposizione a fini di commercio o di intermediazione finalizzata alla vendita di opere di pittura, di scultura, di grafica ovvero di oggetti d’antichità o di interesse storico od archeologico, o comunque abitualmente vende le opere o gli oggetti medesimi, ha l’obbligo di consegnare all’acquirente la documentazione che ne attesti l’autenticità o almeno la probabile attribuzione e la provenienza delle opere medesime; ovvero, in mancanza, di rilasciare, con le modalità previste dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, una dichiarazione recante tutte le informazioni disponibili sull’autenticità o la probabile attribuzione e la provenienza. Tale dichiarazione, ove possibile in relazione alla natura dell’opera o dell’oggetto, è apposta su copia fotografica degli stessi . Comma modificato dall’articolo 2, comma 1, lettera pp) del D.Lgs. 26 marzo 2008, n. 62.

Parrebbe bastare in questa epoca di semplificazioni. Eppure, così non è.

Mancherebbe del tutto (sarà poi vero?) un altro sottosistema che perfezioni qualunque ipotesi di contraffazione. Insomma, mancherebbe un valido sistema di validazione (rectius, autenticazione) dell’opera.
Qui, secondo i più energici sostenitori degli smart contract o delle catene di blocco (insomma, sì, le blockchains) occorre muoversi esplorando altri settori del velocissimo mondo virtuale.

Nulla sarà più come prima. Ed ecco che si affacciano le prime aziende in grado di garantire agli autori delle opere un efficacissimo sistema di inossidabile autenticazione delle opere che, in parti tempo, garantisce l’acquirente da truffe e raggiri di ogni sorta.

In un mondo in cui l’intelligenza artificiale pare avvolgere ogni iniziativa umana ma col precipuo scopo di facilitare la vita degli uomini ecco che anche l’ingegno deve indossare una mordacchia burocratica.

Chissà cosa direbbe il buon Dostoevskij che tanto odiava i burocrati di ogni genere e specie. Si rilegga, ad esempio, la meravigliosa descrizione del perverso burocrate che interloquisce col malcapitato di turno in Memorie dal sottosuolo.
Credevo che coi codici a barre si fosse giunti alla semplice e sicura catalogazione dei prezzi dei beni posti in vendita, o dei prodotti farmaceutici così ben descritti nelle ricette dei nostri medici di base.

Dobbiamo rassegnarci. I controlli e le garanzie che il povero artista offriva al proprio mecenate di turno non servono alla bisogna, non più. Chi acquista deve conoscere chi vende e se chi vende non è l’artista ma un terzo (il gallerista, ad esempio) deve conoscere il percorso che l’opera d’arte ha compiuto. Dal cervello ingegnoso del suo autore, passando dalla tecnica che ha guidato la mano (anche quella elettronica, per carità) e giù, giù, sino a tutta la catena dei luoghi e dei soggetti che sono entrati in contatto con l’opera stessa.

Il diritto dell’autore (così come quello dell’acquirente) va tutelato. Ora, poiché la carta ha un costo ed è perfino falsificabile, ecco che compaiono gli NFT i non fungible token, mirabolanti strumenti di tracciamento e validazione. Il delitto d’autore, pardon, il diritto d’autore è salvo.
Ricordo, vagamente, quando ci avevano informato in merito alla sicurezza dei sistemi bancari e alla diffusione del c.d. home banking. Ma qui, ora, i centri di documentazione e registro di opere d’arte (contemporanea o meno), garantiranno tutti. Ne avevamo bisogno. Anche gli artisti, suppongo. Montmartre si spopolerà: i cavalletti e le tele scompariranno. Meravigliosa odissea dell’arte, mirabolante pornografia della luce (come scrive Byung-Chul Han). Confido nella permanenza dell’uomo.

Ricordo che, tempo fa, a proposito dell’intelligenza artificiale, citavo il Consiglio d’Europa che, in tema di “Algoritmi e Diritti umani”, individuava “L’impatto delle decisioni automatizzate e possibili raccomandazioni per la loro disciplina” (Council of Europe study DGI 2017), con particolare riferimento alla “creazione, da parte delle autorità pubbliche e indipendenti di specifici standard settore per settore (sanità, banche,giustizia, assicurazioni) e linee guida per fare in modo che la sfida della tutela dei consumatori e del mercato sia garantita secondo i principi della Convenzione europea dei diritti dell’uomo anche in epoca digitale”.
Per l’arte varranno le medesime raccomandazioni? Si spera di sì.

di Massimo Corrado Di Florio, su Ora Legale News
https://www.oralegalenews.it/copertina/ai-millenial-addiction-02/2289/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono