Desideri ingannevoli

Desideri ingannevoli

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

È pressoché impossibile, nell’attuale situazione, non riflettere su quale sia l’atteggiamento degli uomini nei confronti delle vicende che li coinvolgono, specie quando sono inaspettate o fortemente incidenti sulla loro vita.
Ed è pressoché impossibile non considerare che identiche riflessioni siano state svolte, nel corso dei secoli, davanti a tutte le vicende di questo tipo che si sono succedute nella storia culturale e filosofica dell’uomo.

Se già Demostene (384 – 322 a.C.) affermava che “Spesso grandi imprese nascono da piccole opportunità”, è indubbio che la sua considerazione sia stata condizionata dall’aver vissuto le vicende drammatiche che lo hanno coinvolto (prima fra tutte l’occupazione macedone di Atene) ma, soprattutto, dall’aver osservato la rinascita della città e della popolazione ateniese a seguito della cacciata di Antipatro, come dimostra il fatto che, perfino nell’invocazione agli dei con la quale si apre l’Orazione sulla Corona, egli si rivolgesse agli uomini ateniesi (ω άνδρες Αθηναιοι).

Nel contempo, tuttavia, dalla stessa osservazione degli atteggiamenti umani nasce un’altra sua considerazione, questa volta amara:

niente è più facile che ingannare se stessi; l’uomo crede vero tutto ciò che desidera”.

Credo che queste considerazioni e le riflessioni dalle quali sono nate siano applicabili a tutte le vicende umane di portata drammatica ed abbiano piena validità anche nell’emergenza che stiamo vivendo.
Credo, soprattutto, che la comunità dei giuristi non faccia eccezione sotto il profilo della loro applicabilità e che dipenda da noi tutti la scelta tra il subire la crisi necessariamente connessa all’emergenza od il trasformarla in un’opportunità – piccola nel senso di non richiedere particolari investimenti o programmazione, per tornare all’aforisma di Demostene – di radicale trasformazione del nostro modo di intendere le nostre professioni e, probabilmente, dello stesso modo di intendere i beni giuridici destinatari di tutela normativa ed i mezzi di tutela approntati dall’Ordinamento.

In questo processo di rinnovamento, i giuristi dovranno svolgere un ruolo primario nella conservazione dei principi di diritto naturale e di civiltà giuridica fin qui faticosamente conquistati ed affermati. Penso, in particolare, ai “nuovi” diritti naturali, quali la riservatezza dei dati, la libertà di accesso agli atti amministrativi, la tutela dell’ambiente, l’effettività del ricorso giurisdizionale.
Il pericolo è che questi valori irrinunciabili siano travolti da una normativa emergenziale capace di comprimerli e di annientarli, come è già avvenuto, nella nostra storia recente, a seguito dell’introduzione di norme speciali intese a contrastare il terrorismo nei primi anni ’70, la mafia nei primi anni ’90, il terrorismo internazionale dopo l’11 settembre 2001, solo per richiamare gli esempi più recenti ed eclatanti, ed ancor oggi in vigore ed anzi estese a fattispecie (si pensi al sequestro preventivo per equivalente) del tutto disomogenee rispetto a quelle originali.

Il rischio che si giunga ad un contesto molto simile a quello descritto da George Orwell in “1984” o dal regista Florian Henckel von Donnersmarck in “Le vite degli altri” è tutt’altro che remoto, così come lo è il rischio di una trasformazione in senso inquisitorio e sommario della giurisdizione. Una giustizia spietata, per utilizzare un’efficace espressione di Michele Passione.

Ma il rischio maggiore è, probabilmente, che tutto ciò possa avvenire con il favore della massa, come avvenuto agli albori del ventennio fascista, proprio perché “l’uomo crede vero tutto ciò che desidera” e la gran parte di noi ha dimenticato la lezione di Demostene e la sua attualità.

Image credit: Tristan Zhou, Lights
https://encrypted-tbn0.gstatic

dello stesso autor, su Ora Legale News:
https://www.oralegalenews.it/topics/hate-speech-hate-thinking/8637/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile