Difesa e violenza di genere

Difesa e violenza di genere

di Tina De Michele (Avvocata e Operatrice Centro Antiviolenza Be Free di Termoli)

In un’intervista rilasciata ad Enzo Biagi nel 1983 Donatella Colasanti, vittima di uno dei più noti casi di cronaca riguardanti la violenza di genere, affermava che quanto accaduto dal 29 settembre al 1° ottobre 1975 nella villa del Circeo era un fatto che avrebbe dovuto riguardare “tutti” e non solo le femministe, lamentando l’attenzione morbosa dei media sui dettagli efferati e scabrosi del rapimento, l’eccessiva durata del processo e l’assenza della società civile.

A parte le donne, più o meno legate ai movimenti femministi degli anni 70, infatti, nel corso del processo non c’era stato nessuno accanto a Donatella Colasanti ed alla sua Avvocata Tina Lagostena Bassi.Soprattutto erano assenti “gli uomini”, ossia coloro che avrebbero dovuto sentirsi parimenti offesi dal comportamento dei tre colpevoli.
Donatella Colasanti aveva acquisito la consapevolezza del fatto che il problema della violenza sulle donne non è semplicemente una questione di donne contro uomini, di affetti e di amori non corrisposti, di pulsioni più o meno animalesche, ma è un problema che dovrebbe coinvolgere la società intera e gli equilibri su cui la stessa si regge.

Del resto in letteratura il femminicidio ha sempre assunto dei contorni romantici e passionali, basti citare alcuni esempi famosissimi: l’Otello di Sheakspeare, il Rosso ed il Nero di Stendhal, la Sonata a Kreutzer di Tolstoj, L’Idiota di Dostoevskij, sono tutte opere letterarie di altissimo pregio che si chiudono con il medesimo finale, ossia l’omicidio della donna amata dal protagonista, compiuto per “troppo amore”, per possesso, per gelosia.

Inevitabilmente porre l’accento su questo sentimento forte e perduto comporta necessariamente una sorta di deresponsabilizzazione del colpevole, vittima di una forza indomabile, quasi costretto a compiere un gesto efferato.
L’eco della narrazione romantica del femminicidio è del resto percepibile ancora oggi, nel modo (sbagliato) di raccontare i fatti di cronaca da parte dei media: si pensi all’omicidio di Elisa Pomarelli, in cui il colpevole venne definito “gigante buono” da alcune testate nazionali.

Negli anni 60 e 70 la società italiana cambia profondamente, così come cambia la sensibilità sociale: motore di questo cambiamento è proprio l’emancipazione delle donne, che si traduce a livello legislativo nella riforma del diritto di famiglia, nelle leggi di tutela delle donne sul lavoro, nella legge sul divorzio e sull’interruzione volontaria di gravidanza. Attraverso questi provvedimenti si afferma, tra gli altri, il diritto delle donne di autodeterminarsi in condizione di parità con gli uomini.

Il cambiamento culturale e sociale però è ben lontano dall’essere al passo con la normativa: le differenze e gli stereotipi di genere sono ben lontani dall’essere scardinati. Basti pensare alla sopravvivenza del delitto di stupro come delitto che offende la libertà morale, che si protrarrà incredibilmente fino al 1996, a testimonianza del fatto che la concretizzazione della parità di genere è invece un processo molto lungo e travagliato.
Il massacro del Circeo, avvenuto nel 1975, ne è la terribile testimonianza.

Oggi, a distanza di oltre 40 anni, viene uccisa una donna ogni 72 ore, e la lettura sociale non può che essere questa: gli stereotipi di ciò che dovrebbe essere “maschile” e ciò che dovrebbe essere “femminile” sono ancora ben saldi.
Quanto più le donne cercano di affermare pienamente il loro diritto ad autodeterminarsi in condizioni di parità con gli uomini, tanto più la reazione può diventare pericolosa e potenzialmente letale, e può comprendere non solo forme di violenza fisica e sessuale, ma anche altre forme di violenza subdole quali violenza psicologica ed economica.
Spesso questa violenza viene consumata anche all’interno del nucleo familiare, con conseguenze ancora più devastanti, specialmente sui bambini.

A maggior ragione, si comprende come la legge penale e gli strumenti di tutela offerti dal codice civile da soli non bastino per arginare il fenomeno, ma occorre un intervento globale e multisfaccettato che preveda la necessità di agire nella società con strumenti culturali, in grado di contrastare da un lato il permanere degli stereotipi di genere, affermando pienamente il diritto di autodeterminazione delle donne, e dall’altro in grado di far cadere il velo “romantico” che ha sempre ammantato la narrazione del femminicidio.
Proprio per questo il problema della violenza sulle donne è un fatto che riguarda “tutti”, così come affermava la Colasanti.

In questa prospettiva, l’Avvocato, in quanto mediatore tra la legge e la società civile, è attore privilegiato e deve acquisire consapevolezza del fatto che nello svolgimento del proprio ufficio non può e non deve mai cedere alla tentazione di abbracciare una tesi difensiva o accusatoria che sposi una visione della donna legata agli stereotipi di genere. Troppo spesso nei processi di violenza c’è la tendenza a “colpevolizzare “ la vittima per il suo abbigliamento, le sue abitudini di vita o la sua condotta. Donatella Colasanti raccontava di aver sentito dire all’avvocato di Izzo: “I tre giovani non volevano uccidere la Colasanti. L’hanno colpita in testa ma non è uscito neanche un po’ di cervello”.

A distanza di oltre 40 anni, l’avvocata difensore di uno degli stupratori di Desiree Mariottini, morta a soli 16 anni dopo essere stata stuprata, presenta una denuncia contro i genitori della ragazza per abbandono di minore, con ciò colpevolizzando indirettamente la vittima, che si era recata nel luogo dell’omicidio per consumare droga.

La strada del diritto di difesa è lastricata di buone intenzioni; ma siamo certi che faccia bene al processo ed alla società utilizzare strumenti che sviliscono la donna, le sue abitudini ed il suo modo di essere al fine di sminuire la condotta dell’imputato?

Occorre acquisire consapevolezza del fatto che la paura della vittima di essere a sua volta “processata nel processo”, proprio per la tendenza di alcuni avvocati a usare strumenti difensivi basati su stereotipi di genere (e di alcuni giudici ad accoglierli), è uno dei fattori che spinge le donne ad avere paura di denunciare le violenze e che nuoce al processo ed alla società intera.

Photo credit:lacphoto.org/Hugh-Kretschmer_Boxing_Gloves

#TOPICS: ultimi articoli

Diavolo di avvocato

Enzo Varricchio
Spesso nell’immaginario collettivo italiano l’avvocato è l’ideal tipo negativo del professionista che sfrutta le zone grigie della legge

Leggi l'articolo

Anestesia cognitiva

Massimo Corrado Di Florio
Gli avvocati che non sono vittime della dittatura dell’opinione mostrano una reale avversione nei riguardi del sempre più diffuso astio verso la complessità

Leggi l'articolo

Jus sputtanandi

Marco Scarpati (Avvocato in Reggio Emilia)
È l’apoteosi della inutilità del processo penale, che quando arriva serve solo a giustificare i fatti narrati in precedenza

Leggi l'articolo

Sicuri per legge

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

Leggi l'articolo

Avvocati in pericolo

Roberto Giovene di Girasole (Avvocato in Napoli)
La drammatica situazione riguarda circa 600 avvocati turchi in carcere, dei quali 321 condannati a complessivi 2021 anni di reclusione

Leggi l'articolo

Difendere in famiglia

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Leggi l'articolo

Sul ponte delle spie

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Essere avvocati, allora, è talvolta gestire le dighe che rompono gli argini, e conservarsi impassibili: affidabili

Leggi l'articolo

Il linguaggio dell’Avvocato

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

Leggi l'articolo

Ci sei o ci fai?

Andrea Casto (Avvocato in Bari)
Che differenza c’è tra “fare” ed “essere” avvocato? Un conto è essere qualcuno o qualcosa, un conto è limitarsi a recitare un ruolo

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi