Diritto e magia

Diritto e magia

di Fabio Cesare (Avvocato in Milano)

Non è possibile amministrare il diritto senza fare cose con parole.
Quando il Tribunale condanna, non afferma, ma crea uno status giuridico.
Allo stesso modo se accerta o costituisce un diritto.
Il giudicato, magicamente, facit de albo nigrum, originem creat, aequat quadrata rotundis, naturalia sanguinis vincula et falsum in verum mutat.
Nemmeno Harry Potter trasforma il bianco in nero, crea un punto di partenza, rende rotonde le cose quadrate e trasforma i vincoli di sangue e trasforma il falso nel vero.

Come fare cose con parole, (How to do things with words) è il titolo di un lavoro di John Langhsaw Austin che ha indagato come in presenza di alcune condizioni, un atto linguistico coincide con l’azione che l’atto stesso significa: sono gli atti performativi.
Così il vescovo, quando battezza, impartisce un sacramento; un Tribunale che assolve, libera l’imputato da un’accusa; una dichiarazione di guerra tra Stati coincide con l’inizio delle ostilità.

I performativi sono molto simili alla magia.

Alcuni filosofi scandinavi del secolo scorso (Axel Hägerström, Karl Hans Knut Olivecrona) hanno indagato come molte formule del diritto romano, fossero di natura magica, perché la loro formularità prevaleva sul loro significato.
La locuzione delle parole esatte di un istituto, come la mancipatio, erano in grado di alterare forze metasensibili. Così il diritto era il frutto di un legame mistico tra i soggetti vincolati per effetto di un atto giuridico pronunciato con una formula.

Sarebbe lungo elencare tutte le concezioni della parola creatrice, ma sono comuni a molte civiltà: basti pensare al Vangelo dell’amore che afferma come nel principio era il Verbo e il verbo era presso Dio.
O al modo col quale Yahvé si è presentato al mondo creandolo: disse Luce e luce fu.
La magia si è poi secolarizzata nel diritto, dove la formularità è divenuta erede della dimensione sovrasensibile ormai scomparsa.

Ne rimangono tuttavia diverse tracce irriflesse anche oggi.

Si utilizza ad esempio “laico” non in contrapposizione a “sacerdotale“, come parrebbe ovvio, ma al corpo della magistratura (ricordo le espressioni “componenti laici del CSM” e l’espressione “conoscenza parallela nella sfera laica”).
Ora, una caratteristica sottotraccia della dimensione magica è da sempre la separazione: “magia“, discende dal greco “magheia“, che designa la casta dei sacerdoti zoroastriani depositari di un sapere in grado di dominare le forze della natura.
Si tratta dunque di un sapere misterico e separato dai più che non lo possiedono.
I sacerdoti posseggono un sapere mistico e dunque aristocratico e inspiegabile agli altri.

Ecco una deriva insita nell’amministrazione del diritto che può farci tornare alle origini sacerdotali: l’accostamento di due fenomeni apparentemente non correlati con il pensiero magico, non comprensibile al popolo.
È la mancanza di legittimazione, la mancanza di immedesimazione nel corpo dei destinatari che rende la magistratura autoreferenziale e priva dell’intelligenza emotiva necessaria per aprirsi e legittimarsi.

Questo rischio, insito nella natura del potere fondato sulla parola, può essere superato solo se la magistratura capirà che è necessario ascoltare gli utenti della giurisdizione. Il rischio della divisione sacrale verrà superato se i giudici smetteranno di piegare i cittadini con il linguaggio incomprensibile delle sentenze plasmato dall’autorità e inizieranno a convincerli con provvedimenti chiari, anche se hanno torto, con la forza dell’autorevolezza.

Diversamente, si confonderà ancora autorevolezza e autorità, come nella magia sacerdotale.
E la giurisdizione, che ricordiamo è prerogativa regia, si comporterà come una monarchia sorda ai propri cittadini, aprendo la strada ad ulteriori fratture tra governanti e governati.

Credits: Anicka Yi – In Love With the World

Di Fabio Cesare, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche