Famiglie in giudizio

Famiglie in giudizio

di Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)

Uno sguardo alla famiglia dall’interno dei Tribunali

A quel che risulta dai dati statistici degli ultimi anni, quasi un terzo del lavoro dei Tribunali è costituito dal contenzioso familiare. Ovvero separazioni, divorzi, regolamentazione dei rapporti genitoriali per i figli nati fuori dal matrimonio, modifiche delle decisioni adottate con provvedimenti precedenti e, infine, richieste di autorizzazioni varie riguardanti aspetti patrimoniali e non patrimoniali della gestione dei figli minorenni.
È pure incontestabile che il contenzioso familiare goda di cattiva fama e pessima stampa, per costi, durata e durezza dello scontro. Fama che, ad onor del vero, in larga misura è meritata.

È strano perciò che, quando si prende in considerazione la questione del calo demografico, a nessuno venga in mente di inserire tra le cause della scarsa propensione degli italiani a fare figli anche la consapevolezza del calvario che le coppie che si separano, e sono circa una su tre, devono affrontare per risolvere i conflitti in sede giudiziaria.
I segnali che qualcosa non sta funzionando ed il diffuso sospetto che il Tribunale sia l’ultimo posto dove andare a cercare soluzioni in caso di conflitti familiari, sono numerosi e sostanzialmente si possono elencare sotto il titolo “processo bizantino che non fornisce soluzioni risolutive”.

Anche per le questioni economiche, sia che riguardino i coniugi, sia che riguardino i figli, il processo offre ben poche soluzioni realmente utili, soprattutto se si tratta di trasformare in denaro contante gli assegni di mantenimento stabiliti dal giudice contro la volontà dell’obbligato.
Una sorte anche peggiore, in termini di costi e tempi, tocca a coloro che cercano una divisione equa e rapida dei beni comuni, perché sembra che tutto congiuri per sbarrare la strada alle soluzioni più semplici.

Non stupisce, quindi, che il mantra ripetuto all’infinito ai litiganti dai Giudici e dagli Avvocati sia “fate un accordo!”.
Non ci vuole però nemmeno molto per capire che l’esortazione a fare un accordo, rivolta proprio a coloro che si trovano nel pieno di un conflitto appena deflagrato, ha più che altro il significato di un monito preventivo rispetto all’insoddisfazione per gli esiti giudiziari.

Questa pessimistica generalizzazione, che ovviamente non vale per tutti quei casi nei quali il ricorso urgente al Giudice è imprescindibile, per ragioni di cautela e protezione dei soggetti deboli, difficilmente può essere smentita e conduce, o dovrebbe condurre, gli operatori e il Legislatore ad una riflessione ad ampio spettro, finalizzata a realizzare riforme sia in ambito sostanziale sia in ambito processuale.

E’ infatti assai chiaro che le famiglie, osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa dell’idea di famiglia che la società dei consumi ci propina con il martellamento incessante della pubblicità.
I padri sorridenti e collaborativi appaiono improvvisamente nella veste di arcigni sequestratori e carcerieri di figli recalcitranti; le madri impeccabili e pervase da una serenità olimpica mostrano il volto delle Erinni; i nonni bonari, ma dinamici e amichevoli, si trasformano in riservisti di una milizia armata fino ai denti.

Urge, perciò, applicarsi allo studio di soluzioni che riconducano i contenziosi familiari in un ambito sostenibile e compatibile con un’idea di famiglia costituzionalmente orientata.

Image credit: Gerd Altmann da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti