Filmografia della Diaz

Filmografia della Diaz

di Antonella Matranga (Giornalista)

Era il 2012 e, dopo non poche resistenze da parte degli organi dello Stato, in Italia usciva il film Diaz – Don’t clean up this blood (lo potete vedere su Netflix) diretto da Daniele Vicari che ottenne un grande successo di pubblico e critica facendo incetta di premi anche internazionali.

Il film interpretato, fra gli altri, da Claudio Santamaria, Elio Germano, Alessandro Roja, è incentrato sui terribili scontri fra manifestanti e forze dell’ordine del G8 di Genova nel 2001 che costò la vita a Carlo Giuliani e mise in luce i fatti violenti avvenuti nella caserma Diaz.

Una vicenda che fece scandalo in tutto il mondo, tanto da essere stata definita da Amnesty Internationalla più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale”.

Diaz”, oltre ai suoi meriti squisitamente cinematografici, va apprezzato per quello che è: un potente atto di accusa verso una delle maggiori vergogne della nostra recente democrazia, in cui l’indignazione dello spettatore, più che alle violenze mostrate dalla cinepresa, esplode alla lettura dei titoli di coda, che evidenziano la sostanziale impunità dei mandanti e degli esecutori.

Un film che oggi ha ancora una grande valenza politica, di impegno e di coraggio anche per la difficoltà nel riuscire a realizzarlo, come ha messo in evidenza lo stesso Daniele Vicari lo scorso 20 Luglio nel 19esimo anniversario della morte di Carlo Giuliani, durante l’incontro con il pubblico insieme agli attori Elio Germano e Francesco Acquaroli, organizzato da Amnesty International per la rassegna Diritti al cinema.

«Non ci siamo arresi – ha spiegato Daniele Vicari – era una storia che anche senza finanziamenti doveva essere raccontata».

Il film infatti fu quasi interamente girato in Romania. A Genova gli era stato impedito di fare i sopralluoghi nella stessa scuola Diaz. E per aver provato a girare qualche ripresa, verso la fine della lavorazione, fu sequestrato l’intero parco macchine del film. “Un percorso accidentato – ha continuato Vicari – che solo grazie al grosso impegno di Domenico Procacci e Fandango siamo riusciti a terminare».

Un film politico che grazie alla forza del linguaggio cinematografico che usa Vicari nel raccontare la grave violazione dei diritti umani parlando anche di tortura, oggi è ancora attualissimo e di grande impatto, come del resto ci dimostra la cronaca passata (da Stefano Cucchi al terribile omicidio di Serena Mollicone avvenuto in una caserma dei carabinieri) fino alla cronaca di questi giorni con un intera caserma dei carabinieri trasformata in un covo di spacciatori, di estorsori violenti e pericolosi, dove si perpetravano persino reati di tortura.

Una storia che sa dell’incredibile e che probabilmente neanche il cinema sarebbe riuscito ad immaginare.

Image credit: Plastic art by Veronika Richterová
https://4.bp.blogspot.com

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio