Gatti spiazzati per le strade di Milano

Gatti spiazzati per le strade di Milano

di Vincenzo Cianciotta (HR Specialist – Milano)

Ed eccoci in giro per le strade della periferia di Milano. Affidati alle guide di Gatti Spiazzati.

I luoghi sono tutt’altro che turistici: Via Padova per i più è territorio di bande che si muovono fuori dalla legalità e l’autobus 56, che la percorre, è teatro di frequenti borseggi.

Arriviamo diffidenti ma incuriositi.

E, piano piano, scopriamo quello che non ti aspetti, stradine e scorci di Crescenzago, borgo di origine medievale, un ciuffo di case di campagna di inizio ‘900, dove i “sciuri de Milan” facevano la “villeggiatura” e la splendida chiesa di Santa Maria Rossa, di storia ultramillenaria. Crescenzago, insieme a molti altri piccoli comuni (Gorla, Precotto, Turro, Baggio, Affori, Lambrate), dopo la prima guerra mondiale cessò di esistere come realtà autonoma per diventare un quartiere – periferico, appunto – della città di Milano.

Potrebbe bastare. Ma la passeggiata con i “Gatti” non è solo questo. La passeggiata comincia proprio quando finisce. E ci si ferma a chiacchierare dell’associazione. I Gatti nascono come “spin-off” della Caritas, nell’ambiente del volontariato e del sociale nel momento in cui la riforma Fornero del sistema pensionistico “si dimentica” degli esodati, persone estromesse dal mondo del lavoro ma – improvvisamente – troppo giovani per andare in pensione.

C’è voglia di fare qualcosa, di sentirsi utili, di mettere a disposizione di altri il proprio know-how. C’è chi vorrebbe tentare di lavorare all’Expo ma non ha dimestichezza con i principali programmi di Office. Vengono organizzati dei corsi di Access: funziona! Qualcuno viene preso alla grande fiera del 2015.

Intanto il gruppo raccoglie persone che vivono e dormono per strada, persone disoccupate, persone disagiate. Appunto, persone.
Si strutturano in Associazione di Promozione Sociale e nasce l’idea di mettere le proprie conoscenze a disposizione di altri.
Vengono studiati e codificati itinerari per dei giri in città completamente al difuori dei soliti luoghi, per guardare Milano “con gli occhi del popolo della notte”.

Viene orgogliosamente pubblicata una guida e attivata una community sul web https://www.facebook.com/gattispiazzati/.
Vengono raccolte le conoscenze di chi ha vissuto e continua a vivere per strada e osserva la città da un punto di vista assolutamente unico.

Oggi siamo stati guidati in maniera corale.

Usando dei nomi di fantasia diremo che Mario, esperto di informatica, ci ha raccontato le esperienze della sua Milano degli anni 50; Franco ci ha impressionato per una conoscenza storico-artistica di altissimo livello, stratificatasi sin da tenera età quando, insofferente, visitava pinacoteche con i suoi genitori; Fabio ci ha parlato dei tram di Milano, dove il suo papà ha trascorso tutta la vita, e poi ci ha parlato di sé, del dormitorio dove è ospitato – sorride – senza pagare un soldo.
Constantin, invece, non ha parlato. Non se la sentiva. È molto amico di Johnnie Walker, ci hanno detto, e con lui ha passato la serata di ieri. Dunque, non era il caso.

Piano piano il masso che sentivamo spingere sullo stomaco è diventato più leggero.
La battaglia di queste persone per l’autostima è vinta.
Non importa se il loro abbigliamento è fuori moda.
Avevano molte cose da dirci e lo hanno fatto con gioia.

Li cercheremo ancora per le strade di Milano, ci rivedremo, quello che fanno ci piace.
Ci guardiamo intorno: Via Padova, con i suoi abitanti venuti da tutto il mondo, con i suoi 436 negozi multicolori ci appare diversa, interessante… spiazzante.

Image credit: Charlotte-van-Driel
www.photographize.co/articles/minimalistart/

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Le imprese tra diritto e letteratura

Umberto Apice
Sembra un destino ineludibile quello di tutta la storia del fallimento a seconda che prevalga l’interesse del ceto imprenditoriale creditorio o quello della comunità nel suo complesso

Leggi l'articolo

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Delitto d’autore

Massimo Corrado Di Florio
Nulla sarà più come prima.
Il delitto d’autore incombe. Meravigliosa odissea dell’arte e mirabolante pornografia della luce.

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa