Il CTU: ipse dixit?

Il CTU: ipse dixit?

di Marco Scarpati (Avvocato in Reggio Emilia)

Qualche anno fa, discutendo con la allora (ottima) presidente della sezione famiglia del Tribunale della mia città, facevo notare come si possa sentire a disagio un uomo che, nel corso di una separazione, si trovava di fronte a un giudice donna, la segretaria del giudice donna, gli avvocati donne ed eventualmente anche il CTU donna.

Ovviamente era una chiacchierata in tono scherzoso, visto che almeno uno degli avvocati (donna) se lo era scelto lui e che il giudice donna che si occupa di separazioni non dovrebbe tifare per la moglie o avere un pregiudizio anti maschio (e quasi mai ce lo ha, in effetti).

Segnalavo però, come l’ambiente delle separazioni fosse mutato nei trenta anni in cui avevo esercitato la professione di avvocato. E che questo non era un male, avendo di fatto portato a rilievo problemi e punti di vista che quaranta anni fa erano davvero lontani dalle aule dei Tribunali. In quella discussione aggiungevo fra i veri problemi della separazione ce ne era uno che non affrontavamo mai, e cioè quello della degiurisdizionalizzazione di fatto del processo separativo.

Mi spiego meglio. Mentre trenta anni fa la triade formata dagli avvocati delle due parti e dal giudice si assumevano il ruolo di decidere l’esito del processo (anche sbagliando e litigando per intere udienze e a volte improvvisandosi esperti di materie che non conoscevano), molte delle decisioni in materia di separazione sono oggi delegate a consulenti psicologici a cui si affidano le sorti della futura famiglia destrutturata dalla separazione.

Così, attraverso quesiti sempre più dettagliati e sempre meno tecnici, vengono affidati ai CTU compiti che, a parere di chi scrive, esulano completamente da quelli di uno psicologo che dovrebbe aiutare giudici ed avvocati a dipanare matasse apparentemente non dipanabili.
Al CTU viene chiesto di stabilire i giorni che il bambino deve passare con uno o con l’altro dei genitori, chi accompagnerà in palestra il figlio, gli orari di consegna al genitore non affidatario, chi deve accompagnare il figlio dal medico o, infine, con chi passa il Natale o quanto lunghe devono essere le vacanze estive, le quantità di pernottamenti e via dicendo.

Poco senso poi, hanno anche le lunghe indagini sulla capacità genitoriale dei due separandi, indagini che ormai non si negano a nessuno. Si tratta di studi effettuati con la somministrazione di batterie di test psicologici e analisi dei comportamenti e delle storie personali. In realtà, tranne rari casi da dimostrare prima dell’affidamento della consulenza, la capacità di un genitore dovrebbe essere in re ipsa.

Un conto è che uno dei genitori si sia dimostrato effettivamente incapace ovvero che sia stato attore di condotte violente nei confronti del coniuge o/e dei figli, altro è partire da una presunzione che i genitori che si separano siano, tutt’ad un tratto, diventati incapaci di intendere e di volere il bene dei loro figli.

Il giudizio separativo, in definitiva, è diventato in questo modo un procedimento “sanitario”, dove ad operatori della psicologia o della mediazione famigliare (materie che definire scienze esatte pare davvero coraggioso) vengono affidati compiti che gli avvocati dovrebbero saper affrontare e risolvere fra di loro e senza grosso aiuto, ovvero i CTU vengono chiamati ad essere dispensatori di soluzioni che un giudice un poco disponibile ad ascoltare potrebbe escogitare senza difficoltà.

Conseguenza di questa deriva del processo separativo è che i consulenti chiedono e ottengono che la coppia genitoriale sia mandata in terapia (individuale o di coppia) arrivando, di fatto, ad un TSO che viene adottato senza nessuna delle regole previste a tutela del diritto alla salute. Ovvero ancora: ascoltano, senza la presenza del legale, persone che rilasciano pericolose dichiarazioni utilizzabili, nel caso di necessità, anche in sede penale…
Il risultato della CTU diventa, alla fine del processo, sempre indiscutibile.
Ipse dixit e quindi così si decide in sentenza, delegando ad un terzo, che appartiene ad una scuola di pensiero spesso del tutto sconosciuta e non leggibile agli operatori del diritto, la soluzione di questioni giuridiche o fattuali che il processo dovrebbe risolvere altrimenti.

Che fare, quindi?

Innanzitutto ridare alla consulenza psicologica nella separazione il ruolo che le compete, ovvero la eccezione assoluta, la chiamata in causa solo quando la disfunzione genitoriale è grave e palese, quando cioè vi sono stati accadimenti che non permettono al giudice di decidere la questione serenamente nell’interesse dei bambini.
Questioni dove i dubbi sulla bigenitorialità sono davvero gravi e la soluzione del dubbio (che è certamente potenzialmente lesiva dell’interesse dei figli) sia presa nella più assoluta delle certezze.

Infine, ma forse è un sogno: creare serie specializzazioni in materia, possibilmente ottenute in atenei, proprio per non commissionare quelle poche CTU che andrebbero realmente affidate, a impreparati operatori della psicologia che, senza avere titoli dimostrabili in materia, rischiano di diventare gli unici veri giudici dell’affidamento dei minori.

di Marco Scarpati su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/topics/jus-sputtanandi/8359/2019/

Image credit: CJ da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza